(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Mese: Gennaio 2018

Quiz con soluzione

 

Quiz Trova il gatto 🐱
Livello DIFFICILE (con soluzione)

Puesiâ

PUESIA

S'è chl'è la puesiâ? In d'è ch'la s'tröva?
A s'vêdla? A s'sentla? A s-pö tucàla?
Gh'è sul dâ dì che ognidön la pröva
a sò möd, pârchè s-pö sempar truvala
in tüt'i rob dâl mond, a dl'ünivèrs,
no sul int'i pârol scrit pâr furmà di vèrs.
 
L'è puesiâ la gràn felicità
ch'a s'vêda dentar j ög âd tüt'i fjò,
l'è puesiâ scuprìs inâmurà,
brâsà sü quajdöna püsè fort ch'â s-pö.
L'è puesiâ truvà pâr cas un fjur
ma câtàl no, pâr lâsagh âl sò splendur.
 
L'è puesiâ vêd âl su ch'u nasa
o vêdâl a murì quând l'è âl trâmont;
l'è puesiâ vârdà l'aqua ch'la pasa
e spegiàs dentâr vârdândâ sü da un pont.
L'è puesiâ vèrs j atar vègh amúr,
o sentìs j ög bagnà pr'un grân dulúr.
 
L'è puesiâ sentì un üsé cântà,
câminà schis in mès dla cunfüsjón
optira cur da sul âl longh d'un prà,
o smicià in cel âl vul d'un 'âquilón.
Gh'è puesià int'una nöt a scüra
âncâ se j ombar, di volt, i fân pâgürâ.
 
Puesiâ l'è 'l vent che tüt u spasa,
âl câmbjà di stagión, viv in libertà,
rivêd âl su quând âl timpural u pasa
rivàndà in ca tüt bèj e mâsârà.
Puesiâ truvà int'un gràn scunfòrt
sufrândâ tânt, pâr culpa d'un intòrt.
 
Puesiâ a l'è viv in mânérà
dâ vêd st'u povar mond un pò men brüt;
l'è un qu'àjcos ch'a t'disa: spera
e ricordàt che s'â s-pö no vègh tüt
a s-pö viv ben istès, in ârmunia,
se int'i rob a t'cerch la puesiâ.
 
Insì, quând int'j ög a gh'sarà un vel
e '1 respir u fâdigârà a nì sü,
cun un sfors s-cercârà d'vârdà incù '1 cel
âncâ s'a s'senta ch'a s'n'in pö propi pü;
pârchè quând l'ultim fjà sarà 'ndat via
u s'farà vent d'un atra puesiâ.
 
Angelo Vicini

Moneghan Island

 Ho letto questo libro, dell'amico Valerio Gasio.
Innanzitutto vanno i miei complimenti a Valerio, perchè, da scrittore non profesisonista, ha tirato fuori proprio un bel racconto. Lui ha già stampato diversi libri, come questo: Ci vediamo a Voghera, ma si trattava di raccolte di foto o di brevi aneddoti e curiosità, questo invece è un vero e proprio romanzo.
La lettura è piacevole, scorre veloce, è avvincente e adeguatamente dosato nelle rivelazioni, nella suspance e nei colpi di scena. Il genere è quello horror e infatti sono chiari i riferimenti al maestro del genere, citato anche nel libro sottoforma di un personaggio della storia, cioè quello Stephen King che è nato e vive proprio nel Maine, luogo in cui è ambientato "Moneghan Island", e dove King ha ambientato diversi suoi successi.

C'è da dire che, come il Maestro, anche l'allievo Valerio si è molto ben documentato: l'isola di Moneghan esiste realmente, così come gli altri luoghi da lui citati, le strade, i villaggi, ecc. E infatti ti porta subito nell'atmosfera statunitense con citazioni che vanno dai The RascalsJack Kerouac alla Clarice de "Il Silenzio degli Innocenti", e io ci vedo anche un riferimento al losco hotel di Norman Bates, il killer di "Psycho" (stesso cognome di due dei protagonisti, tra l'altro). Poi, vabbè, mi cita anche Edward Hopper, grandissimo!

I luoghi dove ambientare un horror ci sono tutti e così come i personaggi, compresa una strana gatta. Davvero ben realizzato, considerando che è la sua opera prima è proprio un bel lavoro. Perfettibile, ovviamente, soprattutto nello stile a volte troppo descrittivo e meno d'azione, ma rimane comunque una bomba!

Purtroppo per me, a circa metà racconto ho avuto un'intuizione su come sarebbe andato a finire, ma mi sono gustato lo stesso la lettura, non certo priva di colpi di scena. Consigliatissimo.

 

Rimando tutto a domani

E ogni volta che non c'entro, ogni volta che non sono stato ogni volta che non guardo in faccia a niente e ogni volta che dopo piango. Ogni volta che rimango con la testa tra le mani e rimando tutto a domani

Siro del Brallo puntata 21 – Gerry

Oggi Siro ha incontrato il suo amico Gerardo, detto Gerry,

Quiz livello 4

Quiz livello 4. Trova Milli

Tanto tempo fa, sotto al municipio

Una foto scattata sotto ai portici del municipio di Brallo. Chi riconosce chi?
(clicca per ingrandire)

 

Money for nothing

#dilloconunacanzone
Parte Sting cantando "I want my MTV", un attimo di attesa e poi viaaaaaa col riff di Mark Knopfler e… fare soldi senza far nulla.

Quiz superfacile

Quiz Livello SUPERFACILE:
Trova Milli

Gli angeli

Vedi tetti e case e grandi le periferie. E vedi quante cose sono solo fesserie.
E da qui, e da qui, qui non arrivano gli angeli con le lucciole e le cicale. E da qui, e da qui, non le vedi più quelle estati lì, quelle estati lì…

I bisnonni

Questi sono i miei bisnonni materni, vale a dire i nonni di mia mamma. Teresa Borrè, nata il 2 maggio 1865 (la capitale d'Italia era Firenze) e morta il 7 marzo 1950 (i miei non erano ancora sposati). Lorenzo Rebolini, nato il 29 marzo 1856 (sotto il Regno di Sardegna, presidente del consiglio Camillo Benso e re Vittorio Emanuele II) e morto il 15 giugno 1938 (mia mamma aveva 9 anni). Mio zio Renzo prese il nome dal nonno, mente mia mamma prese un nome dalla nonna, infatti all'anagrafe era Maria Teresa, anche se detta Rita.

Demolizione del balcone

Anni '80. Una sconsolata Rita stende i panni mentre osserva i lavori per la parziale demolizione del balcone sopra al negozio.

Non mi troverete

Non mi troverete…MAI!


 

Siro del Brallo – Puntata 20 Colleri

In questa intervista il pioniere del commercio ci parla di Colleri, frazione del comune di Brallo di Pregola.

 

Sono come tu mi vuoi

Non sono un vuoto a perdere, nè uno sporco impossibile, nè un marchio registrato, nè un prodotto di mercato. Non sono un punto fermo
nè una realtà di base, nè un dato di fatto, nè un dato per perso. Ho un codice segreto, ho un codice cifrato. Non cerco centri di gravità permanenti. Non sono una pratica evasa, non sono una vertenza chiusa: sono come tu mi vuoi. Non sono un vicolo cieco: sono come tu mi vuoi. Nè un pozzo senza fondo: sono come tu mi vuoi.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén