Articoli con tag ‘telecom’

Telecom VS Wind = Twitter

Scritto il 4 giugno 2012 nella categoria Internet,telefonia

Su Twitter, Telecom Italia contro Wind 1-1, palla al centro.

Ricordate la storia che avevo raccontato a luglio sui problemi che avevo avuto con la linea Telecom Italia che avevo risolto grazie al servizio clienti su Twitter?

Beh recentemente ho avuto un piccolo disguido con la linea mobile Wind (mi hanno maldestramente fatto spendere 3 euro non dovuti) e ho provato a chiamare il 155. L’operatore ha detto che sarebbe andato tutto bene il giorno successivo, cosa che non è stata così. Mi sono sentito un po’ preso in giro e ho riciamato. Un altro operatore ha detto addirittura che era colpa mia, avrei dovuto agire per tempo, che non sapeva dirmi perchè il suo collega mi aveva rassicurato e che non esisteva un numero per il servizio reclami. Allora ci ho riprovato e ho scritto su Twitter:

@WindItalia avete un pessimo servizio clienti al 155, sappiatelo!E visto che siete 1compagnia telefonica almeno mettete un numero x reclami!

Risultato: dopo pochissimi minuti mi hanno scritto:

@fabiotordi Ciao, se hai bisogno di domandare qualcosa, scrivi pure a noi :)

Dopodichè gli ho scritto un DM (Direct Message = messaggio privato) spiegandogli la situazione, ma non si sono mai più fatti sentire. Dopo settimane ho riprovato a twittare in pubblico per due volte, ma stavolta… neanche uno straccio di tweet, niente!

Credevo ormai che per bucare il muro di gomma non sarebbe bastato neanche il becco di un tweet!

E invece… un pomeriggio mi squilla il telefono: sono loro! La gentilissima operatrice Wind si spertica in scuse e mi dice che ora provvederanno a rifondermi dei 3 euro! Se io avessi un altra linea wind me li accrediterebbero lì, ma non ce l’ho. Allora, se avessi una linea fissa Infostrada me li scalerebbero dalla bolletta, ma non ce l’ho. A questo punto non rimane che mandarmi un assegno. Mi chiede quindi i dati. A questo punto mi dichiaro soddisfatto così ! Le spiego che un assegno di 3 euro sarebbe più un dispetto che un favore: mi arriva la raccomandata, devo andare i posta a ritirarla e poi in banca a ritirare i 3 euro. E voi sapete come sono rompiballe le banche quando devi ritirare un assegno e non sei correntista. Quindi va bene così: sono soddisfatto.

W Twitter !!!!

Commenti

comments

Epilogo

Scritto il 31 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 10: epilogo. Il giorno dopo alle 8 e 30 mi chiama il tecnico: è a Brallo nella centralina e non capisce dove sta il problema. Quando gli spiego, lui testualmente dice "Cavoli, quegli zuzzurelloni ti hanno disattivato la linea"… No, in realtà ha usato espressioni più colorite. fatto sta che entro 10 minuti la linea riprende a funzionare perfettamente. Ripeto: grazie twitter. Evidentemente l’unica speranza che ha un cittadino comune di avere udienza da queste maxiaziende è solo quella di sputtanarle in pubblico. Altrimenti non si spiega che quando intervengono trasmissioni come Striscia o L’indignato speciale le cose poi si risolvono, e prima mai. Per ora ho risolto questo problema. Siamo al punto che la linea è correttamente intestata a mio papà e non più alla vecchia ditta né tantomeno a Luigi Bartali. Ora manca che facciano la declassazione da affari a residenziale e poi ce l’abbiamo fatta. Beh a dire il vero ci sarebbe anche il rimborso dei miei 69 euro e 89 cents, ma la vedo grigia. Eventualmente mi lamenterò su twitter!!!!

Vi farò sapere!

