Articoli del mese di aprile 2018

Nebbia

Scritto il 28 aprile 2018 nella categoria Citazioni

Nascondi le cose lontane,
tu nebbia impalpabile e scialba,
tu fumo che ancora rampolli,
su l'alba,
da' lampi notturni e da' crolli,
d'aeree frane!

Commenti

comments

Teatro al buio

Scritto il 26 aprile 2018 nella categoria Altro

Siamo stati a Milano, presso l'Istituto dei Ciechi, dove Dialogo nel Buio ha organizzato uno spettacolo di "Teatro al Buio". 
Si tratta di vedere uno spettacolo teatrale… oops, no scusate, vedere non è per niente la parola giusta. Infatti si viene accopagnati da una guida, pochi alla volta, in una sala completamente buia. Per buia intendo… avete presente una stanza quando chiudete le imposte? Di più. Una cantina senza finestre? molto di più. Buio totale. Completo. Non vedevi niente. Zero. Zero assoluto. Potevi chiudere gli occhi, riaprirli e la senzazione era la stessa. Allungare una mano, muovere una gamba, non le vedevi. Buio completo.
E quindi, direte voi, come si fa a vedere lo spettacolo? Appunto, non lo si vede, lo si "partecipa".
Non ci rende conto di dove si è: un teatro? Una stanza? E neppure dove si è seduti: in prima fila? In ultima? Ma le sedie sono disposte a file? Poi ovviamente non si vede l'attore: è alto? Biondo? Giovane? Calvo? Ha la barba?
Si sente solo la sua voce, e quella degli altri presenti che ridono, sussurrano, urlano, parlano. L'attore, o meglio la sua voce, si muove tutto intorno a noi: si avvicina, si allontana, diventa più forte. 
La vista non serve, e quindi si acuiscono gli altri 4 sensi, più il sesto: la fantasia.

Commenti

comments

Trova Milli – 10

Scritto il 23 aprile 2018 nella categoria Altro

Quiz: trova il gatto. Livello 10. Millicent si è nascosta quasi alla perfezione, ma un occhio attento potrà forse scorgerla…

Commenti

comments

Museo Teatrale alla Scala

Scritto il 19 aprile 2018 nella categoria Arte

Siete mai stati al Teatro alla Scala? E al museo adiacente?
Se vi va, fateci un giro.
Ci sono busti, ritratti, spartiti, strumenti musicali, porcellane, tantissimi cimeli.
Si respira aria…anzi si respira arte !
Toscanini, Donizetti, Maria Callas, Puccini, Bellini, Leoncavallo, Verdi, Renata Tebaldi. 
Caruso, Nureyev, Luchino Visconti, Strehler, Eleonora Duse, Liszt.
E poi… è possibile affacciarsi da alcuni  palchi e vedere il teatro, e immaginarsi lì, in mezzo ad un'opera, cogli abiti visti nei dipinti, a ricevere il fragoroso applauso del pubblico a cui fare il doveroso inchino

Commenti

comments

Vertigine

Scritto il 18 aprile 2018 nella categoria Arte,Citazioni

"La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare"
(Edvard Munch, L'ansia, 1894, Munchmuseet, Oslo)

Commenti

comments

Siro del Brallo – Puntata 22 – La pelliccia

Scritto il 17 aprile 2018 nella categoria Altro

Il cavalier Siro ci racconta un aneddoto di quanto voleva regalare la pelliccia alla moglie Rita. 
Siro, furbo, non si è accontentato di acquistarla nel primo negozio…

Commenti

comments

Il mio gatto sta cercando di uccidermi

Scritto il 14 aprile 2018 nella categoria Altro

La regola numero otto parla chiaro: Millicent sta tramando qualcosa….

Commenti

comments

Amare e ridere

Scritto il 13 aprile 2018 nella categoria Brallo,Citazioni

Due cose ci salvano nella vita: amare e ridere.

Commenti

comments

Paesi e gente di quassù – seconda parte

Scritto il 11 aprile 2018 nella categoria Brallo,Libri

Questo è un libro del 1979, a cura del Centro Culturale "Nuova Presenza" di Varzi in collaborazione con la Comunità Montana dell'Oltrepo Pavese.
parla essenzialmente del territorio della Comunità, gli allora 19 comuni. La storia, la geografia, la demografia, l'agricoltura, ecc. Tutto quanto riguarda questo territorio. 

