Articoli del mese di gennaio 2010

Incipit

Scritto il 29 gennaio 2010 nella categoria testi

Come al solito il comandante del Millenium Falcon si richiuse nella sua stanza per la notte, solo. Scorrevano tanti pensieri nella sua testa. Si rivedeva bimbo quando aiutava zio Hakab a riordinare le reti da pesca sul molo.  Prese un libro a caso dallo scaffale e provò a leggerne qualche riga. Era un romanzo, di quelli che sembrano tutti uguali. I suoi occhi scorrevano le parole, ma i pensieri volavano per conto loro.  Chiuse le pagine e appoggiò il libro, girandosi nella sua cuccetta. Non prese sonno molto presto. Ripensava a quella volta che cercò di intuire cosa si nascondeva dentro gli occhi di quella donna e gli venne in mente quella strofa della canzone: “io ti cercherò negli occhi delle donne che nel mondo incontrerò e dentro quegli sguardi mi ricorderò di noi…” . In effetti gli era capitato, a volte, di rivedere negli sguardi delle altre donne quegli occhi color acciaio.

Quella notte dormì un sonno breve ed agitato. In fondo era contento di avere poco tempo per se, così non poteva pensar ad altro che al suo lavoro. Era il comandante e la responsabilità sull’equipaggio e sull’andamento della missione ricadeva sulle sue spalle. Sognò sua figlia, piccola creatura che aveva potuto veder solo pochi istanti, prima di essere allontanato. Dopo quel giorno gli fu vietato di vederla e mesi dopo si iscrisse all’accademia navale. Dove sarà  ora? Ha dodici anni, dodici come le fatiche di Ercole. Come saranno le sue mani e di che colore i suoi capelli? Chi chiamerà Papà? Il capitano si alzo con un misto di nostalgia e malinconia per questi suoi pensieri. Ad un tratto suonò l’allarme. Non perse tempo ad abbottonarsi la protocamicia e si diresse di tutta fretta verso la sala comando. Stavano per incrociare un branco di baledonti, enormi esseri viventi che viaggiano ad una velocità prossima a quella della luce. Ormai era troppo tardi per virare. Accidenti, chi era di turno allo spaziosonar? Avrebbe punito duramente il responsabile di questa negligenza, ma ora non c’era tempo, dovevano prepararsi all’impatto. Diede disposizioni di azionare le tute protettive a cercare di raggiungere le scialuppe. Mentre si dirigeva verso la sala dei sottoufficiali, la tecnonave venne scossa in modo violentissimo dallo scontro con uno di quei bestioni. Non fece in tempo a rialzarsi quando un altro colpo lo fece barcollare, e poi un colpo ancora, e ancora un altro: ormai il Millenium Falcon si era spezzato in più punti.

"Solo, la pa loiya Solo!"
"Bone duwa pweepway?"
"Han, ma bookie, keel-ee calleya ku kah."
"Wanta dah moolee-rah…"
"Mon kee chees kreespa Greedo?"
"Han, ma kee chee zay."
"Hassa ba una kulkee malia…"
"Lude eveela deesa…"
"sloan dwa spasteega el was nwo yana da gooloo?"
"Han, ma bookie, baldo nee anna dodo da eena."
"See fa doi dee yaba…"
"Dee do ee deen."
"Ee ya ba ma dookie massa…"
"Eek bon chee ko pa na green."
"na meeto do buny dunko la cho ya."
"Boska!"

 

Commenti

comments

Gadget tecnologici

Scritto il 27 gennaio 2010 nella categoria Me stesso

Io, e chi mi conosce lo sa, sono abbastanza appassionato di gadget tecnologici. Ma quali sono i miei preferiti?

  • Lettore DVD/DivX portatile. Troppo comodo, ti butti sul letto, lo apri e ti vedi un film. Qual è il vantaggio migliore? Che è piccolo e puoi vederlo in qualsiasi modo tu stia sonnecchiando.
  • Fotocamera digitale. Sono un patito delle foto e mi piace avere una compatta sempre in tasca pronta a fare foto stupide o semiserie.
  • Cellulare. Indispensabile. Da anni per telefonare uso solo la telefonia mobile. E poi per gli sms, una delle invenzioni più belle degli ultimi anni. E gli MMS, la rubrica, l’agenda, i giochini. E poi l’imprescindibile sveglia.
  • Televisione. La consideriamo un gadget tecnologico? No? Allora aggiungo la navigazione televideo e gli accessori che ho connesso, vale a dire il videoregistratore, il lettore DVD/DivX, e il "cubotto", cioè quel robo che ha dentro un hard disk e lo collego al PC via rete Wireless per pompargli su i film e vedermeli in TV. Non avete capito? Fa lo stesso…
  • Chiaramente il Computer. Ci ho passato e ci passo un sacco di tempo: videogiochi, internet, musica, immagini, film, contabilità, divertimenti, esperimenti, programmazione, ecc. ecc. ecc. Ho sempre e avrò per sempre il mio PC "fisso". Troppo comodo il fisso, ci fai di tutto comodamente. Ma proprio di tutto. E poi ho il portatile: in questo periodo un netbook Asus.
  • Orologio digitale. Odio quelli analogici, mi sembrano così imprecisi
  • Navigatore. Pensate che quando giravo con la mia mitica e mitologica Fiat Tipo pensavo: "la prossima auto la prendo con gli alzacristalli elettrici, così quando devo fermarmi a chiedere la via sono molto più comodo, e non mi devo coricare sul sedile lato passeggero per tirar giù il finestrino a mano". Invece sono cambiati i tempi e col navigatore non hai più bisogno di chiedere.
  • Calcolatrice. Banale ma indispensabile, io non mi fido mai dei conti che faccio a mente. Mai.

Poi in passato ho avuto e tuttora ho tanto altri gadget che magari ora uso poco o niente, perchè sono superati, come la playstation, perchè hanno meno senso di esistere, come il gameboy, il palmare, l’ipod, perchè una volta non ce l’aveva nessuno e adesso è talmente banale da dire, come la chiavetta usb. Tra i tanti del passato: la chiavetta wi-fi per il palmare, l’access point wireless per la rete di casa, il digitale terrestre (e si, io ce l’avevo già due anni fa, poi l’ho venduto, la tv è un sistema poco interattivo per i miei gusti), l’etilometro portatile (una cazzata). Tra gli ultimissimi gadget del 2009: il portachiavi-cornice-digitale, la macchinetta che verifica i soldi, l’hard disk esterno per il portatile, il cubotto (vedi sopra), la internet key (come direbbe Totti: "ma chi??").


Voghera, Piazza S. Bovo

Commenti

comments

Avatar

Scritto il 26 gennaio 2010 nella categoria Cinema

Sono anche io uno di quei tanti italiani (e europei) (e…"mondiali") che è stato al cine a vedere questo nuovo film. I miei soci hanno voluto vedere la versione 3D e proprio di questo volevo parlarvi.

Il film è bello, non c’è che dire, basti pensare che alla fine della proiezione è scattato l’applauso (giuro! …ma siamo in Italia…). La storia è avvincente e, anche se dura parecchio, appassionante.

Il 3D invece lo reputo abbastanza insopportabile. Nei primissimi istanti avevo quasi deciso di togliere gli occhialini e guardarmi il film così, ma mi sono subito reso conto che avrei visto male, come se mi fossi tolto le lenti a contatto. Quindi li ho rimessi. Il secondo aspetto negativo, parlando proprio di lenti a contatto, è stato che mi si sono seccati gli occhi, forse per il maggior sforzo. Infine è subentrato il mal di testa (sintomo comune a molti, ho notato). Insomma, sinceramente se fosse stato "normale" e non "3D" mi sarebbe piaciuto di più.

Volete provare l’esperienza del 3D? Andate a Gardaland, dove il filmino dura 5 minuti: vi divertite, ci appassionatre e la cosa finisce lì. Secondo me le 3 ore di Avatar sono un po’ troppe per il 3D.