Commenti

comments

Telecom e twitter

Scritto il 30 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 9: twitter. Appena finisce l’ultima telefonata, prendo il telefono e scrivo su Twitter: "Telecom Italia ti odio!". Tempo dopo mi arriva un email dove mi dice che "TelecomItaliaTw" è diventato un mio follower. Per chi non sapesse cos’è twitter e come funziona: è come avere un blog, ma i post sono lunghi solo 140 caratteri. Se un altro utente ti segue (il "follower") i tuoi post appariranno sulla sua pagina principale, un po’ come succede su Facebook. Fine parentesi, riprendo il discorso. L’utente TelecomItaliaTw mi scrive una cosa del tipo "caro utente, se hai dei problemi chiama il 187". Io volevo mandarlo a quel paese, ma con estremo sforzo scrivo "@TelecomItaliaTw Ciao. Ho la linea interrotta da 3 giorni,nn posso chiamare nè ricevere.191 e 187 non mi ‘vedono’. io che faccio?mi attacco?". Il giorno dopo mi rispondono assegnandomi all’operatore "Telecom187Fabio", ma quando me ne accorgo e gli scrivo sono già le 1730 di venerdì pomeriggio e il mio omonimo ha già twittato un "arrivederci a lunedì". Gli scrivo comunque in privato spiegandogli brevemente la mia situazione. Lunedì mattina mi squilla il cell: è la Telecom. Stavolta una voce femminile gentilissima e stavolta molto competente mi spiega che il mio numero è in un "limbo" (questo l’avevo capito), ma "naturalmente" c’è un metodo per aprire una segnalazione di guasto. In fondo sono sempre un cliente Telecom. Mi dice di non preoccuparmi, ci avrebbe pensato lei a mandarmi fisicamente un tecnico a casa. Ottimo. Stavolta quasi quasi ci credo. Grazie twitter. In ogni caso vedi che loro hanno sempre un metodo per risolvere, ma al call center ti dicono sempre che non possono fare nulla?

Dai, siamo quasi alla fine: avranno risolto i problemi? Domattina ultima puntata.

Commenti

comments

Nessun risultato

Scritto il 29 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 8: ancora nessun risultato. Dopo 3 giorni ritelefono, abbastanza sull’incazzatino pesante. Anche perchè ogni volta perdo almeno un’ora di tempo, e nella vita avrei altre cose da fare oltre a telefonare ai numeri Telecom. Il primo operatore (dopo che gli spiego tuuuuuuuuutta la storia) mi dice: "lei non risulta, chiami il 187". Chiamo e il secondo operatore mi dice "Chiami l’ufficio amministrativo". Ritelefono: "Chiami l’ufficio tecnico": Eh no cari signori, qui mi state prendendo per i fondelli, mi state rimbalzando da un ufficio all’altro. E quello risponde seccato "Cosa le devo dire? Il terminale mi scrive: dire al cliente di chiamare l’ufficio tecnico". Richiamo e l’ennesimo operatore mi consiglia di inserire un altro numero di telefono, non il mio, in modo che si apra una pratica e poi in un secondo momento, parlando con un operatore, dire che il numero sul quale richiedo assistenza è un altro. Allora lo faccio, usando il numero di un mio compaesano, ma anche in questo caso senza successo. Anzi l’operatore mi dice che è un problema dovuto alla procedura di declassazione, che dura dai 2 ai 4 mesi e quindi non ci si può fare niente. Cosaaaaaaa? Quattro mesi senza linea? Ma io vi spezzo le corna! Ritelefono e il nuovo operatore mi dice di non preoccuparmi, non ci vogliono 4 mesi, sono operazioni che fanno a fine mese, quindi se sono fortunato a fine mese di luglio riavrò la mia linea, altrimenti a fine agosto. Io mi lamento e per l’ennesima volta mi sento preso in giro: "Ma scusi, ma perchè lei non ha disdetto la vecchia linea e non ne ha richiesta una nuova? Più facile e veloce". Al che gli spiego che voglio mantenere il numero di telefono, altrimenti l’avrei fatto già da tempo di mandarli a fare dei giri. Nel frattempo gli chiedo anche se risulta che devo avere un rimborso. Lui mi dice che con la declassazione chiudono il mio contratto affari e ne riaprono uno nuovo. Quindi, chiedo io, i miei soldi non li rivedrò mai più? Nooo, risponde lui, si figuri, le manderemo un assegno fino all’ultimo centesimo. Si, america, crediamoci.

