Articoli del mese di novembre 2007

Google

Scritto il 30 novembre 2007 nella categoria Internet

Da qualche mese a questa parte sto ricevendo un sacco di accessi al mio sito da parte di Google. Per la precisione arrivano da images.google.it, vale a dire il motore di ricerca di immagini. E che parola cercano i naviganti  che finiscono qui? Sembra incredibile: la parola è "google".
Se infatti andate su Google Immagini e cercate "google", al secondo posto troverete il mio sito, per la precisione questa pagina :
http://www.fabiotordi.it/?p=148

Riproviamoci con quest’altra immagine:

Google

Commenti

comments

Che forte!

Scritto il 29 novembre 2007 nella categoria Altro

Non è il solito scherzo con sorpresa finale, giuro. Guardate attentamente il puntino in centro. Quando apparirà l’immagine in bianco e nero, la vedrete a colori !!!

Commenti

comments

Andiamo a sciare

Scritto il 28 novembre 2007 nella categoria Internet,sport

Finalmente inizia la nuova stagione sciistica. Sul sito dello Sci Club Voghera potete vedere il calendario delle gite 2007 / 2008.

Stiamo allestendo una pagina con le webcam delle località che raggiungeremo con le nostre gite, se avete qualche segnalazione, fatello all’indirizzo info [chiocciola] sciclubvoghera [punto] it.

Commenti

comments

Dalai Lama

Scritto il 27 novembre 2007 nella categoria Politica

Prossimamente arriverà in Italia Tenzin Gyatso che, per chi non lo sapesse, è il quattordicesimo Dalai Lama, massima autirità del Tibel in esilio, nonchè Nobel per la Pace.

Ora, il punto è questo: i politiconi italiani hanno paura… o per lo meno sono in imbarazzo nel riceverlo. Perchè ? Semplice:

 – Il Tibet è stato invaso dalla Cina negli anni 50, e il Dalai Lama rappresenta il governo tibetano (illegale secondo Pechino).
 – L’Italia, l’Europa e tutto il mondo occidentale dipendono, e dipenderanno sempre più dalla superpotenza cinese.
 – Il governo cinese si irrita facilmente quando un governo ufficiale riceve il rappresentante di un governo che lei non ritiene ufficiale e perdipiù nemico.
 – Per non indisporre troppo i cari amici cinesi, i nostri politiconi non sanno che fare.

Il dilemma è: ricevere il Dalai Lama e fare incazzare i cinesi? O non riceverlo e fare la doppia figuraccia, quella di snobbare un così insigne personaggio e quella di piegarsi (ad angolo retto) davanti al volere dei Mandarini?

Commenti

comments

Le strisce pedonali

Scritto il 26 novembre 2007 nella categoria Riflessioni,Società

Girando per l’Europa ho notato una particolarità molto italiana. Qui da noi le strisce pedonali sono molto snobbate. Chi attraversa sulle strisce sembra domandare: "Per favore, mi fai attraversare?". Infatti, se l’automobilista sta andando veloce oppure non ha voglia, non si ferma, pensando "Si fermeranno quelli dopo di me".

A Londra per esempio, se volevi attraversare fuori dalle strisce rischiavi la morte, ma se solo mettevi un piede sulla zerba…. ZAC ! Qualunque autoveicolo nei pressi si fermava prontamente per farti attraversare. Subito, senza ripensamenti, senza dubbi. Da pedone sapevi che se volevi attraversare non c’era problema, ti avrebbero fattoo passare, tutti e subito.
Qui invece devi stare ben attento a metterlo quel piede giù dal marciapiede. Prima ti avvicini alle strisce e poi stai un bel po’ in attesa che qualcuno ti noti e, con indulgenza ti faccia segno di passare.
Da automobilista mi fa una rabbia quando mi fermo e i pedoni mi ringraziano… grrrr, ma come? E’ un vostro sacrosanto diritto quello di avere la precedenza e un mio dovere quello di fermarmi, non c’è assolutamente bisogno di ringraziare. Questa cultura dovrebbe cambiare.

