L'ingegnere sull'isola deserta

Scritto il 13 settembre 2008 nella categoria Simpatiche

Un giovane ingegnere decide finalmente di prendersi una vacanza nel Mar dei Caraibi. Purtroppo un giorno la nave affonda e l’uomo si ritrova su di un’isola deserta. Nessuna persona, nessun riferimento, niente di niente, solo banane e noci di cocco.

Dopo circa quattro mesi, mentre è disteso sulla spiaggia, stanco e disperato, vede una canoa, con a bordo la piu bella e sensuale donna che abbia mai visto in vita sua, che sta remando verso di lui. Incredulo, l’ingegnere le chiede da dove arrivi e come abbia fatto ad arrivare fino a lì.
Vengo dall’altra parte dell’isola – risponde lei – e sono arrivata sull’isola dopo che la mia nave ha fatto naufragio.
Sei stata veramente fortunata ad avere con te una barca – risponde l’ingegnere.
Oh… questa? – replica la donna – l’ho fatta con materiali che ho trovato sull’isola: i remi sono i rami dell’albero della gomma, ho intrecciato la parte inferiore con i rami delle palme, ed i lati e la chiglia li ho fatti da un albero di eucalipto.
Ma… ma è impossibile – balbetta lui – non avevi attrezzi a disposizione
Oh, quello non era un problema. Dall’altra parte dell’isola c’è un insolito strato di roccia alluvionale. Ho scoperto che dandogli fuoco e portandolo ad una certa temperatura, si trasforma in duttile ferro forgiabile. Ho usato quello per costruire gli attrezzi, e gli attrezziper procurarmi il materiale per la barca.
Il ragazzo è sbalordito.
Remiamo fino al mio posto – dice la donna.

Così, dopo pochi minuti, attraccano ad un piccolo molo e, con fare da marinaio esperto, la donna lega la barca con una corda di canapa intrecciata, mentre l’ingegnere a momenti non cade in acqua dallo stupore. Infatti, oltre al molo, di fronte a lui c’e un sentiero in pietra che porta ad un delizioso bungalow dipinto in blu e bianco. Una volta entrati, la donna dice con malizia:
Non è molto, ma io la chiamo casa. Perche non ci sediamo e prendiamo un drink?
Oh no, grazie – risponde stizzito – non ne posso assolutamente piu di altro latte di cocco!
Ma non è cocco. Ho un alambicco! Cosa ne dici di una pina-colada?
Provando a nascondere il sempre maggiore stupore, ed imbarazzo, l’uomo accetta di buon grado. Quindi iniziano a parlare, ed una volta che si sono raccontati le loro storie la donna annuncia provocante:
Sto andando a mettermi qualcosa di piu comodo. Perche non vai di la a farti una doccia ed a raderti? C’è un rasoio nell’armadietto. Senza fare altre domande, l’uomo si reca nel bagno, dove oltre ad una doccia, trova anche il rasoio, fatto con un manico in osso e due superfici smerigliate tenute insieme e funzionanti grazie ad un qualche meccanismo.
Questa donna è incredibile, meravigliosa. Chissà quale sara la prossima sorpresa?
Quando ritorna, la donna è stesa sul letto, e non indossa nient’altro che dei fiori strategicamente posizionati, mentre nella stanza si spande il profumo delle gardenie. Lei lo invita a sederle accanto.
Dimmi – inizia lei avvicinandosi all ingegnere – siamo stati qui fuoriper molto tempo. Tu sei stato solo, io sono stata sola. Sono sicura che c’è qualcosa che vorresti fare adesso, e che non hai potuto fare per tutti questi mesi. Adesso puoi…
Una luce brilla nei suoi occhi. L’ingegnere non puo credere a quello che sta sentendo. Il suo cuore comincia a battere forte, si sente veramente fortunato.
Vuoi… vuoi dire che… dopo tutto questo tempo… vuoi dire… che posso realmente… controllare la mia e-mail da qui??

(tratta da HappyBlog)

Commenti

comments

9 commenti all'articolo 'L'ingegnere sull'isola deserta'

  1. 20 settembre 2008 alle 18:50
    Rebecca
  2. 26 aprile 2010 alle 16:15
    isbi98
  3. 26 aprile 2010 alle 16:20
    isbi98
  4. 26 aprile 2010 alle 16:23
    ilbareto
  5. 6 luglio 2010 alle 11:16
    Girolamo
  6. 26 dicembre 2011 alle 18:54
    luca
  7. 3 agosto 2012 alle 19:32
    Biribi
    • 21 luglio 2016 alle 13:53
      Marco
  8. 21 luglio 2016 alle 13:52
    Marco

Scrivi un commento a "L'ingegnere sull'isola deserta"