Articoli con tag ‘otranto’

Take a picture

Scritto il 16 luglio 2011 nella categoria viaggi

È incredibile pensare quante storie, quanta gente che torna a casa, quanti papà che stanno giocando coi loro bambini, quante vite che scorrono nelle case illuminate che si vedono dall’aereo. Stiamo tornado a casa.

Ma cominciamo con ordine. Stamattina ancora una bella e sana colazione a Le Dune. Giudizio complessivo del Bed & Breakfast sicuramente positivo: carino, pulito, gente simpatica e cordiale, vicino alle spiagge e al centro città. L’appartamento non era grandissimo, ma tanto eravamo sempre fuori. Un saluto al gatto Nerone e al cane di cui non sappiamo il nome (e alle tartarughe assassine, agli uccellini tropicali e tutte le bestie varie che ci sono lì) e ci facciamo un giro in spiaggia. Ovviamente non in spiaggia-spiaggia, ma sugli scogli. Per la precisione quelli dove siamo stati l’altroieri, visto che la caletta ci era piaciuta molto: ombra, sole, possibilità di tuffi e panorama gradevolissimo. C’è stato anche un giretto di perlustrazione che io e il Lurenzun abbiamo fatto nelle vicinanze. Poi il rito dei tuffi (anche di testa) (io no!) (cioè a dire il vero ci ho anche provato, ma con scarso successo). È incredibile come questo sole ti asciughi dopo pochi minuti che esci dall’acqua. Giudizio finale sul mare della Puglia, o meglio sul mare del Salento, o meglio sul mare di Otranto e dintorni: mare bello, pulito (a parte qualche rara eccezione), colorato, caldo e molto salato; spiagge pressoché inesistenti, trattasi quasi sempre di scogliere, il più delle volte per niente lisce (anzi decisamente frastagliate tanto da assumere aspetto vulcanico) e quasi sempre difficilmente raggiungibili. Le sporadiche spiagge sabbiose sono piccole, strapienissime di gente e devo dire non proprio pulitissime. Quindi direi: bello è bello, ma niente di eccezionale.

La signora del B&B gentilmente ci fa usare la doccia per sciacquarci via il sale, ci cambiamo e cerchiamo un posticino per mangiare velocemente qualcosa. Ora parlerò male de “Il Ghiottone”, locale che nelle insegne e scritte diceva: bar, ristorante, pizzeria, gelati, panini, bibite. Ci sediamo e ci apparecchiano il tavolo portandoci le liste ristorante. Quando diciamo che vogliamo panini ci fanno cambiare tavolo (quello senza tovaglia) e ci dicono di entrare a ordinare i panini. Scopriamo così che sono panini industriali “di plastica”, imbustati nel cellophane, molto peggio di quelli che si possono trovare nei distributori automatici. Alla faccia della ghiottoneria.

Facendo i conti abbiamo circa un’oretta scarsa per visitare Alberobello, patria dei trulli. Dopo un paio d’ore raggiungiamo questa località, che noi tutti pensavamo fosse sul mare o perlomeno in pianura, invece è in collina. Alberobello è patrimonio dell’umanità (ollallà addirittura). I trulli sono in un apposito quartiere, probabilmente il vecchio nucleo cittadino, una volta abitato e adesso sede di negozio di ricordi per sciocchi turisti come noi. Purtroppo la visita deve essere breve per forza, ma perlomeno abbiamo soddisfatto Mastro Lorenzo che immaginava che i trulli fossero disseminati per tutta la puglia e non segregati in un’unica zona. Mesti mesti e lesti lesti raggiungiamo l’aeroporto Karol Wojtyla di Bari, lasciamo la nostra fida Fiat Bravo che ci ha accompagnati in questi 5 giorni ciucciandoci 90 euro di carburante e ci facciamo una pizza da Spizzico (senza infamia e senza lode). A proposito di pizza, personalmente a Otranto  vi consiglio la pizzeria Cala dei Normanni e la pizza Estate. Volevamo sperimentare anche la pizzeria La Bella Idrusa, di cui ci avevano parlato bene, ma c’era sempre una fila pazzesca a qualunque ora e non accetta prenotazioni dopo le 19 !!