Commenti

comments

THE BELLISSIM' STORY OF RED CAPPUCCETT

Scritto il 24 novembre 2007 nella categoria Altro

Vecchia ma sempre bella:

One mattin her mamma dissed:
"Dear Cappuccett, take this cest to the nonn, but attention to the lup that is very ma very kattiv! And torn prest! Good luck! And in bocc at the lup!".
Cappuccett didn’t cap very well this ultim thing but went away, da sol, with the cest.
Cammining cammining, in the cuor of the forest, at a cert punt she incontered the lup, who dissed:
"Hi! Piccula piezz’e girl! ‘Ndove do you go?".
"To the nonn with this little cest, which is little but it is full of a sacc of chocolate and biscots and panettons and more and mirtills", she dissed.
"Ah, mannagg ‘a Maruschella (maybe an expression com: what a cul that had)"
 dissed the lup, with a fium of saliv out of the bocc.
And so the lup dissed:
 "Beh, now I dev andar because the telephonin is squilling, sorry."
And the lup went away, but not very away, but to the nonn’s House.
Cappuccett Red, who was very ma very lent, lent un casin, continued for her sentier in the forest.
The lup arrived at the house, suoned the campanel, entered, and after saluting the nonn, magned her in a boccon.
Then, after sputing the dentier, he indossed the ridicol night berret and fikked himself in the let.
When Cappuccett Red came to the fint nonn’s house, suoned and entered.
But when the little and stupid girl saw the nonn (non was the nonn, but the lup, ricord?) dissed:
"But nonn, why do you stay in let?".
And the nonn-lup: "Oh, I’ve stort my cavigl doing aerobics!".
"Oh, poor nonn!", said Cappuccett (she was more than stupid, I think,wasn’t she?).
Then she dissed: "But…what big okks you have! Do you bisogn some collir?".
"Oh, no! It’s for see you better, my dear (stupid) little girl", dissed the nonn-lup.
Then cappuccett, who was more dur than a block of marm:
"But what big oreks you have! Do you have the Orekkions?".
And the nonn-lup: "Oh, no! It is to ascolt you better".
And Cappuccett (that I think was now really rincoglionited) said:
"But what big dents you have!".
And the lup, at this point dissed: "It is to magn you better!".
And magned really tutt quant the poor little girl.
But (ta dah!) out of the house a simpatic, curious and innocent cacciator of frod sented all and dissed:
"Accident! A lup! Its pellicc vals a sac of solds".
And so, spinted only for the compassion for the little girl, butted a terr many kils of volps, fringuells and conigls that he had ammazzed till that moment, imbracced the fucil, entered in the stanz and killed the lup.
Then squarced his panz (being attent not to rovin the pellicc) and tired fora the nonn (still viv) and Cappuccett (still rincoglionited).
And so, at the end, the cacciator of frod vended the pellicc and guadagned honestly a sacc of solds.
The nonn magned tutt the leccornies that were in the cest.
And so, everybody lived felix and content (maybe not the lup!).

Commenti

comments

Originalità

Scritto il 23 novembre 2007 nella categoria Politica

Ecco il nuovo simbolo del Partito Democratico, partorito dopo tanto pensare dalla fervida mente di Nicola Storto

A, no, scusate, mi sono sbagliato !!! E’ questo:

Sapete com’è, è talmente originale che è impossibile confonderlo !!!

Commenti

comments

All work and no play makes Jack a dull boy.

Scritto il 20 novembre 2007 nella categoria Altro


All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy. All work and no play makes Jack a dull boy.

Commenti

comments

Fastweb inizia a starmi antipatica

Scritto il 19 novembre 2007 nella categoria Cronache

Da quasi dua anni (cioè da quando hanno attivato il servizio nella mia città, Voghera) sono utente Fastweb. Ho fatto il contratto, è venuto l’omino a casa mia che ha svitato la presa del telefono che avevo, ha fatto uscire un cavetto che va fino ad uno scatolotto grande come un pacchetto di sigarette, fissato al muro. Questo è a sua volta collegato ad una centralina, che poi è un modem, sempre fissata al muro.