Ne ho già parlato citandolo in questo articolo. Da  pagina 172 troviamo le pagine dedicate a Brallo di Pregola.

Superati i neri macigni sotto Pregola, ti senti investito dal balsamo dei pini, che ti corteggiano fino al valico del Brallo dove sorgono i grandi alberghi e le attrezzature più moderne. Nascoste nella pineta civettano villette nate per il riposo dell'uomo in esemplare rispetto per la natura. Polmone verde dell'Oltrepo, mèta di gite domenicali, Brallo ha contagiato di fervore turistico i paesi vassalli: Colleri, Corbesassi, Pregola, fino alla sperduta Val Formosa. Sua Maestà il Lesima ha spalancato finalmente al turismo di massa le sue intatte bellezze: i pianori fioriti di genziana e di mirtilli, autentici e gratuiti tappeti da reggia, le fontane cristalline e gelide della Morona e di Prodongo.

Profilo storico
Anche la denominazione di questo Comune è recente, ma la storia dei centri abitati che ne fanno parte è antichissima. All'epoca longobarda risale Pregola, come testimonia la sua chiesa parrocchiale dedicata a S. Agata, una delle sante più venerate dai longobardi dopo la loro conversione al cattolicesimo. Pregola inoltre, col nome di Petra Groa compare in un diploma del 972 di Ottone I con cui il sovrano conferma al Monastero di S. Colombano di Bobbio i suoi possedimenti. Ma poiché tale documento è semplicemente una conferma dei possedimenti già acquisiti, e si richiama a diplomi di precedenti imperatori se ne deve dedurre che Pregola apparteneva al Monastero già da tempi assai precedenti, e forse addirittura fu data al cenobio bobbiese in occasione della donazione di tutto il territorio del Penice da parte di Agilulfo.
Federico Barbarossa diede Pregola, come altri centri della Valle Staffora alla famiglia dei Malaspina, tuttavia ancora nel sec. XIII si ha notizia della giurisdizione dell'Abate di S. Colombano sugli uomini di Pregola. La signoria feudale dei Malaspina durò ciò nonostante incontrastata fino al 1789, anno in cui il feudo di Pregola fu incorporato nel Marchesato di S. Margherita. L'abitato antico, che aveva la tipica forma del « castrum », con castello e chiesa, sorgeva su di uno sperone roccioso sovrastante l'attuale, e si ignora quando e come fu distrutto. Si sa comunque che nel 1725 esso non esisteva già più, anzi, nel 1671 il Vescovo di Tortona Mons. Settala ordinò che si restaurasse l'Oratorio di S. Rocco, posto fuori dell'antico « castrum » e che in esso vi si trasportasse la parrocchia.
Anche Colleri appartenne ai Malaspina, come pure Corbesassi. Il primo centro era già parrocchia autonoma nel 1613, mentre Corbesassi è di recente costituzione. Oggi l'abitato più importante del Comune è Brallo, il cui sviluppo turistico è dovuto alla sua ridente posizione e alle sue efficienti strutture.

Notizie religiose e artistiche
Le notizie religiose di Pregola risalgono a prima del Mille, e qualcuno dice che il luogo fosse dotato di chiesa fin dal tempo dei Longobardi.
Si sa che la chiesa odierna è sorta nel 1600 sulle rovine del vecchio Oratorio dedicato a San Rocco. Dove sorgeva l'altra chiesa anticamente dedicata a Sant'Agata ricordata in antichi documenti?
(NotaDiFabio: leggi qui: www.fabiotordi.it/blog/?p=1091 e anche qui: www.fabiotordi.it/blog/?p=1130)
Lo sviluppo del Brallo, diventato sede del Comune ha fatto sorgere nel centro turistico la grande chiesa in cemento armato secondo moduli moderni di costruzione, che ben si inserisce nel paesaggio ricco di pini.
(NotaDiFabio: leggi qui: www.fabiotordi.it/blog/?p=995)

Commenti

comments

Trova Milli – 9

Scritto il 10 aprile 2018 nella categoria Altro

Quiz: trova il gatto, livello mediofacile. Il mimetismo animale non ha funzionato molto stavolta…

 

Commenti

comments

Facile/Impossibile

Scritto il 6 aprile 2018 nella categoria Altro

Nulla è FACILE
Niente è IMPOSSIBILE
#bepositive

Commenti

comments