Articoli nella categoria ‘Altro’

Canto narrativo al Brallo (4)

Scritto il 19 Settembre 2019 nella categoria Altro

Vi rimando alla prima puntata, alla seconda e alla terza

Il disco

Il disco intende offrire un’esemplificazione dei canti narrativi ancora in uso al Brallo, nella loro pluralità di modi esecutivi, a solo e in coro. La scelta non è limitata al canto epico-lirico classico, anche se lo privilegia. Sarebbe stato scorretto trascurare i canti recenti “da cantastorie” che hanno conosciuto maggior sincretismo nel repertorio locale, tanto da divenire sincronicamente parte integrante del patrimonio canoro locale.
Appartengono allo strato arcaico : Cecilia, E l’ui bella l’è là sul mar, Inglesina, Rosina la va la rusa, La povera Lena. Esiste tuttavia un corpus sostanzioso e tutt’ora vivissimo di altri canti narrativi, che potremmo dire “da cantastorie“. A questo gruppo, che si differenzia dal precedente anche strutturalmente, appartengono Isabella, La Milia la va Robbi, Isidora.
Spazio particolare ha, nella scelta, il canto solistico di Eva Tagliani, che rappresenta la testimonianza del livello più arcaico del la tradizione del Brallo. Rispettando il gusto estetico di Eva Tagliani sono stati inserite i canti che più le piacevano (Cecilia, La povera Lena, Teresina e Eugenio (il brano non è compreso nel disco).
I canti drammatizzati durante il carnevale in tempi passati provengono sia dal repertorio “vecchio” che da quello “moderno“. Dal primo Cecilia, E l’ui bella l’è là sul mar, dal secondo Ferruccio, Isabella.
Benchè l’esecuzione in coro sia la norma (si sentano, per esempio, Isabella, La Rosina la va la rusa) per la generazione più moderna di cantatrici (cioè le figlie di Eva), vengono anche inclusi alcuni canti a solo di Iride Tagliani (L’inglesina, Isidora, Ferruccio) e di Enrica “Richetta” Pasquella (La Milia la va Robbi) per la loro nettezza d’esecuzione e per il loro interesse intrinseco.
Per ogni canto si danno le varianti di maggior rilievo raccolte al Brallo (con qualche glossa linguistica); una bibliografia minima per il confronto con altre varianti settentrionali; commenti o notizie relative al canto, fbrnite, quanto possibile, dalle cantanti stesse. Soltanto per Cecilia il commento è sommario, considerando la mole di materiale che verrà pubblicata altrove 10.
Lo spazio posto a disposizione dal disco ha obbligato ad una (difficile) scelta ristretta che costituisce una parte esigua del repertorio del Brallo. Ciò che ci dispiace soprattutto è di non aver potuto includere nel disco esecuzioni di tutte le cantatrici che ho incontrato nella nostra ricerca. Voglio tuttavia ringraziarle tutte.

Commenti

comments

Un’ora in più

Scritto il 17 Settembre 2019 nella categoria Altro

E chi di voi, per quanto si sia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita?
(Matteo 6,27)

Commenti

comments

Camillo Benso

Scritto il 17 Settembre 2019 nella categoria Altro

“Sono figlio della libertà. Ad essa devo tutto quello che sono.”

Commenti

comments

Assurdo

Scritto il 16 Settembre 2019 nella categoria Altro

Se un’idea non è assurda, pazza o furiosa, allora per quell’ idea non c’è speranza.
(Albert Einstein)

Commenti

comments

Brallo – Brugnello (e ritorno)

Scritto il 16 Settembre 2019 nella categoria Altro

Il 12 agosto abbiamo intrapreso questa camminata.
Con me due bomber assoluti delle camminate: Ricky e Fly. Gente da record per tempo record.

Partiamo alle 7,00 dal Passo del Brallo e prendiamo subito per la faggeta. Dopo 10 minuti di passeggiata la strada si inerpica e chiacchierare diventa più difficile. Sbagliamo itinerario e invece di sbucare sulla strada asfaltata appena prima del Pian del Lago arriviamo molto prima. A questo punto seguiamo la strada fino al bivio per la “Panoramica” che passa sopra Feligara e scende a Colleri, ma dopo poche decine di metri c’è la deviazione per Mogliazze.

Il sentiero è agevole, si chiacchiera allegramente. Io e Ricky parliamo di assicurazioni mentre Filippo è già in fuga. Ci aspetta sopra Mogliazze, dove la visuale si allarga e si possono fare le foto di rito. Dopo aver passato la fattoria del famoso dietologo si scende, sempre su asfalto, in direzione San Cristoforo. Qui, in una curva, parte lo stretto sentierino in direzione del torrente Carlone. Quando arriviamo, a pochi metri ci sono le famose cascate, e ci si ferma una decina di minuti per le foto.

Si riparte allegri per il castagneto, dove ci sono degli alberi davvero imponenti. Vuol piovere, ma noi siamo al riparo. Quando arriviamo nei prati, invece di prendere la direzione di Moglia, tagliamo verso l’alto, raggiungendo poi ancora il sentiero segnato. Da qui, con una ripida salita sassosa (dove i miei soci mi distanziano) si raggiunge Carana, dei pressi sel singolare Bricco di Carana. Andiamo a destra in direzione Collegio / Pieve, ma poi scendiamo verso l’abitato fantasma di Pietranera, giungendo nei pressi dell’oratorio di Sant’Anna.

Da qui una ripidissima discesa ci porta sempre più giù, fino a Brugnello, che si erge sopra il fiume Trebbia e sopra il paesone di Marsaglia, capoluogo del comune di Corte Brugnatella. Dalla balconata dietro la chiesa si possono vedere, giù dal burrone là in fondo, i turisti che fanno il bagno. Mangiamo un tramezzino, beviamo una bibita, accendiamo una candela e ripartiamo per la salita.