Giorni fa un amico mi raccontava che aveva aderito all’offerta di Infostrada, che funzionava molto bene. In pratica ha detto addio a Telecom e paga 10 euro al mese fino a marzo, ADSL compresa. Poi diventeranno 30 euro al mese. Ci ho pensato su, visto che io pago esattamente il doppio (60 euro al mese), perchè sono 20 euro di fisso e 40 di ADSL. Sono andato sul sito Fastweb per vedere se era una cosa complicata la procedura per cambiare operatore, ma furbescamente non c’è scritto da nessuna parte. Alla fine ho mandato un’email chiedendo "come si fa a disdire il contratto??".
Il giorno dopo mi telefona una non gentilissima signorina. Il colloquio si è svolto più o meno così:

"Come mai lei vuole andarsene?"
"Io non voglio andarmene, ho chiesto come si fa ad andarsene, è diverso!"
"Si va beh, ma perchè vorrebbe andarsene?"
"Per i costi"
"Caro signore, io non posso farle offerte più basse"
"Non ho chiesto offerte, ho chiesto come posso fara ad andarmene"
"E va beh, deve mandare una raccomandata ecc ecc, poi entro un mese le disattiviamo la linea"
"Posso avere dei tempi certi?"
"Più certi di così, le ho detto un mese!"
"A si, che bello, io un giorno torno a casa e vedo che non funziona più internet e telefono, e poi magari mi fate pagare anche il mese intero"
"No, si figuri, pagherà solo fino al giorno in cui stacchiamo la linea"

A parte il fatto che già mi ha infastidito il fatto che se gli scrivi perchè hai dei problemi non ti rispondono e invece se dici che vuoi andar via addirittura ti teleonano. E poi ho imparato che le promesse fatte dai call center raramente corrispondono a verità, vedi le mie disavventure con Tiscali.

"… e poi avrà un mese di tempo per restiruire l’attrezzatura"
"come avviene la cosa?"
"semplice, le vai in un negozio Fastweb e restituisce l’attrezzatura"
"si ma l’attrezzatura è attaccata a un muro, è venuto un omino che ha collegato tutti i fili"
"e va beh, ci saranno due viti, la smonta e la porta in negozio"
"ma scusi, per metterla viene un tecnico e per toglierla devo fare io? E se prendo la scossa?? (praticamente impossibile, ma era per vedere la sua reazione)"
"Faccia come crede, se non la restituisce le addebiatiamo 100 euro. E comunque ci sono 50 euro di penale per disdire"

E si perchè i furboni di Fastweb, ho scoperto dopo, hanno mandato assieme a una delle ultime bollette, una comunicazione dove dicevano: "Caro cliente, da adesso in avanti se disdici dovrai pagare 50 euro, se non ti va bene puoi disdire gratis entro un mese, altrimenti diamo per scontato che il tuo silenzio vale come un assenso". Capito?

Esattamente il giorno dopo la beffa: sul muro di casa mia e sulla lettera nella cassetta trovo scritto: "Abbonati a Fastweb, pagherai solo 10 euro al mese".
E no, qui qualcuno mi sta pigliando per il culo.
Allora, per fare il fracassamaroni fino in fondo ho mandato un’altra email chiedendo come mai i vecchi clienti come me venivano trattati a pesci in faccia e quelli nuovi beneficiano di cotanto sconto. Secondo voi mi hanno mai risposto???

Per finire oggi ho provato, sul sito Fastweb, a richiedere l’abbonamento on line, per vedere cosa mi dicevano. Risultato, mi dice che la mia abitazione non è ancora raggiunta dalla linea Fastweb. Siete ridicoli, non so se ridere o piangere.