Ora siamo sull’aereo, e sotto di noi greggi e greggi di pecore a forma di nubi. O saranno cirrocumuli? O stratonembi? E tante tante tante luci di tante città con tante case e tante storie da raccontare…

Commenti

comments

L'ultima spiaggia

Scritto il 15 luglio 2011 nella categoria viaggi

Oggi abbiamo deciso per il sud di Otranto. Partiamo in auto, andiamo, andiamo, andiamo e arriviamo.. a Otranto! Ok, allora prendiamo la litoranea per Orte. Ad un certo punto la strada finisce e andiamo giù a piedi.

Da qui si vedono i monti dell’Albania e siamo anche parecchio vicini alla Grecia, visto che l’altroieri la TIM mi ha mandato un SMS con scritto "Benvenuto in Grecia". Alla radio si prendono stazioni di entrambi gli stati.

Dopo tanto camminare ci accorgiamo di essere finiti in un pessimo posto tutto scogli, assolutamente non piatti, con quel paesaggio tipicamente lunare e purtroppo anche parecchio sporco. Mestamente ce ne ritorniamo all’auto sotto il solleone. E poi ci chiediamo come mai alla sera siamo sempre stanchi!

Riprendiamo la litoranea e raggiungiamo S. Cesarea, compriamo della frutta per pranzo e ci adagiamo sugli scogli, cercando qualche punto piatto. Un bel bagno ristoratore mi fa apprezzare ancor più le mi scarpette da mare, visto che per entrare e uscire dall’acqua bisogna passare su scogli appuntiti. Ci mettiamo all’ombra a pranzare e poi ci dividiamo in dormienti (Gallipoli e Tomasopoli) e leggenti (io e Santi Licheri). Il bagno del pomeriggio è a basa di tuffi, dove stupiamo tutti col nostro stile a… non so come definirlo… blocco di cemento è abbastanza verosimile…

Siccome il pomeriggio è ancora lungo, dopo esserci rinfrescarti decidiamo di fare tutta la costa fino a Leuca, fermandoci ogni tanto per vedere il panorama. E’ confermato: spiagge zero o al massimo zero virgola uno. Anche il panorama interno non è bellissimo: campagne abbastanza brulle, al limite qualche uliveto, e casettine tutte uguali piuttosto bruttine a nostro gusto.

Lungo la strada abbiamo anche visitato la Grotta Zinzulusa, chiamata così perché sembra piena di cenci a brandelli, stracci, chiamati zinzuli nel dialetto locale. E’ visitabile nel primo tratto, con le classiche stalattiti e stalagmiti. Ci vivono ancora i pipistrelli, che escono solo di notte…

Arrivati al santuario di Santa Maria (di Leuca) ci siamo soffermati per una visita. Pensate che Santa Maria di Leuca non fa neanche comune. E così abbiamo raggiunto la punta più a sud del Salento. Ora non ci rimane che tornare su.

Alla sera ci facciamo l’ultima pizza e progettiamo il dafarsi per domani, giorno di rientro. Raggiungiamo a piedi uno dei pochi posti dove non siamo ancora stati, il porto di Otranto. Giusto per macinare ancora qualche chilometro e schiantarci nel letto belli cotti. A domani.

Commenti

comments

Salento is not Puglia

Scritto il 14 luglio 2011 nella categoria viaggi

Stamattina abbiamo fatto colazione in compagnia del gatto Nerone, poi ci siamo inerpicati lungo la costa per raggiungere località meno frequentate. Abbiamo trovato delle calette veramente carine sul lato nord della città. Ce n’era una sabbiosa e poco dopo un’insenatura dove l’acqua era abbastanza profonda, di colore veramente da cartolina. Ci siamo fermati li. Il paesaggio è oggettivamente bello, l’acqua molto pulita e sempre calda. Figuratevi che in paese c’è gente che fa il bagno anche alle 9 di sera!
Ci siamo concessi anche dei tuffi dalla scogliera: bastava arrampicarsi per qualche metro e c’è una pedana naturale con sotto una pozza di acqua profonda abbastanza da permettere un discreto salto. La mattina è scorsa così velocemente in modo divertente. Il tenente Michele e il soldato Lorenzo hanno riportato lievi ferite da arrampicata sugli scogli, ma il tutto è guaribile in un paio di giorni. Al ritorno abbiamo pensato di percorrere un sentiero alternativo, sicuramente più "facile" ma anche più lungo, ci siamo quasi dispersi per la campagna di Otranto, per poi raqggiungere un barino dove abbiamo sperimentato insalatone e friselle.