Commenti

comments

101 cose prima di morire

Scritto il 23 gennaio 2010 nella categoria Libri

Mi è stato regalato questo interessante libro, in inglese, che spiega le 101 cose da fare prima di morire. Ve ne elenco alcune assolutamente a caso:

  • "Write a Best-seller". Scrivi un best-seller
  • "Meet someone with your own name". Incontra qualcuno col tuo stesso nome.
  • "Go up in a hot air balloon". Vai in mongolfiera.
  • "Meet you idol". Incontra il tuo idolo, il tuo mito.
  • "See the aurora borealis". Vedi un’aurora boreale.
  • "Get a free upgrade on a plane". Ottieni gratuitamente un avanzamento di classe durante un viagio in aereo.
  • "Throw a dart into a map and travel to where it lands". Lancia una freccetta su una mappa e vai nel posto in cui cade.
  • "Milk a cow". Mungi una mucca.
  • "Make the front page of a national newspaper". Finisci sulla prima pagina di un quotidiano nazionale.
  • "Save someone’s life". Salva una vita.
  • "Drink a vintage wine". Bevi un vino d’annata.
  • "Be an extra in a film". Fai la comparsa in un film

Io di queste non ne ho fatta propriamente neanche una, ma ad almeno 3 o 4 ci sono andato molto vicino. In ogni caso è segno che ho ancora tanta tanta tanta vita davanti per poterle fare tutte e 101 !!!!

Ma voi vi rendete conto che talento che era Bernini? Questa qui a fianco è una delle sue innumerevoli grandi opere, il Ratto di Prosperina, che si trova a Roma alla Galleria Borghese. Immagino che non ve ne freghi nulla o quasi, ma volevo solo farvi riflettere sulla qualità (e oltretutto sulla quantità, Roma ne è disseminata) delle opere del Bernini, per gli amici Gianly. Poi, per gente come me che non riesce neanche a immaginarsi di tirare una riga dritta, è ancora più spaventosamente fantastico scoprire che tali opere sono uscite da una mano umana. Strabiliante. Ma li vedete che paiono vivi? Anzi, più che vivi, esteticamente perfetti. Ok, la smetto, scusate, ma tanto anche l’argomento del post di oggi è abbastanza noioso….

Commenti

comments

Aneddoti 12

Scritto il 22 gennaio 2010 nella categoria Cronache

Entra una signora, mentre il negozio è pieno di gente e io sono da solo e lei, chiaramante, vuole essere servita subito immediatamente.

– Vorrei vedere quella rossa in vetrina.

– Quella rossa… cosa? In che vetrina?

– La cuffia rossa, l’ho vista in una vetrina, non so quale, una vetrina….

Allora io guardo le vetrine e vedo una cuffia rossa, abbinata alla sciarpa.

– Questa?
Le dico indicando la cuffia rossa in vetrina.
E lei, senza muoversi di un centrimetro, e quindi senza poter vedere ciò che stavo indicando, replica un po’ stizzita.
– Ma si, quella rossa in vetrina.

Mi infilo in vetrina e recupero ‘sta cuffia. Ovviamente, come prevedibile, non era quella che voleva la signora, perchè ce n’era un’altra, sempre rossa. Se solo si fosse degnata di indicarmela prima…
Allora mi ributto in vetrina e prendo l’altra cuffia.

– Questa?

– Si, è proprio lei.

– Bene, eccola.

– C’è solo rossa?

-Beh…. si

-Ah no, a me interessava nera, grazie e arrivederci.

Giuro, non è una barzelletta come mi hanno già chiesto, sono tutte storie vere.

Commenti

comments

Samsung GT-S5230

Scritto il 21 gennaio 2010 nella categoria telefonia

Sono un felice possessore di un Non-Nokia, regalatomi a natale. Per la precisione un Samsung GT-S5230., noto anche come Samsung Star. E’ quindi da circa un mese che ci smanetto, ma ho ancora dei dubbi che vi sottopongo, se per caso sapete aiutarmi:

