Il cielo

Scritto il 15 dicembre 2018 nella categoria Me stesso

 

Nessun limite eccetto il cielo.

Commenti

comments

Trova Milli – 17

Scritto il 13 dicembre 2018 nella categoria Altro

Quiz: trova Milli. 
Alle prime 50 telefonate in omaggio un materasso a molle.

Commenti

comments

Mangiare la polvere

Scritto il 13 dicembre 2018 nella categoria Citazioni

Chi vive sempre e comunque, chi vive chiuso in un bunker, chi vive sotto la luce vede l'inizio del tunnel con il cuore di pietra, tu con la coda di paglia. Stanchi di nascondere la testa sotto la rabbia, mangiare la polvere, condirsi la terra: noi che cerchiamo la pace a costo di farvi la guerra.

Commenti

comments

pARADOSSO

Scritto il 25 novembre 2018 nella categoria Altro

Se la scorsa notte, mente dormivi, l'intero universo avesse raddoppiato le sue dimensioni, non te ne saresti accorto.

Commenti

comments

onaliM

Scritto il 25 novembre 2018 nella categoria Citazioni

Milano sguardo maligno di Dio
zucchero e catrame Milano ogni volta
che mi tocca di venire
mi prendi allo stomaco
mi fai morire
Milano senza fortuna
mi porti con te
sotto terra o sulla luna

Commenti

comments

Canto narrativo al Brallo

Scritto il 24 novembre 2018 nella categoria Brallo,musica

Sono entrato in possesso di questo stupendo documento: un disco in vinile, a cura di Luisa Del Giudice, che raccoglie alcuni brani popolari della canzone delle nostre terre. E' stato registrato a Colleri di Brallo nel 1987.
A puntate cercherò di pubblicare alcuni brani e alcune informazioni riguardo l'opera.

Iniziamo col dire che fa parte della collana "Ricerche etnomusicologiche – archivio sonoro", collana discografica realizzata dal Dipartimento di Musica e Spettacolo dell'Università di Bologna e dal Comitato Nazionale Italiano dell'International Council for Traditional Music (UNESCO). Raccoglie materiali sonori delle culture tradizionali con l'intento di presentare ricerche organiche su specifiche situazioni e problemi. Ogni disco è accompagnato da un libretto informativo il più ampio possibile, con trascrizioni musicali. 
"Canto narrativo al Brallo" – La tradizione musicale nell'Appennino Pavese e i suoi protagonisti: il repertorio di canti narrativi della famiglia Tagliani, opera realizzata con il contributo dell'Amministrazione Provinciale di Pavia Assessorato all'Istruzione, Cultura e Formazione Professionale. Registrazioni, edizione e note di Luisa Del Giudice. Trascrizioni musicali: Linda Levin, Los Angeles. Mastering: George Charouas, GTM Producionts, Los Angeles. Febbraio 1990

Commenti

comments

Come è profondo il mare

Scritto il 22 novembre 2018 nella categoria Citazioni

Siamo noi, siamo in tanti, ci nascondiamo di notte per paura degli automobilisti, dei linotipisti. Siamo i gatti neri, siamo I cattivi pensieri, e non abbiamo da mangiare…

Commenti

comments

La luce

Scritto il 18 novembre 2018 nella categoria Altro

C'è chi si limita a vedere le crepe nelle cose: io vedo la luce che entra da quelle crepe! 

Commenti

comments

Ho deciso

Scritto il 18 novembre 2018 nella categoria Altro

Ho deciso di essere felice, e questo mi rende felice 

Commenti

comments

Viaggio

Scritto il 14 novembre 2018 nella categoria Altro

Come il vento. Viaggio.

Commenti

comments

44/88

Scritto il 3 novembre 2018 nella categoria Altro

Commenti

comments

Amarcord

Scritto il 3 novembre 2018 nella categoria Citazioni

"Più di tutto mi ricordo il futuro"
Salvador Dalí

Commenti

comments

Dio

Scritto il 31 ottobre 2018 nella categoria Altro

 

 

Se Dio esiste: chi è?
Se non esiste: chi siamo?

Commenti

comments

Senza di

Scritto il 31 ottobre 2018 nella categoria Citazioni

 

Sto bene anche senza di ME, ma non senza di TE

Commenti

comments

Caino e Abele

Scritto il 27 ottobre 2018 nella categoria musica

Abele l’era bònn, Caino mea taant, a l’era in sö la Bibbia, ma l’era mea un Saant. I eren düü fredèj, ma i eren l’uppòst, diversi del tütt, cumè i pastigli e i süppòst. Abele l’era bell, cumè un atuur francees, Caino l’era brött, che s’cepàva i cineprees. Abele l’era voolt e anca ben piazzàa, Caino l’era göbb e sempru incazzàa.

Sèmm al muund in düü e vöen me sta söi bàll, dumà a vardàll in fàcia me vee vöeja de cupàll. L’è grand e gròss, ma appèna l’è de spàll ghe foo vedé me cume l’è bèla la mia vàll!

Abele cantava le lodi al Signuur cun la vuus meludiusa che el parèva un tenuur, Caino, stunàa el ghe pruvàva per uur, el pàreva un purcèll scüsciàa de un tratùur. Perfino il buon Dio un dè l’ha ciamàa, l’ha stupàa i urècc e pö dopu el g’ha parlaa: Caro Caino, se te voret pregà, sun pròpi cuntèent ma desmètela de cantà, altrimenti i me angeli me perden i piöemm e tücc i pèss i me nèghen in del fiöemm.

Abele l’era in furma e vegetariàn, mangiàva un zìcch de üga e un tuchetènn de pàn e dopu una giurnàda passàda a lavurà el gh’era ammò la forza de cantà e de balà. Caino el cùpava tütt quèll che se muvèva, el majàva cumè un lùff e vacca se’l bevèva e dopu una girnàda passàda ciùcch desfàa, se tràva in söel praa e pö el tacàva a runfà. Per passà un zicch el teemp, i giügàven al balòn, Abele l’era bràvu e quell’oltru un scarpòn, Abele palleggiava che ‘l pareva el Ronaldo, Caino el parèva el fredèll del Braccobaldo. El praa dell’Abele l’era graand cumè el Meazza, nel praa del Caino ghe stava gnaa una tàzza. Nel praa dell’Abele gh’eren tücc i piaant in rìga, nel praa del Caino gh’era là dumà un’urtiga. Nel praa dell’Abele pasculàva el bestiàmm, nel praa del Caino pascullàven i pantegànn.

Una sira el Caino el veed che rüva l’Abele, incazzàa cume el soo mea cussè che ghe s’è ruta la tele. Caino che el g’ha mea la televisiòn el diis che al limite ghe ròla sö un canòn. Abele a bùca vèrta e scandalizzàa el ghe diis: Che vergogna, te seet anca un drugàa! Vergogna de chii, che sèmm che dumà in düü. Quell’oltru ridendo el g’ha respundüü: La Bibbia la diis, che g’ho de fàtt la pèll, però me g’ho un sistèma che l’è ammò püsse bèll: Tiri sö i me stràsc e voo via me, te làssi che a giügà a tennis de par te, te làssi che a giügà a tennis de par te !

Commenti

comments