Articoli del mese di gennaio 2015

Chi era costui?

Scritto il 29 gennaio 2015 nella categoria Brallo

Il lettore del blog Matteo mia ha mandato tempo fa questa foto. Ha trovato in una soffitta questo ritratto di un uomo con l’iscrizione: "morto a Pregola – Stato di Sardegna – 22 Marzo 1851", ma purtroppo nessun nome.

Dato che la sua famiglia vive da generazioni in Lunigiana e non ha legami con Pregola, ha pensato potesse essere un Malaspina di quelle zone.
 
Cliccare sulla foto per vederla a dimensione maggiore. 
Speriamo che qualcuno possa identificare questo personaggio.
 
Ricevo e giro da parte di Fiorenzo Debattisti:
"A Fabio e Matteo e agli appassionati di storia locale
Ri guardo al dipinto pubblicato in questo sito tendente a conoscere chi fosse la persona rappresentata, posso affermare che si tratta del parroco di Pregola Pietro Castellotti nato a Pontremoli da Andrea e da Marioni Anna Maria. Morto a Pregola all’età di 66 anni e tumulato nel cimitero locale."

Commenti

comments

Accidenti

Scritto il 21 gennaio 2015 nella categoria musica

Se c’è una bella al mondo sei più bella tu. Se c’è chi è troppo bella tu lo sei di più. Sei qui davanti a me ma non mi sembra vero. Accidenti come sei bella. Tu mi guardi negli occhi con un sorriso e mi dici sussurrando piano piano. Me non esagerare che non è vero. Sei proprio carina davvero. Accidenti come sei bella. Accidenti come sei bella. Sei bella come quando l’acqua viene giù. Sei bella anche di più. Sei bella anche di più. Poi guardandoti negli occhi. Non importa che mi tocchi. Basta che mi stai vicino. Io sto fermo e non respiro. Più ti guardo e mi consolo. Sei più bella che in un sogno. Quasi non mi sembra vero. Sei la mia metà del cielo. Sei la mia metà del cielo. Se c’è una bella al mondo sei più bella tu. Se c’è chi è troppo bella tu lo sei di più. Sei qui davanti a me ma non mi sembra vero. Accidenti come sei bella. Accidenti come sei bella. Accidenti come sei bella. Sei bella come quando l’acqua viene giù. Poi guardandoti negli occhi. Non importa che mi tocchi. Basta che mi stai vicino. Io sto fermo e non respiro. Più ti guardo e mi consolo. Sei più bella che in un sogno. Quasi non mi sembra vero. Poi guardandoti negli occhi. Non importa che mi tocchi. Basta che mi stai vicino. Io sto fermo e non respiro.

Commenti

comments

Iniquità della patrimoniale

Scritto il 15 gennaio 2015 nella categoria Politica,Riflessioni

Dunque, parliamo di tasse (balzelli, diritti, gabelle, imposte, canoni, tariffe, gravami, tributi, pedaggi, contributi, imposizioni, dazi, trattenute, o come le volete chiamare).

Ci sono quelle da pagare per l’utilizzo di un bene o servizio, come il canone Rai, il pedaggio delle autostrade, il ticket sanitario, l’iscrizione a scuola, ecc.

Poi ci sono quelle sul reddito: tu guadagno un tot e su quel tot una percentuale va a finire nelle casse pubbliche.  Su quanto sia o meno la giusta percentuale possiamo stare qui a discuterne, ma non è l’argomento di questo articolo

L’argomento è: le tasse sul patrimonio. Funziona così: tu hai un qualcosa e solo per il fatto di possedere questo qualcosa devi pagare, anche in questo caso una percentuale. Questo crea delle difficoltà. Se nel caso delle tasse sul reddito tu disponi di liquidità (a meno che il tuo reddito non sia costituito da prodotti agricoli, ma solitamente si tratta di una cosa sola: soldi) e puoi quindi accantonarne una parte per poi devolverla all’erario, nel caso di un patrimonio potresti non averne.

A me piace parlare per esempi, quindi eccone un paio: sei un dipendente, hai il tuo bel stipendio su cui vengono trattenute le opportune gabelle. A fine anno avrai quindi contribuito alle spese dello stato (cioè di tutti, in teoria) con una parte del tuo reddito (che invece di esserti stato versato è stato versato direttamente allo stato). Oppure sei un lavoratore autonomo: incassi 70 mila euro, hai 40 mila euro di spese, quindi guadagni 30 mila euro, su cui pagherai un po’ più della metà, ma per semplificare facciamo che ti rimangono 15 mila euro. Hai versato una parte dei tuoi guadagni allo stato. Fine. Semplice.