Commenti

comments

Conversazioni via instant messenger

Scritto il 16 novembre 2007 nella categoria Altro

(23.14) Mister X: che colore sceglieresti negli scacchi?
(23.16) Fabio Più: nero
(23.17) Mister X: e che pezzo?
(23.17) Fabio Più: alfiere
(23.17) Fabio Più: why?
(23.17) Mister X: così
(23.17) Fabio Più: sondaggio "alla Mister X" ?
(23.17) Mister X: essendo profugo, uso immagini predefinite
(23.17) Mister X: e invento frasi filosofiche
(23.18) Fabio Più: profugo fosti?
(23.18) Fabio Più: fatti non fummo per viver come bestie
(23.18) Mister X: che mi possono funzionare da "spunto" per domande stupide
(23.18) Mister X: profugo in senso informatico
(23.19) Fabio Più: l’afliere è il pezzo più originale
(23.19) Fabio Più: sia per come è fatto
(23.19) Fabio Più: e poi mi piace come si muove
(23.19) Mister X: anche a me
(23.19) Mister X: inoltre resta sempre sul suo colore
(23.19) Fabio Più: yep
(23.19) Mister X: è coerente
(23.20) Fabio Più: si ma mai noioso
(23.20) Mister X: non è protagonista ma è importante
(23.20) Fabio Più: bravo mi piace come descrizione
(23.20) Mister X: anch’io sceglierei l’alfiere infatti
(23.20) Fabio Più: questa discussione è un buon non-sense, peccato sia fatta a quest’ora, avremmo dovuto farla alle 3 del mattino
(23.21) Mister X: già

Commenti

comments

La musica elettronica

Scritto il 13 novembre 2007 nella categoria musica

Ascolto tutti i tipi di musica.
Dalla musica classica a quella pop, dall’italiana al reggae, dal rock alla psichedelica, ecc.
Se dovessi scegliere un genere musicale preferito, direi la musica elettronica. Con questo nome si dice tutto e niente. Cosa intendo per "musica elettronica" ?
Musica generata con strumenti elettronici, non con strumenti musicali tradizionali, cioè con sintetizzatori e campionatori.
Dai primi anni ’90 amo questo genere di musica e la seguo abbastanza, nelle sue varie sfaccettature. Molti hanno provato a catalogarla con diverse etichette, a mio parere quasi inutilmente. Però possiamo provarci lo stesso.

All’inizio c’era la House e la Techno. La prima era più semplice, più orecchiabile e spesso cantata. La seconda era più ripetitiva, con sequenze o frasi ripetute e un più alto numero di battute al minuto. Era la mia preferita.
Il via è stato dato da brani come "James Brown is dead" di LA Style, "Who is Elvis?" di Phenomenia, "Pullover" di Speedy J. Poi nel 1992 il boom col nostrano Digital Boy e la sua "Muthafucker", e poi "Tetris", "Poing", ecc. Infine Ramirez, Modo, e altri.
Poi la techno andò in pensione. Per i duri e puri cattivoni ci fu la Hard Core (detta anche Gabber), con dei bpm altissimi (famose le serate alla discoteca Number One). Per gli altri ci fu la Progressive, musica con loop molto ripetitivi. Qualcuno la definì, nelle sue digressioni, Trance. Ma i nomi, come dicevo, non valgono molto. I mitici DJ set di dj come Mario Più o Ricky Le Roi, accompagnati dall’inconfondibile voce di Franchino magiaaa…. portami viaaaaaa…..
Poi è nata la Drum’n’Bass, la Jungle (non mi piace, base ritmata molto veloce, sullo stile tribale, spesso accompagnata da cantato).

Nel frattempo ho scoperto e apprezzato i precursori e i pionieri della musica elettronica, a partire dagli anni ’60 in avanti. E’ incredibile pensare come già quarant’anni fa c’era chi riusciva a tirar fuori della poesia da delle macchine. Affascinante. Avete mai ascoltato i Tangerine Dream? Fino poi ad arrivare negli anni ’80 a Pop Corn e ai mitici M.A.R.S.S. con la celeberrima "Pomp up the volume" (che non è propriamente elettronica, ma un mash-up, un copiaincolla, uno dei primi e per questo spettacolare), passando attraverso i Pink Floyd.
Sempre negli anni 90 è doveroso citare due gruppi che hanno mischiato l’elettronica con altri generi, creando stili originalissimi, come i Prodigy e i francesi Daft Punk (quelli di Around The World, li ho visti live al Rolling Stone di Milano nel 1997).
Attualmente mi piace la musica che chiamano house (che secondo me ha poco a che fare con la house di qualche anno fa e non ha nulla a che fare con la house di 15 anni fa, i nomi secondo me li danno a caso). Ascoltatevi stardust su M2o per capire cosa intendo…
Fra i grandi degli ultimi anni non posso non citare l’italiano Benny Benassi e gli inglesi Chemical Brothers e Fatboy Slim