  • Come si tolgono le frecce dai giochi? Quando apro un giochino, anche di quelli in java scaricati, in fondo allo schermo appaiono delle frecce che dovrebbero servire come joypad. Peccato che io prediliga i giochini completamente touch, dove le frecce non servono, quindi vorrei farle sparire. Come si fa?
  • Come si gestisce lo spazio destinato agli sms? Ho a disposizione memoria per 500 sms. Siccome ho istallato una microSD da 4 gB non ho problemi di spazio, quindi come si fa ad aumentare lo spazio destinato ai messaggi?
  • Come si gestisce il multitasking? Io ero (anzi sono, con il mio fido N70) abituto a passare da un’applicazione all’altra senza problemi. Invece qui se sto guardando le foto non posso leggere i messaggi, se sto giocando non posso guardare l’agenda, ecc. Non c’è un tasto "Menu", accidenti??
  • Come si fa il copia e incolla? Una delle cose più banali, ma talvolta indispensabili. Come si fa?
  • Esiste un lettore multimediale un po’ più completo? Come ho detto, non ho problemi di memoria e ho messo tante belle canzoni da ascoltare mentre sono in giro. Esiste un lettore multimediale un po’ più carino di quello preistallato?
  • Come si mette il flash? Quando faccio le foto il flash non esiste, e non lo trovo nel menu. Non c’è??
  • Altra cosa per me molto importante: come si fa ad "insegnare" al T9? Mi spiego meglio: quando scrivo un messaggio e il T9 non mi riconosce una parola, sono abituato a memorizzarla in modo che la volta successiva lui la riconosca. Si può fare anche con i Non-Nokia? Come?

Avrei altri quesiti ma in questo momento non me li ricordo….

Commenti

comments

Via Craxi

Scritto il 20 gennaio 2010 nella categoria Politica

"Via Craxi", inneggiano i sostenitori dell’ex presidente del consiglio per antonomasia degli anni ’80. Vorrebbero che qualche grande città, per esempio la sua Milano da Bere, gli dedicasse una via.

"Via Craxi", tuonano i militanti del partito di Di Pietro, che assolutamente non vogliono riferimenti ad un uomo politico condannato in via definitiva, come Benedetto detto Bettino.

Si consolino i sostenitori: nessuno mai ha intitolato una via neanche a Benito Mussolini.

Commenti

comments

A.A.A.

Scritto il 14 gennaio 2010 nella categoria Altro

Annuncio importante: cercasi lavoro, rigorosamente in nero, quindi senza contributi, inps, inpdap, inail, irap, iciap, irfep, irpeg, iva e quant’altro.

Zona di lavoro: Milano o sud hinterland.

Soggetto disposto a questo tipo di lavoro: trentunenne educato e gentile, automunito, militare assolto, quindicinale esperienza come operaio specializzato, attualmente cassintegrato e abbastanza sco*****ato. Esperienza saltuaria come cassiere / barman presso pub e esperienza, sempre chiaramente in nero, come commesso in stagione estiva.

Il soggetto non intende sottoporsi a turni di lavoro troppo duri, nè a spostarsi troppo distante dalla propria abitazione (zona Milano Sud, per la precisione vicino a Via Giovanni da Cermenate).

Il suddetto lavoro gli servirebbe per arrotondare la già cospicua paga rubata allo stato attraverso la cassa intergazione straordinaria, per salvarsi dall’inedia, per salvare i propri contatti di facebook da continui aforismi negativi, cinici, malinconici e autodistruttivi, per non buttare tutti i soldi in macchinette e magari anche per conoscere gente nuova.

Si prega di astenersi datori di lavoro troppo pretenziosi. Cercate di capire la situazione, qui si tratta di salvare una vita, non di farlo faticare.

Ovviamente mi impegno a non divulgare notizie inerenti tali offerte fuorilegge alle forze dell’ordine.

Sostieni il governo, aiutaci a trovare un nuovo posto di lavoro: commesso, garzone, magazziniere, tornitore, spazzacamino, maschera del cinema, aiuto-portantino, ascensorista, tronista, comparsa, partecipante ai reality… insomma tutto fa brodo.

 

Commenti

comments

Duemiladieci

Scritto il 12 gennaio 2010 nella categoria Riflessioni

Di solito con l’anno nuovo si fanno i cosiddetti buoni propositi, quelli classici come mettersi a dieta, smettere di fumare, iscriversi in palestra, ecc. Oppure quelli più strani come iscriversi al corso di parapendio

Io, come sempre, non faccio buoni propositi. Il motivo che mi spingerebbe a farli, l’anno nuovo, non è abbastanza motivante. Ciò nonostante, mi piace quando inizia un nuovo anno, perchè porta una ventata di novità. Al lavoro ho un po’ più di tempo (perlomeno la domenica), magari riesco ad andare a sciare, come domenica scorsa a Pila. Per il resto… tutto come prima, cioè tutto bene. Ne approfitto per fare un grosso in bocca al lupo al mio amore che proprio ieri ha incominciato una nuova avventura professionale a Voghera

Commenti

comments