E invece no. Ci sono le famose tasse "patrimoniali", prima tra tutte la celeberrima IMU o ICI o COMECAVOLOSICHIAMA. Tu hai una casa, magari perché con tanti sacrifici l’hai comprata, o perché l’hai ereditata, o magari te l’hanno regalata o comprata a tua insaputa come Scajola. Fatto sta che ce l’hai lì, non ne stai ricavando reddito (o magari si, ma nota bene che su quel reddito ci stai già pagando le tasse). Però lo stato ti impone di pagare un piccola percentuale sottoforma di tassa.

Non lo trovo giusto. Se io ho una casa che vale 100 e la tassa patrimoniale fosse del 1%, io ogni anno devo pagare 1. Dove li prendo? Vendo 1/100 di casa. Dopo 10 anni avrei un "pezzo" di casa che vale 90. Perché 10 li ho dati allo stato. E’ giusto? A me sembra di no. Qualcuno può dire: e va beh affittala a qualcuno e paga l’IMU. Si, io posso anche affittarla, ma come detto su quell’affitto ci pago già le tasse. Perchè devo pagarle ANCHE sul valore della casa? E poi diciamocelo: magari non riesco ad affittarla, magari non mi pagano l’affitto, ecc. E oltre alla beffa dei dover (per legge!) pagare le tasse anche sugli affitti non realmente percepiti (che è già un’anomalia), il danno di dover pagare anche l’IMU su una casa di cui non dispongo.

Forse ho capito: lo stato ladro, per mantenere la suo voracità, come fosse il Nulla che si pappa il Regno di Fantàsia, ha bisogno sempre di nutrimento. E nella realtà non si mangia la fantasia dei bimbi, ma il grano degli adulti. E quindi prima per 50 anni ha convinto gli italiani a risparmiare, a mettere i soldi nel mattone, e adesso dice: "Ti ho fottuto! Adesso te li piglio tutti a poco a poco (ma neanche così poco), tanto so dove prenderli, nelle case, ti ho convinto io!"

Bella roba. Ma almeno vedessimo i risultati, e invece vediamo sempre quei fanfaroni scaldasedie che pensano solo ed esclusivamente ai cazzi propri, mangiando e bevendo alla facciazza nostra.

Commenti

comments

Immagina

Scritto il 11 gennaio 2015 nella categoria Citazioni

Immagina non ci sia il Paradiso
prova, è facile
Nessun inferno sotto i piedi
Sopra di noi solo il Cielo
Immagina che la gente
viva al presente…

Immagina non ci siano paesi
non è difficile
Niente per cui uccidere e morire
e nessuna religione
Immagina che tutti
vivano la loro vita in pace…
 
Puoi dire che sono un sognatore
ma non sono il solo
Spero che ti unirai anche tu un giorno
e che il mondo diventi uno
 
Immagina un mondo senza possessi
mi chiedo se ci riesci
senza necessità di avidità o fame
La fratellanza tra gli uomini
Immagina tutta le gente
condividere il mondo intero…
 
Puoi dire che sono un sognatore
ma non sono il solo
Spero che ti unirai anche tu un giorno
e che il mondo diventi uno

Panoramica della Valle Staffora dal Passo del Penice (Dicembre 2014)
Foto di "GiamesPhoto: Foto, Storie e Leggende dall’Appennino delle Quattro Province"

Commenti

comments

I tre colonnelli

Scritto il 6 gennaio 2015 nella categoria Altro

Dario Rebolini è mio zio. E’ stato partigiano. Qualche anno fa ha scritto una storia romanzata, intitolata "I tre colonnelli", che poi è stata pubblicata sottoforma di libro. 

Deve essere stata un’esperienza che ti sconvolge la vita. Parti militare, ti mandano in Jugoslavia a combattere a 19 anni, età in cui i ragazzi di oggi giocano alla Playstation e si lamentano che la squadra del cuore ha perso. E’ tornato in Italia e dopo l’8 settembre ’43 ha disertato, si è dato alla macchia e poi si è arruolato nella resistenza. Non voglio sindacare su cosa fosse giusto e sbagliato, perché quei momenti, quel periodo storico, quella vita l’ha vissuta lui e non io. Io conosco molte storie che mi ha raccontato mia mamma -sua sorella- sul periodo del fascismo, sui rastrellamenti, sul comportamento dei "regolari" (i "fascisti") e di quelli dei "ribelli" (come venivano definiti allora quelli che poi sono stati chiamati "partigiani"). 