Qui sono molto campanilisti e specificano il fatto che Salento is not Puglia. E poi si lamentano se Bossi dice che Padania is not Italia.

Al pomeriggio raggiungiamo Lecce. Ci accorgiamo subito che i negozi aprono molto tardi, verso le 17,30. Probabilmente perché fa un caldo dell’accidente: perlomeno ad Otranto basta andare in riva al mare per sentire un po’ d’aria, qui si boccheggia. Lecce ha la fama di essere città barocca, da alcuni definita la "Firenze del sud". Beh barocca lo è, in quanto a Firenze lasciamo stare, non facciamo paragoni per favore.

Abbiamo visitato il Castello, eretto da Carlo V, per poi dirigerci verso la centralissima Piazza Sant’Oronzo dove c’è l’anfiteatro romano e proseguire verso piazza duomo, la chiesa di Santa Croce, ecc. Il centro di Lecce si gira facilmente, i monumenti da vedere sono tanti, quasi tutti costruiti con la classica pietra leccese e molti in stile barocco. Deve avere avuto sicuramente un passato fasto. Carina, oserei concedere anche un bella, ma non certo imperdibile.

Notiamo che in giro ci sono tanti fricchettoni: venditori ambulanti, ritrattisti, ma anche personaggi di passaggio: tutti colorati e coloriti. Ho notato anche tanti negozietti gestiti da stranieri: africani e indiani. Per cena abbiamo seguito il consiglio di Fabio e abbiamo provato un ristorantino tipicissimo niente male dove abbiamo preso le ricciaredde cu li pumitori scattariciati e un classico vino Negroamaro. Il cameriere non pare aver molta simpatia per il quasi omonimo gruppo pop.

Dopocena la città è sicuramente più viva, anche se alle undici di sera c’è ancora un caldo terribile. Gironzoliamo un po’ senza meta e poi ritorniamo verso la costa. Tutti a nanna.

Commenti

comments

Cicalecicalecicale

Scritto il 13 luglio 2011 nella categoria viaggi

Stamattina alle 8.30 a svegliarci ci ha pensato il mio cell. Era un tecnico della Telecom che, nel giro di poco tempo (si fa per dire) ha risolto un mio problema. Ma su questo farò un apposito post sul blog quando torno a casa.
La colazione è stata veramente ottima e abbondante e la padrona di casa ci ha dato qualche dritta sulle spiagge. Abbiamo scelto Baia dei Turchi.
E’ interessante notare che il quartiere nel quale alloggiamo non ha vie interne, è un blocco unico e per tornare al punto di partenza, visto che la nostra strada è a senso unico, occorre fare il giro dell’isolato intero.
Un’altra cosa che stiamo notando e che qui in periferia costruiscono dappertutto delle simpatiche casettine, che sono però tutte una identica all’altra e, a nostro gusto, abbastanza bruttine.

La baia è un posto proprio bello, il mare pulito, il fondale sabbioso e la giornata è splendida. Io sono abbastanza sofferente alla sabbia in spiaggia, odio sentirmela addosso. E’ così bello quando sei in acqua, ma poi esci e ti sporchi di sabbia: sulle mani, nelle scarpe, sugli occhiali da sole, in faccia. Poi se metti la crema è la fine. Va beh..

Abbiamo fatto un po’ di vita da spiaggia, poi un super mega bagno giocando a palla. Sono queste le cose che ti fregano: non lo senti, ma il sole ti sta arrostendo ben bene. Stasera vedremo. Una volta cotti a puntino abbiamo deciso di tornare verso la civiltà per nutrirci. Prima una bibita da un simpatico e rustico venditore semiabusivo e poi un barino lungo la strada, dove abbiamo scoperto che le "pucce" sono dei megapanini immensi.

Dopo pranzo abbiamo cercato e trovato la spiaggia di Alimini, ma eravamo cotti dal sole preso al mattino e appesantiti dal cibo, così ci siamo messi all’ombra. Lo so, sono un maledetto rompiballe, ma decisamente non era il mio posto preferito: sabbia, aghi di pino, formiche addosso e per finire un rumore infernale prodotto da non so quante cicale, di cui il boschetto (e tutti quelli della zona) sono strapieni. I miei amici hanno sonnecchiato un po’, io mi sono dato alla lettura, a brevi esplorazioni e all’ascolto della radio. Ritornati in stanza abbiamo considerato il colorito preso: pensavamo peggio sinceramente, non siamo proprio fosforescenti…

Stavolta abbiamo raggiunto il centro a piedi, visto che sono solo 10 minuti di passeggiata. C’è veramente un sacco di gente in giro. Scegliamo un altro ristorante. Gli altri menu a base di pesce. Io, ovviamente, carne. Dopodiché decidiamo di andare a vedere il Castello Aragonese. Veramente imponente. L’Italia è proprio un posto pieno di storia. Raggiungiamo pian pianino la nostra dimora. A domani.

Commenti

comments

Vieni a ballare in Puglia

Scritto il 12 luglio 2011 nella categoria viaggi

Quest’anno ce la siamo presa comoda. Dopo che l’anno scorso abbiamo rischiato di perdere l’aereo, stamattina partenza alle 8. Arriviamo a Cardano al Campo, parcheggiamo e ci facciamo portare a Malpensa dove facciamo una cara ma buona colazione. L’aereo parte in orario (1140) e arriva in anticipo, dopo un viaggio tranquillo. La nostra Bravo noleggiata da Maggiore ci porta sulla superstrada in direzione Otranto. Siccome la fame si faceva sentire, nel primo pomeriggio decidiamo di approfittare della prima uscita per trovare un posticino. Da veri maestri arriviamo a Cala Fetente. Il nome è tutto il programma ma rimediamo quattro rosette con cotto formaggio e pomodoro. Ripartiamo nel gran caldo (grande invenzione l’aria condizionata) e arriviamo a destinazione. Al Bed & Breakfast “Le Dune” ci accoglie la signora che ci mostra la camera. Beh decisamente meno spaziosa di quella di Valencia, ma quella era da sciuri, qui ci dobbiamo accontentare di un letto matrimoniale e una specie di letto a castello. Dopo una sistemata decidiamo di finire il pomeriggio nella spiaggia vicina. In realtà qui di spiagge vere e proprie ce ne sono poche e quelle poche con sabbia riportata. Per il resto sono strani scogli di apparenza lunare o vulcanica, appuntiti e scomodi. Però l’acqua è veramente spettacolare, caldissima e piacevole. Ringrazio me stesso di aver portato le scarpe da mare, che mi permettono di mettere giù i piedi in acqua  e gli occhialini, così posso vedere dove vado… C’è da dire che qui, come avevo già notato in Sicilia, non sono molto attenti a tenere puliti i luoghi, se ne fregano abbastanza. Un peccato, perché i luoghi sono belli, basterebbe un po’ di attenzione e un po’ di senso civico in più. Al nord non sono certo educatissimi, siamo pur sempre italiani, ma qui è peggio.

Alla sera usciamo per una perlustra della città. Dopo poche centinaia di metri in auto scopriamo di essere già praticamente in centro e quindi parcheggiamo. La vista della baia di Otranto dall’alto è meravigliosa. È incastonata in una piccola insenatura. Non so il perché, ma questo posto mi ricorda due località siciliane. Per il golfo mi sovviene, appunto, Castellammare del Golfo, mentre per la conformità delle viuzze mi ricorda Cefalù. Lo so che magari non c’entra niente, ma le sensazioni di dejà vu sono fatte così. Resta il fatto che il panorama è incantevole. Scendiamo e passeggiamo alla ricerca di una pizzeria. C’è un sacco di gente in giro, ci sono tutti i negozi aperti. Prima si passa sul lungomare, poi si sale sulla terrazza, da dove si torna a vedere tutte le luci del golfo. All’interno invece le viuzze e le stradine pullulano di negozietti di ricordini e di gente. Di pizzerie purtroppo no, quindi ritorniamo alla prima che avevamo visto. I miei soci si buttano sull’impepata di cozze che io evito accuratamente (non perché non fosse buona, non lo metto in dubbio, ma perché non sono un tipo da pesciolame vario). La mia pizza “Estate” è veramente buona. Dopocena un giretto a comprar ricordini, ma siamo cotti per la giornata faticosa e ce ritorniamo at home. Buonanotte.

Commenti

comments