Vienna

Scritto il 12 Novembre 2007 nella categoria viaggi

In questi giorni sono stato a Vienna per una brevissima visita.
Impressioni sparse:
Anche qui ci sono più linee della metropolitana che a Milano.
La città è molto spaziosa, con viali molto grandi e tanti bei palazzi storici.
I negozi sono quelli di ogni città d’Europa. Le vetrine sono molto ben curate (come da noi in Italia, ad esempio).
Si stavano già preparando per il Natale.
C’era più freddo che a casa mia, di giorno si girava col piuminio, la sciarpa e i guanti. Purtroppo ha quasi sempre piovuto.
Un altro aspetto che mi ricorda l’Italia e che anche li le indicazioni sono scritte quasi sempre solo nella loro lingua, così anche acquistare un biglietto per i mezzi diventa un problema per chi, come me, non sa una sola parola di tedesco.
I prezzi mi sono sembrati simili ai nostri.
Sopra al parlamento c’era una strana casa prefabbricata, non ho capito a cosa servisse…. boh??
Ovviamente McDonalds, Zara, H&M, Pizza Hut, Starbucks, ecc non mancavano.
Dappertutto ci sono riferimenti alla principessa Sissi.
Il caffè è quasi sempre Segafredo Zanetti. Se poi lo facessero bene sarebbe il massimo.
Anche qui le pizzerie italiane NON sono gestite da italiani.
Il tedesco è veramente una lingua ostica (e anche agnostica).
Sono atterrato all’aereoporto di Bratislava che dista circa un’ora e poco più di corriera da Vienna.
C’era un tizio che faceva la "statua" che stava per morire dal freddo… pazzo!
Ci sono tante chiese… ma non ho capito se li sono cattolici o no? Boh.
Qualcuno mi spieghi la differenza tra "strasse" e "gasse". Io credo che voglia dire "via" e "viale" o "corso". Giusto??
I nomi delle vie e piazze che ricordano i santi, non hanno la parola "santo" all’interno. Mi spiego meglio: la piazza Santo Stefano si chiama "Piazza Stefano", e così via.
Anche gli annunci sulle metro sono solo in tedesco.
In dogana sale il tizio e controlla i passaporti… ovviamente in modo superficiale.
L’aereoporto di Bratislava è bocciato. Usano uno strano sistema: dopo il check-in devi aspettare fuori dalla stanza del gate (in piedi). Poi fanno entrare tutti nella stanza, controllando le carte d’imbarco e, quando ci sono tutti, ti accompagnano all’aereo. In questo modo si perde un sacco di tempo e si rimane un sacco di tempo in piedi. Boh???
Le prese di corrente della pensione si adattavano a qualsiasi spina.
Ci sono i supermercati Spar.
Dei film in programmazione nelle sale non ne conoscevo uno !
Dappertutto ci sono sedi e pubblicità delle Generali. Neanche fosse una ditta austriaca.
Ci sono tanti musei.
Ci sono tante carrozze coi cavalli che portano i turisti. Ogni cavallo ha attaccato a sè il sacchetto per i… "bisognini"

Clicca qui per vedere un po’ di foto

Commenti

comments

Un commento all'articolo 'Vienna'

  1. 4 Agosto 2008 alle 14:53
    amber

Scrivi un commento a "Vienna"