Quindi, cornuto e mazziato, non ci posso fare più niente. Mi tengo il mio telefono muto, dopo aver pagato addirittura delle bollette già pagate. Grazie Telecom, anzi… beh domani vi racconto cosa è successo…

Commenti

comments

La beffa finale

Scritto il 28 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 7: la beffa finale (almeno spero che sia l’ultima). Un bel giorno di giugno, che succede? Chiamo a casa e la voce mi dice: "Wind, messaggio gratuito, il numero da lei chiamato è inesistente". Provo da un altro cellulare: "TIM, informazione gratuita, il numero da lei chiamato non è attivo". Non è attivo?? Provo in tutti i modi e non riesco. Appena posso faccio una prova dal telefono per vedere se è almeno utilizzabile per le chiamate, invece mi dice "Spiacente, questa linea non è abilitata per le chiamate uscenti". Cosaaaaaaaa?? Altra mezza dozzina di telefonate. Giuro che se mi avessero chiamato ancora signor Bartali sarebbe uscito il fuoco dalla cornetta. Invece no, però al 191 mi dicevano: "la sua linea non risulta, non è attiva". Grazie mille intelligentone, me ne ero accorto anche io, anzi chiamavo proprio per questo, non per sentirmi dire i problemi che ho, ma per cercare di risolverli. "Chiami il 187". Allora chiamo il centottantasette. "Caro signore, la sua linea non risulta". Eh grazie, ma se non risulta più come linea affari e non risulta ancora come linea residenziale io cosa devo fare? Attaccarmi al tram? La risposta è stata "Si, aspetti 48 ore e poi tutto si aggiusterà.": Speriamo.

Noi facciamo passare solo 24 ore e vediamo domani mattina la prossima puntata.

Commenti

comments

Ancora senza linea

Scritto il 27 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 5: ancora senza linea

. In realtà ho "ottenuto" un altro risultato: il 21 aprile mi arriva una nuova raccomandata di risoluzione contrattuale e tagliano la linea per la seconda volta. Eh, no, adesso m’incazzo! Telefono e stratelefono e le signorine mi danno un’altra dritta: mandare un fax dove minaccio la Telecom di rivolgermi ad un legale per avanzare una richiesta danni, denunciarli alle autorità per interruzione di servizio e passare ad un altro operatore telefonico. In questo modo, mi dice la signorina, non useranno il mio fax come carta per il gabinetto, ma magari lo leggeranno anche. Seconda lezione di vita: gli stessi operatori di Telecom ti spiegano che per avere udienza devi minacciare! Siamo nella giungla… mando il fax e non ottengo nessunissimo risultato.

Capitolo 6: oltre il danno la beffa. Mi arriva un ultimatum: devo pagare una bollettona di 200 euro, la somma delle due bollette 1/11 e 2/11. Come vi ho già raccontato, la 1/11, di 131 euro  e 50 cents, comprende 66,50 euro della bolletta 4/10, già pagata; la bolletta 2/11 comprende 3,39 euro per il ritardato pagamento della stessa. Quindi contemporaneamente mi dicono che non l’ho pagata e che l’ho pagata in ritardo. Sono dei geni! Ecco cosa mi dicono dopo la mia nuova serie di telefonate: trovo una gentile operatrice che capisce il problema e si stupisce del fatto che nessuno abbia ancora preso provvedimenti. Mi dice che il fatto che la linea sia intestata a Luigi Bartali costituisce un problema, visto che fa impallare i computer. Le ribadisco che la mia linea risulta malamente intestata solo a loro del 191, in quanto all’ufficio emissione fatture hanno l’intestazione giusta, visto che le bollette le fanno pagare a me. Perchè non le fanno pagare a questo inesistente Luigi? Alla fine la tipa si prende pietà di me e, con un barbatrucco, riesce immediatamente a cambiare l’intestazione della linea e metterla a nome di mio papà. Sono talmente contento da dimenticarmi persino di arrabbiarmi del fatto che, visto che era così semplice, bastavano due click, perché nessuno l’aveva mai fatto fino ad allora? Va beh, non piangiamo sul latte versato, andiamo avanti. Mi dice anche che devo pagare la bolletta, anche se sbagliata, altrimenti l’iter non va avanti. Dopo averla pagata avrei dovuto mandare un fax con la richiesta di rimborso, che sarebbe avvenuto con sconti nelle successive fatture. Onestamente non credo che rivedrò mai i miei soldi!
E poi vedi come funziona? Ogni operatore pensa di saperla più lunga degli altri e ti dice una cosa ogni volta diversa. Per esempio: una volta mi hanno detto che senza conoscere la partita IVA della società non potevano procedere oltre nella telefonata. A parte il fatto che, essendo loro cliente, la partita iva ce l’avevano già, quando ho ritelefonato e ho detto: "Ho la partita IVA", il nuovo operatore mi ha detto che assolutamente non serviva

E l’utente sopporta…ma fino a quando? A domani la prossima puntata.