Penso tuttavia a quello che poteva succedere, anche leggendo questo racconto che, a parte la parte romanzata, racconta tutte storie vere, fatti e avvenimenti realmente accaduti e vissuti in prima persona da Dario. Il governo si butta in una guerra, che già per definizione (come tutte le guerre) è inutile, dannosa, rovinosa, e questa più delle altre. Tanti ragazzi vengono arruolati e mandati a morire per la brama di pochi. Quando mezza Italia viene invasa dagli Alleati a molti è chiaro che la dittatura è prossima alla fine, è solo una questione di tempo. E si organizzano le frange di resistenza. E’ storia abbastanza nota, o perlomeno risaputa. Dove è più facile darsi alla macchia? Naturalmente sui monti, e quindi anche sui nostri monti. Per la varietà del genere umano immagino che ci fosse chi stava da una parte o dall’altra perché ci credeva e chi invece lo faceva per convenienza. Hai una casa, una famiglia, una posizione e rischi tutto per difendere una fantomatica "libertà"? Puoi decidere di farlo, ma sei giustificato se non lo fai. Mio zio scelse di farlo, non so se per convinzione, se per l’incoscienza dei vent’anni, se per non tornare a combattere per un capo "ingiusto", se perché ritenesse di poter realmente contribuire a qualcosa di grande e nobile, se per una presunta convenienza o se una miscela di tutte queste cose. Mia mamma mi diceva che in famiglia questo suo unirsi ai "ribelli" non era stato visto molto di buon occhio, non fosse altro per la paura di ritorsioni sulla famiglia. Era pur sempre un figlio, ma aiutarlo significava rischiare di compromettere gli altri membri: i fratelli, i genitori, ecc. Ma tant’è: Dario aveva vent’anni, non era più un bambino, aveva già vissuto sulla sua pelle la guerra, e come tutti i ventenni era convinto di poter cambiare il mondo. In quei mesi in cui è stato partigiano deve averne viste e vissute di tutti i colori, atti di eroismo e di vigliaccheria, momenti di disperazione e di trionfo. Che cosa orribile la guerra, e ancora più orribile la guerra civile, quella che c’è stata in Italia, nei nostri luoghi, dal ’43 al ’45. L’amico, il parente, il vicino che in tempo di pace conoscevi come amico, potevi trovartelo "dall’altra parte". Magari tu eri un "partigiano" e sparavi, mentre di là c’era un "fascista", e un tempo eravate amici. La guerra tira fuori le brutture e trovarsi con un fucile in mano può portare a gesti orribili. Perchè i caduti della guerra in quel caso non erano gli "stranieri", i "nemici", ma i tuoi connazionali
E pensate forse che i soldati tedeschi mandati a combattere e morire nelle nostre valli fossero dei cattivoni senza cuore? Indubbiamente qualche gerarca si, senza dubbio, così come qualche gerarca fascista. Ma a morire di solito non sono mai i capi. Bush ha fatto tante guerre stando comodamente seduto nella sua poltrona. Ripeto: che cosa brutta la guerra

 

Commenti

comments

Pensierino di inizio anno

Scritto il 1 gennaio 2015 nella categoria Me stesso

Come sempre all’inizio dell’anno si fanno dei buoni propositi: starò attento a mangiare poco e bene, più attività fisica, ad essere sempre positivo… poi dopo qualche giorno arrivano i "solo per questa volta" e si finisce coi "chissenefrega".

Quindi quest’anno niente buoni propositi, se non quello di cercare di essere un po’ più positivo (come naturalmente sono). Allora approfitto di questo spazio per ringraziare perlomeno quelle persone che hanno contribuito a rendere meno negativo più positivo questo 2014 che è finito. Non faccio nomi, ma dai, lo sapete chi siete, no? Grazie. Non è stato un anno facile per me, e quello prima meno anche quindi… che dire, vi ringrazio. Senza di voi sarebbe stato triste. E invece è bello sapere che c’è gente che mi vuole bene (e che me lo dimostra, perché le parole in questi casi servono a poco. Da alcuni me lo aspettavo, da altri è stata una gradita sorpresa. Quindi…. quindi BUON ANNO e buon 2015, spero di essere vostro amico come voi lo siete per me!

Commenti

comments