Ecco alcuni video su youtube dei pezzi Techno, sono quasi tutti del 1991 – 1992:
LA Style – James Brown is dead
Speedy J – Pullover
Rotterdam Termination Source – Poing
Digital Boy – This is M*ther F**ker
Phenomenia- Who is Elvis?
Mastertechno- My noise
DJ Seduction- Hard Core Heaven
Ramirez – Terapia
RTZ – Dance your ass off
Human Resource – Dominator
Usura – Open your mind

Putroppo non ho trovato:
Total Groove – Reanimator
Robert Armani – Ambulanza
Datura – Yerba del diablo
Plutone – Final exit
Deee maestro – Deee concerto
Mig 29 – Mig 29
Techno Twins – It’s a crime
Game Boys – Tetris
Control Unit – Ti 6 bevuto il cervello?
Do it ! – Attenzione
Anticappella – 2/231

Commenti

comments

Vienna

Scritto il 12 novembre 2007 nella categoria viaggi

In questi giorni sono stato a Vienna per una brevissima visita.
Impressioni sparse:
Anche qui ci sono più linee della metropolitana che a Milano.
La città è molto spaziosa, con viali molto grandi e tanti bei palazzi storici.
I negozi sono quelli di ogni città d’Europa. Le vetrine sono molto ben curate (come da noi in Italia, ad esempio).
Si stavano già preparando per il Natale.
C’era più freddo che a casa mia, di giorno si girava col piuminio, la sciarpa e i guanti. Purtroppo ha quasi sempre piovuto.
Un altro aspetto che mi ricorda l’Italia e che anche li le indicazioni sono scritte quasi sempre solo nella loro lingua, così anche acquistare un biglietto per i mezzi diventa un problema per chi, come me, non sa una sola parola di tedesco.
I prezzi mi sono sembrati simili ai nostri.
Sopra al parlamento c’era una strana casa prefabbricata, non ho capito a cosa servisse…. boh??
Ovviamente McDonalds, Zara, H&M, Pizza Hut, Starbucks, ecc non mancavano.
Dappertutto ci sono riferimenti alla principessa Sissi.
Il caffè è quasi sempre Segafredo Zanetti. Se poi lo facessero bene sarebbe il massimo.
Anche qui le pizzerie italiane NON sono gestite da italiani.
Il tedesco è veramente una lingua ostica (e anche agnostica).
Sono atterrato all’aereoporto di Bratislava che dista circa un’ora e poco più di corriera da Vienna.
C’era un tizio che faceva la "statua" che stava per morire dal freddo… pazzo!
Ci sono tante chiese… ma non ho capito se li sono cattolici o no? Boh.
Qualcuno mi spieghi la differenza tra "strasse" e "gasse". Io credo che voglia dire "via" e "viale" o "corso". Giusto??
I nomi delle vie e piazze che ricordano i santi, non hanno la parola "santo" all’interno. Mi spiego meglio: la piazza Santo Stefano si chiama "Piazza Stefano", e così via.
Anche gli annunci sulle metro sono solo in tedesco.
In dogana sale il tizio e controlla i passaporti… ovviamente in modo superficiale.
L’aereoporto di Bratislava è bocciato. Usano uno strano sistema: dopo il check-in devi aspettare fuori dalla stanza del gate (in piedi). Poi fanno entrare tutti nella stanza, controllando le carte d’imbarco e, quando ci sono tutti, ti accompagnano all’aereo. In questo modo si perde un sacco di tempo e si rimane un sacco di tempo in piedi. Boh???
Le prese di corrente della pensione si adattavano a qualsiasi spina.
Ci sono i supermercati Spar.
Dei film in programmazione nelle sale non ne conoscevo uno !
Dappertutto ci sono sedi e pubblicità delle Generali. Neanche fosse una ditta austriaca.
Ci sono tanti musei.
Ci sono tante carrozze coi cavalli che portano i turisti. Ogni cavallo ha attaccato a sè il sacchetto per i… "bisognini"