Commenti

comments

Senza Linea

Scritto il 26 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 4: senza linea. Dopo svariati giorni senza possibilità di telefonare (si poteva solo ricevere), a furia di fax e telefonate (ve l’ho detto che in totale ne ho fatte più di cento!!!) sono riuscito a far riattivare la linea. Il brutto è che ogni volta che telefono devo rispiegare daccapo tutta la faccenda, che si riassume in tre punti distinti: voglio la declassazione, ho già pagato le bollette, non sono Bartali Luigi. L’ennesima operatrice mi dice che a lei non risulta nessuna declassazione in corso quindi mi consiglia di rimandare il megafax. Ok, lo faccio. Nel frattempo arriva un’altra bolletta, la 2/2011, dove ci sono segnati 3 euro e 36 centesimi per il fatto di aver pagato in ritardo la ormai famigerata bolletta 4/10. Non è certo per i 3 euro, ma mi girano le scatole: ma perché devo pagare una mora per una bolletta che ho pagato il giorno 8 luglio 2010 quando scadeva il 13 luglio 2010? Ritelefono. Mi suggeriscono di non pagare, apriranno loro una richiesta per rimettere tutto a posto. Sempre così succede: a volte trovi qualche operatore sgarbato o maleducato che quasi quasi dice che è colpa mia, o che in ogni caso loro non ci possono fare niente. E allora cosa ci stanno a fare, dico io? E’ ovvio che io chiamo il 191 se ho dei problemi con la linea, se loro non possono risolverli io non so cosa dire, non li chiamo mica per fare due chiacchiere! A volte trovi degli operatori cortesi che si prendono a cuore il mio problema, ma alla fine si arrendono dicendo che non riescono a fare nulla visto che hanno il terminale bloccato. Siamo a marzo, sono passati mesi, e ancora non hanno fatto NULLA. Non poco, NULLA DI NULLA. La bolletta risulta sempre non pagata, la linea sempre intestata a Bartali e le fatture arrivano sempre con canone affari. Risultati zero.

Che faccio, mi arrendo e li mando tutti a…pescare? Vediamo domani come si evolve la vicenda..

Commenti

comments

Doppia bolletta

Scritto il 25 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 3: la doppia bolletta. A gennaio 2011 altra sorpresa: arrivata un conto di 131,50 euro, di cui 65,50 euro della famosa bolletta 4/10. Cosa faccio? Ulteriori telefonate spiegando la mia situazione: se pago, vado a pagare anche qualcosa che ho già pagato. E non mi sembra giusto. Se non pago, vado a non pagare anche una cosa che invece dovrei pagare. E anche questo, nonostante tutto, non mi sembra giusto. I signori del 191 mi chiedono ancora se sono Bartali Luigi. Nooooo. Allora mi dicono che in realtà Bartali Luigi è un nome fittizio che usano alla Telecom quando succede un disguido. Nel mio caso la linea è stata erroneamente intestata a questo Bartali. Questo comporta che ogni volta che telefono i computer degli operatori vanno in tilt in quanto Bartali Luigi risulta intestatario di migliaia di linee e questo gli blocca il terminale. Alla fine un’operatrice mi dice: "ma scusi, visto che la linea è ancora intestata a una ditta non più esistente, perchè lei non se ne frega, non paga più nulla? Noi le tagliamo la linea e lei ne fa un’altra nuova". Hai capito come funzionano le cose in Italia? Anche se vuoi fare l’onesto loro stessi ti consigliano la via disonesta. Peccato che io tenevo a quel particolare numero di telefono. Un’altra operatrice mi ha consigliato di non pagare nulla, e mandare ancora un fax. Risultato? Mi hanno tagliato la linea.

E adesso senza linea cosa faremo? Lo scopriamo domani nel quarto capitolo.

