Articoli del mese di marzo 2014

Gli sbattimenti della vita (4)

Scritto il 29 marzo 2014 nella categoria Simpatiche

  1. Quelli che chiedono "Quanta fame hai" prima di buttare la pasta
  2. Uscire a buttare la spazzatura
  3. Mentre chiacchieri sul bordo della piscina arriva un bambino, si tuffa e ti bagna
  4. La spremuta d’arancia allungata con l’acqua
  5. Entri in un locale e ti si appannano gli occhiali
  6. Quando il prof a voce alta ti dice: "Fai ridere anche me!"
  7. Dare la cera e poi scivolare
  8. Durante l’aperitivo ha il piatto in una mano, il bicchiere nell’altra e non sai come fare
  9. I coltelli che non tagliano
  10. Quel pezzo di parabrezza che i tergicristallo non riescono mai a raggiungere
  11. Fare una sola foto che poi risulterà sfocata
  12. La birra sgasata
  13. I baristi che ti mettono il cucchiaio da te quando ordini un caffè
  14. Non ricordarsi se hai già zuccherato il caffè
  15. Quelli che chiamano le figlie Natascia, Katiuscia o robe simili
  16. Fare la fila allo sportello sbagliato
  17. Uova di pasqua enormi con una sorpresa da 10 centesimi
  18. Temperare troppo la matita e rompere subito la punta
  19. Ti sei appena messo la crema in spiaggia e subito un filo di vento che ti butta addosso la sabbia
  20. …oppure passa un bambino col piede pesante che alza una tempesta
  21. Perdere il segno del libro
  22. Quelli che ti chiedono un fabbro/eletticista/meccanico e poi si lamentano di quello che gli hai consigliato
  23. Le istruzioni tradotte malissimo dall’inglese (o magari dal giapponese….)
  24. Non trovare parcheggio entro 100 metri da dove vuoi andare
  25. Quando ti si spezza il turacciolo mentre stai aprendo una bottiglia di vino
  26. Cercare di infilare il filo nella cruna dell’ago
  27. Quando esci di corsa dalla doccia, raggiungi il telefono e…l’altro mette giù
  28. Appena entri in autostrada l’auto entra in riserva
  29. Quando acquisti un oggetto imballato e il polistirolo ti va in giro per tutta la casa
  30. Quelli che danno i consigli
  31. Avere un sacco da fare e non riuscire a combinare nulla
  32. Gli elastici vecchi che si rompono
  33. Uscire controvoglia e annoiarsi
  34. Poca crema solare e ti scotti, troppa e non ti abbronzi
  35. Le scarpe nuove che fanno male
  36. I carabinieri in agguato dietro al cartellone
  37. Non ricordarsi le parole delle canzoni
  38. I bidoni della spazzatura che d’estate puzzano terribilmente
  39. Quelli che parlano in falsetto ai bambini
  40. I carrelli del supermercato che vanno storti
  41. Gli stranieri che mangiano pizza e bevono cappuccino
  42. Il cappuccino delle macchinette
  43. Non avere mai spiccioli quando servono (e ricevere il resto tutto in spiccioli)
  44. Quando scopri che il tuo maglione preferito ha le tarme
  45. Mordersi la lingua
  46. Le palline da tennis che non rimbalzano più
  47. Quelli che dicono di non guardare un determinato programma tv ma continuano a parlarne
  48. Il latte che trabocca sul fornello
  49. I pomodori che non sanno di niente
  50. Il cordoncino del cappuccio della felpa che rientra tutto


Photo credits to: Il Pagante

Commenti

comments

Voghera spoglia

Scritto il 27 marzo 2014 nella categoria Arte,voghera

Povera Voghera. Una volta c’era il "pendolino" che si fermava in un nodo ferroviario importante. Una volta c’era il tribunale. Tra un po’ saremo senza sede della Camera di Commercio, Stazione dei Carabinieri, Agenzia delle Entrate. Ed è già buona che c’è ancora qualche ufficio aperto, i vigili del fuoco, il giudice di pace, l’ospedale. Per fortuna che c’è ancora qualche negozio che tiene duro e non chiude.

E per fortuna che a Voghera c’è la più antica fiera della Lombardia, la fiera dell’Ascensione, la Sensia. Però…. però cosa?

Però quando ero piccolo alla Fiera dell’Ascensione gli espositori erano artigiani e commercianti di Voghera. Adesso…. al di là del fatto che il mercato degli ultimi giorni è un mercato con poca qualità dove vengono vendute cose che trovi in qualunque mercato d’Italia (ma questo ormai è -purtroppo- un dato comune di molti mercati e mercatini), il problema (grosso) è che gli espositori nel cortile interno NON sono di Voghera. E questo è un male.

Negli ultimi due anni la fiera si è un po’ risollevata grazie agli espositori/venditori di alimentari. Ma, con tutto il rispetto per i nostri prodotti enogatronomici che sono di qualità altissima, non possiamo trasformare la Sensia nella "Sagra dell’Agnolotto". E per fortuna che Savignoni è di Voghera, non è stato chiamato un espositore "forestiero". Ribadisco: nella nostra zona abbiamo dei prodotti (vino, salumi e formaggi) che sono di una qualità eccelsa e non sono adeguatamente valorizzati. Per esempio tutti in Italia conoscono il Salame Milano e pochi il Varzi, le mele della Val di Non (e quelle di Bagnaria?), e quando parli di vino Lombardo ti dicono solo Franciacorta (e l’Oltrepo?). Detto questo, la fiera non può limitarsi ai soli prodotti enogastronomici, deve essere una vetrina per l’intero settore industrial-commerciale!