Penso: a scendere da Pietranera ci abbiamo messo 45 minuti, per salire ce ne metteremo il doppio. Invece no, in 45 minuti siamo su. A dire il vero anche qui i miei compagni d’avventura mi distanziano e arrivano prima. Si risale ancora e riprendiamo il sentiero che passa sopra Rossarola, sopra Collegio e sopra Pieve di Montarsolo. Filippo la sa lunga e ad un certo punto ci fa passare in un pascolo recintato che pare essere una scorciatoia. Si dimostra molto esperto di queste zone, ha capito dove siamo. Qui inizio a sentire male ai piedi. Raggiungiamo finalmente la “Panoramica“, che agevolmente ci porterà a destinazione, ma i piedi mi fanno sempre più male. Il dolore inizia a diventare insopportabile una volta raggiunto l’asfalto. Chiedo ai miei amici di passare per la faggeta, ma non li convinco e quindi ritorniamo al Passo seguendo la linea di asfalto.

Arriviamo alle 14,20. Tempo record. bevo un paio di birre e vado a dormire. Buonanotte ;-)
42081 passi e 31,32 km

Commenti

comments

Non lamentarti

Scritto il 14 Settembre 2019 nella categoria Altro

Lamentarsi NON è MAI una strategia.

Commenti

comments

Cagliostro 4

Scritto il 14 Settembre 2019 nella categoria Altro

Silenzio, per favore: qui c’è gente che dorme!

Commenti

comments

L’amore è imprevedibile

Scritto il 13 Settembre 2019 nella categoria Altro

In fondo l’amore è imprevedibile! Passa per vie strette e nascoste, ma trova sempre la sua strada.

Commenti

comments

Error

Scritto il 13 Settembre 2019 nella categoria Altro

Non faccio mai un errore due volte di fila, lo faccio quattro, cinque volte, così da essere sicuro.
Bill Murray

Commenti

comments

Le sette lettere

Scritto il 25 Agosto 2019 nella categoria Altro

Questo è il secondo romanzo dell’amico Valerio Gasio. Adesso dirò le cose che mi sono piaciute e quelle meno.

Cose che mi sono piaciute:

  • Valerio si è documentato su (e ha vissuto in prima persona) la Voghera degli anni ’70 e pertanto è un simpatico amarcord di sensazioni, luoghi, personaggi, di oltre 40 anni fa.
  • Il libro si legge bene, scorrevole. La storia è adeguatamente strutturata, c’è la giusta suspence e le giuste dosi di dico-non-dico. Gradevole anche l’uso dei flashback nel 1928.
  • Per essere comunque l’opera di un non professionista è notevole.

Cose che non mi sono piaciute:

  • Anche se Valerio non fa questo di lavoro, il suo è il secondo romanzo, quindi se per il primo lavoro alcuni errori gli vanno ampiamente perdonati, adesso dovrebbe fare un salto di qualità.
  • Ad esempio: troppi errori di battitura. Troppi. Ce ne sta uno a libro. Due. Ma almeno uno a capitolo no, sono troppi. Valerio: fallo rileggere ben bene a qualcuno oppure affidati ad un editor.
  • Alcune volte ho notato delle discrepanze anche nel racconto stesso. Stefano (che poi è il protagonista, “cucito” su Valerio stesso) ama vedere in tv i duelli tennistici Borg – McEnroe, ma il primo incontro tra i due avverrà solo nel 1978, mentre il racconto è ambientato nel 1975. Poi c’è una cosa che non mi quadra: il libro parla di lettere scritte nel 1928, e Francesco dice che quell’epoca era un bambino. Secondo una comune definizione di “bambino”, potrebbe aver avuto al massimo 12 anni. Quindi 12+47 (dal 1928 al 1975) fa 59 anni. E nel libro è descritto come un vecchietto che fa fatica a fare tutto. A meno che non abbiamo avuto malattie, a 59 anni non può essere così messo male.
  • Infine i dialoghi: troppo “finti” e descrittivi. Molto spesso Valerio utilizza i dialoghi per descrivere la situazione o i pensieri, che invece andrebbero fatti intuire o spiegati al lettore in altro modo. Mi spiego meglio con un esempio, aprendo il libro a caso. Pagina 41, quando l’anziano Francesco si accorge di Stefano nella sua stanza , si gira e lo spaventa, poi dice: “Non volevo spaventarti, scusa. E’ che non ricevo mai visite e quando succede mi accorgo subito se c’è qualcuno. Sei un ragazzo molto giovane, non mi sembra di conoscerti“. La trovo un’esclamazione abbastanza artefatta.

Commenti

comments

La strada per la felicità

Scritto il 23 Agosto 2019 nella categoria Altro

La strada per la felicità? È come una scala: occorre fare un gradino alla volta. E quindi ogni giorno sarà sempre più bello.

Commenti

comments

Cagliostro 3

Scritto il 23 Agosto 2019 nella categoria Altro

Sguardi spiritati

Commenti

comments

16 al superenalotto

Scritto il 19 Agosto 2019 nella categoria Altro

Avere te è come fare 16 al superenalotto! 

Commenti

comments

Oggi o domani?

Scritto il 19 Agosto 2019 nella categoria Altro

Non concentrarti su quello che farai oggi, ma su quello che puoi essere domani

Commenti

comments

Siro del Brallo – 31 – Ciappe

Scritto il 15 Agosto 2019 nella categoria Altro

“Ciappe”. Lo sapete cosa sono? No, non è quello che pensate voi, dalle nostre parti ciappe sta a indicare… cosa? Ce lo spiega Siro, e ci spiega che lui le ha anche… vendute!

Commenti

comments