fabiotordi

(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Anello Bocco-Corbesassi

Un bel giretto con Leo: Brallo Bocco Corbesassi Cortevezzo Someglio Brallo.


Commenti

comments

Anello Faggeta-Feligara

Un bel giretto che abbiamo fatto io e Leo: Brallo, Pinetina, Faggeta, Rifugio, Pian del Lago, Feligara, Selva, Brallo.

Commenti

comments

Confettura di more

Una sferzata di energia: confettura di more “by Fabio”(Nessuna mora è stata troppo maltrattata per questa confettura. More rubate a Bocco. Aut Min Rich)

Commenti

comments

Traschio

Io dico: chiamami come ti pare, ma io sono felice (cit.)

Commenti

comments

The king of Pineta

Commenti

comments

Piove?

Piove. È uno stillicidio
senza tonfi
di motorette o strilli
di bambini.
Piove
da un cielo che non ha
nuvole.
Piov
esul nulla che si fa
in queste ore di sciopero
generale.
Piove
sulla tua tomba
a San Felice
a Ema
e la terra non trema
perché non c’è terremoto
né guerra.
Piove
non sulla favola bella
di lontane stagioni,
ma sulla cartella
esattoriale,
piove sugli ossi di seppia
e sulla greppia nazionale.
Piove
sulla Gazzetta Ufficiale
qui dal balcone aperto,
piove sul Parlamento,
piove su via Solferino,
piove senza che il vento
smuova le carte.
Piove
in assenza di Ermione
se Dio vuole,
piove perché l’assenza
è universale
e se la terra non trema
è perché Arcetri a lei
non l’ha ordinato.
Piove sui nuovi epistèmi
del primate a due piedi,
sull’uomo indiato, sul cielo
ominizzato, sul ceffo
dei teologi in tuta
o paludati,
piove sul progresso
della contestazione,
piove sui works in regress,
piove
sui cipressi malati
del cimitero, sgòcciola
sulla pubblica opinione.
Piove ma dove appari
non è acqua né atmosfera,
piove perché se non sei
è solo la mancanza
e può affogare.

Commenti

comments

L’enigma dell’ultimo templare

Ho letto questo libro di Daniele Salerno: “L’enigma dell’ultimo templare”.

Devo dire che è stata una lettura piacevole e interessante. Un thriller storico, pieno di colpi di scena, curato nella ricerca.

Lo ammetto, mi aspettavo qualcosa di più ampolloso e prevedibile, invece Daniele ha creato qualcosa di veramente ben fatto, per la trama, per i personaggi, per la suspance. Sono riuscito a “sgamare” in anticipo solo uno dei colpi di scena presenti nel libro.

Commenti

comments

Mio fratello

Con te ho perso l’ultimo del miei punti di riferimento. Vuol dire che sono diventato definitamente “grande“? Ma oggi voglio solo ricordare la tua allegria, pensando alla tua “Zuppa di Voghera” con scritto “Buon Natale” il giorno di Ferragosto, con alcuni momenti divertenti del matrimonio. Brallo, oggi in particolare, mi sembrerà diversa dal solito.
15 agosto 2022

Commenti

comments

La chiesa degli artisti

Ho letto questo libro, che riguarda la chiesa di San Vittore a Voghera, dove vengono raccolte testimonianze, articoli ed editoriali riguardanti la cosiddetta “Chiesa degli artisti“.

Questa chiesa, sorta in un quartiere ancora oggi chiamato familiarmente il “Villaggio” (e nel libro è spiegato il perché), grazie a Don Piero Romersi è diventato un museo d’arte (sacra) moderna.

Commenti

comments

Milù elettricista

Commenti

comments

Recensione su Il Popolo

Commenti

comments

Tu sei il futuro

Leo, è stato un anno particolare, quest’ultimo. Ci sono state tante cose belle, come i tuoi sorrisi, come la nostra famiglia che si è consolidata con il matrimonio, altre cose meno belle, come qualche malanno, il fatto di aver vissuto una situazione che procurava ansia, stress, angoscia (e nulla mi toglie dalla testa che il “malanno” sia sempre dovuto a questa situazione”) e altre decisamente brutte, come l’aver dovuto salutare per sempre tuo zio Ivo.

Tempo fa ti avevo scritto una lettera, ma poi l’ho riletta e l’ho cestinata. Ti raccontavo degli ultimi avvenimenti, del mio sconforto, dopo 25 anni di lavoro, per il senso di impotenza verso le piccole e grandi brutture del mondo. Rileggendola ho capito che non avrei dovuto farlo, non avrei dovuto cedere al pessimismo, alla tristezza, alla paura, alla rabbia. Pensando a te, alla tua risata, alla tua spensieratezza, alla tua gioia di vivere fanciullesca, capivo che TU SEI IL FUTURO e che non meriti di avere neppure un briciolo di queste brutture sulle spalle. Le tengo io, il tuo papà, per te. Ho le spalle larghe ed una ormai quasi cinquantennale esperienza di maldicenze, falsità, cattiverie, insulti, invidie, burocrazie, sfighe varie.

Ma come, dirai tu? Ma se il mio papà è quasi sempre allegro, pare uno senza problemi, uno sempre senza pensieri, sempre felice. Certo, amore mio, la miglior vittoria sulle sfighe, sulle cattiverie, sulle invidie, sulle brutture, è proprio quella di essere felici, abbandonando tristezza, pessimismo, paura, rabbia. È il miglior modo di vivere la vita, o perlomeno il migliore ch’io conosca.

TU SEI IL FUTURO e, anche se del mio discorso astratto ci hai capito poco o niente, sappi che io farò di tutto affinché tu sia sempre, nei limiti umani, felice.

Il tuo papà.

Commenti

comments

Cielo stellato

Un cielo così si vede solo al Passo del Brallo.

Commenti

comments

Via dei Tordi

Mi è costata cara, ma finalmente….!

Commenti

comments

La morte è una convinta democratica

Ho letto questo libro di Lucio Figini.

Inizio col dire che mi è piaciuto molto. Sono due storie in una: da una parte un romanzo storico, lungo la prima parte del ‘900, dall’altro un’avventurosa vicenda attuale, un po’ psicologica, un po’ thriller, un po’ esoterica, un po’ di azione, insomma un pizzico di tutto, dosato con maestria.

Indubbiamente originale, mi ha accompagnato durante una vacanza tenendomi sempre alta la voglia di leggere il capitolo successivo.

Commenti

comments

Page 1 of 156

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén