La maestra globetrotter

Scritto il 7 settembre 2018 nella categoria Brallo,Me stesso

Il 2 gennaio 1987, nella sala del Cinema del Passo del Brallo, fu consegnato alla maestra Rita Rebolini una targa, a ricordo e riconoscenza dei tanti anni di insegnamento presso le scuole elementari delle valli circostanti. 

Rita in realtà all'anagrafe faceva Maria Teresa, ma forse nessuno lo sapeva o perlomeno nessuno ha mai utilizzato quel nome. Ricordo un aneddoto: avete presente quando nelgi anni'80 arrivavano quelle buste per posta da ditte tipo Euronova o Postalmarket con scritto "MARIO ROSSI xxx xxxxx xxxxxxx xxxx xxxxx HAI VINTO 50 MILIONI" (in quelle righe piccole, "xxxx xxxx", stava scritto "forse, magari, ipoteticamente "). Ebbene, la maestra Rita aveva ritagliato il proprio nome ("Maria Teresa Rebolini", appunto) e lo aveva incollato sulla porta dell'aula dove attualmente insegnava, a Brallo. In quel periodo c'erano due multiclassi, e quindi due maestre, più una giovane insegnante di sostegno -per una bambina con delle difficoltà- che, leggendo quel nome, aveva preso a chiamarla "Maria Teresa", ma è durato poco perchè lei l'ha subito ripresa: "chiamami Rita".

In realtà l'aneddoto è doppio perchè nel mondo della scuola forse è l'unica che le diede del tu e la chiamava "Rita", per tutti era la "signora Tordi", così come fuori dalla scuola era la "signora Rita".

Non aveva sempre insegnato al Passo del Brallo, dove abitava, tuttaltro: per anni era stata insegnante supplente e quindi ha cambiato numerosissime sedi. Tenete presente che a quei tempi quasi ogni paese aveva una scuola. Pensate ad esempio che c'era anche a Selva, piccola frazione del comune di Brallo di Pregola. A piedi, a cavallo, in corriera, in auto: ogni mezzo era stato utilizzato dalla maestra globetrotter per raggiungere le sue mete. Da lei erano "passati" generazioni di alunni. Non era infrequente che qualche impiegato, qualche avventore di un bar o qualche cliente del negozio di Siro le dicesse: "lei è stata la mia maestra, io sono Tizio del Talposto".

 

 

Commenti

comments

Scrivi un commento a "La maestra globetrotter"