Perchè gli espositori vogheresi disertano la fiera? Per la burocrazia (vedi l’episodio quando l’Ispettorato del Lavoro ha multato amici e parenti che stavano aiutando a smontare gli stands) e soprattutto per i costi (che non vengono ripagati dal ritorno economico, specialmente in questi anni di crisi). E quindi voi direte: bene allora è giusto che gli organizzatori chiamino altri disposti a spendere. Io non lo trovo giusto, invece: lo scopo di un’amministrazione NON è quello di fare cassetto a tutti i costi.

Quindi faccio nel mio piccolino un modestissimo appello agli amministratori locali: Sindaco, Giunta, Consiglio Comunale. Date la possibilità alle attività di Voghera, così come dell’Oltrepo e della Valle Staffora, di poter esser presenti alla Sensia. Non dovete vedere queata festa come un’occasione di mero guadagno, ma come un’opportunità per aiutare le attività della zona. Meglio mettere un vogherese ad un certo canone che un milanese/bolognese/vietnamita al doppio o al triplo. Con tutto rispetto per i milanesi, i bolognesi e i vietnamiti questa dovrebbe essere la Fiera di Voghera, dove sono esposte le attività della zona. Pensate che opportunità anche in vista di Expo 2015. Se l’anno prossimo un turista venisse a Voghera per l’Ascensione e si accorgesse che ci sono poche attività della zona cosa penserebbe? E quindi, se le attività locali non ci sono, cari signori, è compito vostro invitarle, sostenerle e farle partecipare, e non, come è capitato in passato, mettergli addidittura i bastoni tra le ruote.

Perchè se un arbitro fa una partita con 10 espulsi non sono i giocatori ad essere tutti delinquenti, ma l’arbitro che non ha saputo gestire. E se in una classe sono quasi tutti bocciati sono gli alunni che sono tutti somari o è il professore che è incapace?

Chi ha orecchie per intendere…intenda.


El Greco (Dominikos Theotokopoulos) – Crocifissione (1595-90)

 

Commenti

comments

Video sui navigli

Scritto il 25 marzo 2014 nella categoria musica

Vi ricordate queste tre canzoni? Non notate che si qualcosa di leggermente simile nei tre video?

Commenti

comments

Primavera

Scritto il 21 marzo 2014 nella categoria Me stesso

E’ passato un anno da quando ci hai lasciati su questa terra, ma da allora non hai smesso un momento di guidarci e proteggerci da lassù, come hai sempre fatto da buona moglie e splendida madre. Volevamo ringraziarti ancora perchè se siamo ciò che siamo lo dobbiamo anche a te che ci hai messo al mondo, ci hai insegnato tanto e ci hai saggiamente indirizzati e accompagnati sui sentieri della vita. Vivi ancora in noi e sarai sempre nei nostri cuori. Un bacio.

Commenti

comments

Gadget per Nexus 5

Scritto il 2 marzo 2014 nella categoria Informatica,Internet

Sono un felice possessore di questo telefono. Come, quale telefono? Quello del titolo: il Google Nexus 5 by LG. In attesa della futura uscita del Nexus 6 (probabilmente costruito da Lenovo / Motorola) ho comprato qualche gadget.

Per esempio le cover: questa:

Rigida, ben fatta. E poi trasparente sul retro. Stilosa. Ma inadeguata. Troppo rigida, si fa fatica coi tasti fisici.
Poi uno stock di cover commose e colorate, queste:

Poi una gran figata: il caricatore senza filo. Basta appoggiarci sopra il telefono e questo si carica!

E infine la batteria d’emergenza: quando sei in giro e non sai come fare, tiri fuori questo aggeggino e ricarichi il telefono:


Tutte queste cosine le trovate nei soliti marketplace, tipo Amazon e eBay o dove volete voi…
Per ora mi sono fermato a questi, ma mi piacerebbe una chiavetta con tecnologia miracast: la colleghi alla TV via HDMI e replica sullo schermo televisivo ciò che passa sul cell. Comodo per vedere le foto, i video o quant’altro. Costicchia un po’ di più, ma non è il prezzo a fermarmi, prima vorrei esser sicuro che funzionino bene e non siano laggate (o senza audio)

Commenti

comments

Anima fragile

Scritto il 1 marzo 2014 nella categoria Me stesso

La curiosità anima gli scienziati, la sensibilità gli artisti. Io non mi voglio includere in nessuna delle due categorie, ma ambiziosamente cerco di "pescare" dagli uni e dagli altri. Gli scienziati sernza sensibilità sono aridi e freddi, gli artisti senza curiosità hanno un’anima fragile.
Preferisco non essere nè l’uno nè l’altro, ma un pochettino di entrambi.

Bello questo pensiero scaturito alle 3 di mattina! Prima o poi lo trasformerò in un post del blog, visto che non ho molte idee ultimamente (è dura il lavoro del blogger, a volte sei in crisi di ispirazione, ma i lettori vorrebbero sempre delle novità !!!!)

Dai ci vediamo domani sera (stasera ormai), e per il futuro mi scuso se non sarò all’altezza di quello che dici… parleremo di quello che ci va, anche se fosse noioso…

Commenti

comments