Clicca qui per vedere un po’ di foto

Commenti

comments

Auto abbandonata

Scritto il 7 novembre 2007 nella categoria Altro

Fino alla settimana scorsa nella mia via c’era un’auto abbandonata. Era lì da mesi e la cosa simpatica è che ogni tanto c’era qualche multa sotto al tergicristallo. Poi colle intemperie sbiadivano o si stracciavano e così dopo un po’ ne spuntava un’altra.
L’auto aveva targa tedesca e, col passare del tempo, peggiorava: gomme sgonfie, portiera forzata, parabrezza rotto, ecc.
Ultimamente qualcuno aveva addirittura fatto sparire le targhe!!!
Ora non c’è più… c’ero quasi affezionato ;-)

Commenti

comments

Gomorra

Scritto il 6 novembre 2007 nella categoria Libri

Roberto Saviano è un  giovane autore napoletano. Ha scritto questo libro, Gomorra, dove sviscera e spiega qual è il business del Sistema, quello che i media chiamano Camorra.
Non ne parla per sentito dire, lui ci ha vissuto in mezzo, è andato nei posti, ha parlato con la gente, li ha visti all’opera. Parla di una cosa che conosce molto bene.
E’ un libro molto didattico perchè spiega a chi, come me, pensava che la Camorra fosse solo un’organizzazione criminale.
Spiega come funziona, quali sono le regole, quali le aspettative, i perchè, il perchè funziona. La psicologia di chi è parte del Sistema, i modelli di business, le strategie. Spiega il perchè succedano certe cose, a chi conviene, come funziona. Perchè anche l’imprenditoria "legale" ha interconnessioni sempre più stette col Sistema…

Infatti lui adesso deve stare sotto scorta.

Io vi consiglio di leggerelo. Se non siete di Napoli, e quindi sapete già nei dettagli come funziona, leggetelo, capirete molte ma molte ma molte cose. Perchè esiste la Camorra? Perchè non viene debellata? Perchè la gente non si ribella? Dove vanno a finire i soldi? Chi comanda? Sono tutte domande a cui questo libro da una risposta.


Andy Warhol, "Knives"

Commenti

comments

Tutto quello che un uomo

Scritto il 5 novembre 2007 nella categoria musica

Se non fosse per te, cosa avrebbe un senso sotto a questo cielo immenso?? Niente più sarebbe vero.
Se non fosse per te, come immaginare una canzone da cantare a chi non vuol sentirsi solo ??
Se non fosse per te crollerebbe il mio cielo. Se non fosse per te sarei niente, lo sai.
Perché senza te io non vivo, e mi manca il respiro se tu te ne vai.

Quando sono con te chiudo gli occhi e già volo; d’improvviso la malinconia se ne va. Dai pensieri miei cade un velo e ritrovo con te l’unica verità.
Solamente tu sai, anche senza parole, dirmi quello che voglio sentire da te.
Io non ti lascerò fino a quando vivrò. Tutto quello che un uomo può fare… stavolta per te lo farò.

Una pioggia di stelle ora brilla nell’aria, ed il mondo mi appare per quello che è: un oceano da attraversare, per un cuore di donna o la spada di un re.

Perché senza te io non vivo e mi manca il respiro se tu te ne vai.
Solamente tu sai, anche senza parole, dirmi quello che voglio sentire da te.
C’è un tempo per l’amore, che spiegarti non so. Tutto quello che un uomo può fare… stavolta per te lo farò.
Tu sarai la regina dei miei desideri, l’orizzonte costante di questa realtà.
Tu che sei per me, come vedi, tutto quello che un uomo sognare potrà.
Tutto quello che un uomo sognare potrà…


Era "Tutto quello che un uomo" di Roberto Kunstler, Sergio Cammariere

Commenti

comments