Commenti

comments

Risoluzione contrattuale

Scritto il 24 luglio 2011 nella categoria Cronache

Capitolo 2: risoluzione contrattuale. Datata 6 ottobre 2010 arriva addirittura una raccomandata con oggetto "Risoluzione Contrattuale" in cui dicevano che risultata che la bolletta 4/10 non era stata pagata e minacciavano di interrompere la linea. E daje! Allora chiamo (vedi primo capitolo: varie chiamate per arrivarne a una) e mi dicono la solita manfrina: caro Luigi Bartali, se lei ha pagato non c’è problema, basta mandare un fax. Allora mi spiego: punto numero uno non sono Luigi Bartali. "Ma come no, a noi risulta così". E io rispondo di chiedersi il motivo per cui le bollette arrivano a me, ma la linea a loro risulta intestata a questo Bartali. Va beh, allora se la mettiamo così ne approfitto per chiedere la declassazione, da linea affari a linea privata. Devo spedire, sempre via fax, un sacco di roba. A parte i documenti di identità di mio papà e cose simili, vogliono la dichiarazione da parte del legale rappresentante della società a cui era intestata la linea. Ma come è possibile, visto che la società non esiste più? E va beh, io mando i documenti compilati e firmati, speriamo basti. Invece no. Chiamo e chiedo se sono arrivati, mi dicono che i fax non arrivano nello stesso ufficio dal quale mi rispondono gli operatori del 191, ma addirittura in un’altra città d’Italia. Roba da matti. E così loro non sono in grado di dirmi se i documenti sono arrivati. Anzi a loro non risulta nessuna declassazione in corso. Va beh…

Come andrà a finire? A domani per la terza puntata.

Commenti

comments

Telecom Italia

Scritto il 23 luglio 2011 nella categoria Cronache

Ora vi racconto le mie ultime (dis)avventure con Telecom Italia.

Prologo. A Brallo abbiamo una linea telefonica con un vecchissimo impianto con due telefoni intercomunicanti: uno in casa e uno in negozio. Da anni la società che gestiva il negozio non esiste più, ma il contratto con la Telecom è rimasto di categoria business. Circa un paio di anni fa mia mamma, stufa di dover sopportare spese maggiorate rispetto alla clientela residenziale, mi ha chiesto se potessi interessarmi alla declassazione, da business a privato. Io mi sono informato, ho navigato sul sito e ho chiamato il 191, per scoprire che era un bel casino, gli stessi operatori mi hanno sconsigliato di farlo: è una pratica che va per le lunghe e ci vogliono un sacco di scartoffie. Molto meglio chiudere la linea e aprirne un’altra. Solo che i miei, giustamente, avrebbero voluto mantenere il numero di telefono, visto che ce l’hanno da un sacco di tempo. E così siamo rimasti a business.

Capitolo 1: iniziano i problemi. L’anno scorso arriva un avviso di pagamento, dicendo che la bolletta, pardon il "Conto Telecom Italia" n4/10 del 13/07/2010 non era ancora stato pagato. Chiamo il 191 e gli spiego la situazione. Qui apro una parentesi: questa è stata la prima di almeno un centinaio (si un centinaio, avete letto bene) di chiamate che avrei fatto nei mesi successivi. Oltre al numero che è già spropositato di per sé, immaginate bene che cosa succede quando si chiamano questi call center. "Prema uno per… prema due per… ecc. ecc." Poi devi attendere e quando finalmente parli con un operatore magari cade la linea, o te la fanno cadere loro di proposito (dice il detto che a pensar male ci si indovina, e poi ho conosciuto gente assunta con contratto temporaneo che mi ha confermato la cosa: quando non sai o non vuoi rispondere butti giù la linea, è la prassi). E così ogni volta che dovevo chiamare in realtà facevo almeno quattro o cinque telefonate, finchè non trovavo qualcuno che mi desse un briciolo di spiegazioni sul da farsi.
Dicevo: al 191 mi dicono che non c’è nessun problema, caro signor Luigi Bartali, basta mandare via fax al numero 800000191 la ricevuta del pagamento e tutto si risolverà. Faccio notare che la linea non è intestata a nessun Luigi Bartali, ma fa lo stesso, mando il fax.

Fine prima puntata, a domani la seconda puntata.

Commenti

comments