fabiotordi

(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Il gioco di Gerald

Ho letto questo libro del maestro Stephen King: Il gioco di Gerald.

Bello, indubbiamente. Una trovata molto originale e tre quarti del libro che si svolgono in una sola stanza nell’arco di un paio di giorni.

Il Re anche stavolta ti tiene incollato alle pagine e alla fine di ogni capitolo ti sale la voglia irrefrenabile di iniziare il successivo.

Peccato per il finale del libro, che mi ha detto davvero poco. Spero di non aver spoilerato troppo (anche se non ho scritto niente)

Diciamo che ne vale comunque la pena. Io, personalmente, avrei terminato il libro prima, e avrebbe avuto molto più senso.

Eh certo, Fabio Tordi dal Brallo che la sa più lunga di Spephen King del Maine, come no !

Commenti

comments

Il tuono

E nella notte nera come il nulla,
a un tratto, col fragor d’arduo dirupo
che frana, il tuono rimbombò di schianto:
rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo,
e tacque, e poi rimareggiò rinfranto,
e poi vanì. Soave allora un canto
s’udì di madre, e il moto di una culla.

Giovanni Pascoli

Commenti

comments

Poggio Ferrato

Chissà cosa facevo 10 anni fa, o 20, o 30. Tutte situazione completamente diverse, che però mi hanno reso quello che sono e mi hanno portato fino a qui.

A Poggio Ferrato?

Commenti

comments

Il mio primo NFT

Il mio primo NFT in vendita su rarible.com:
CLICCA QUI

La famosa foto che raffigura la chiesa di Pregola con il monte Lesima sullo sfondo utilizzata in tantissimi manifesti, libri, volantini, siti, scattata nel 2005 da sirwap https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3732607

Commenti

comments

QUELLO SPIRTO GUERRIER CH’ENTRO MI RUGGE

QUELLO SPIRTO GUERRIER CH’ENTRO MI RUGGE stasera dorme, come la sera di foscoliana memoria:

Forse perché della fatal quïete
Tu sei l’immago, a me sí cara vieni,
O Sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all’universo meni,
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
Che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
Questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure onde meco egli si strugge;
E mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

Commenti

comments

Una strada verso il nulla

Ho letto questo libro di Valerio Gasio : UNA STRADA VERSO IL NULLA.

C’è dentro tutta la sua passione per l’America. Stavolta, dopo l’estremo est del Maine (“Monhegan Island“) ci porta nell’ovest del deserto della California. Da un lato la storia presenta situazioni che sembrano già viste (o lette), ma che in realtà non sono plagi o scopiazzature, ma citazioni, di cui il libro è pieno, dall’altro lato la storia diventa avvincente, specialmente nel finale, e fa venir voglia al lettore di sapere come va a finire.

Lo stile di Valerio ormai ho imparato a conoscerlo: molto molto descrittivo, con flashback e racconti che spiegano alcune situazioni, fatti, personaggi e con dialoghi altrettanto elaborati, difficilmente riscontrabili in situazioni reali, ma tant’è, è un libro e, come detto, è il suo stile.

Chissà dove ci porterà la prossima volta.

Commenti

comments

Atlante Rock

Ho letto questo libro di Ezio Guaitamacchi: “Atlante Rock“. Ma quante ne sa quest’uomo? Un viaggio, nel vero senso della parola, nella musica e i suoi templi, le sue chiese, sinagoghe e cattedrali.

In pratica è come fosse una guida turistica, per 5/6 negli USA, ma che invece di parlare delle classiche attrazioni e località turistiche racconta dei grandi del rock che ci hanno vissuto, che ci hanno inciso dischi, o anche solo preso ispirazione, o che ci sono stati di passaggio.

E’ pazzesco scoprire quante cose, spesso completamente diverse le une dalle altre, capitate magari nella stessa zona. Artisti che hanno vissuto in edifici adiacenti, o suonato negli stessi locali.

Leggendo questo libro ti verrebbe voglia di partire per andare a Memphis in motocicletta, a Chicago a bordo di una vecchia Cadillac o a New York in taxi. Guaitamacchi è un pozzo di conoscenza: tizio ha abitato lì, proprio nella via dopo dove Caio suonava nel tal locale e Sempronio ha inciso il suo primo disco, ecc ecc.

Un bel viaggio. Purtroppo solo con la fantasia, ma va allenata anche quella.

Commenti

comments

When I was a child

Quando ero bambino, come tutti i bambini fantasticavo su quello che avrei fatto “da grande“, ma la vita per fortuna riesce sempre a stupirti. Talvolta in negativo, ma il più delle volte in positivo. Finché posso cercherò di godere delle situazioni belle e dimenticarmi di quelle brutte. Enjoy

Commenti

comments

Milù 5

Ugualeuguale a Milù

Commenti

comments

oibaF

Non so quanti anni avessi in questa foto, noto che ero ancora condizionato dal fatto di avere sempre maglie col colletto e se, come in questo caso, indossavo una felpa girocollo, mettevo sotto una polo. Erano gli anni del Fabio timido (ebbene si, ho avuto una fase della mia vita in cui lo ero, e molto) in cui ascoltavo con gli occhi, parlavo poco e scrivevo tanto.

Commenti

comments

Freddo Sud

Ho letto questo libro di Liza Marklund: “Freddo Sud”. Un giro di affari e delitti, un filo seguito da una giornalista svedese nel sud della Spagna, poi a Gibilterra e in Marocco. Un romanzo che a tratti divaga, probabilmente perché fa troppi riferimenti a precedenti libri dell’autrice (che non ho letto), ma fortunatamente poi rientra subito nell’azione. Non imperdibile, ma carino.

Commenti

comments

B come Bitcoin

Il primo negozio della provincia che accetta anche i Bitcoin

https://www.vogheraseitu.it/journal/vestirsi/18656-speciale-moda-il-primo-negozio-della-provincia-che-accetta-anche-i-bitcoin

Commenti

comments

Gita al monte Lesima – Toiamormoi

Oggi Fabio e Valentina tentano l’arrembaggio alla vetta del monte Lesima, con la neve. Riusciranno i nostri eroi?

Commenti

comments

La mia cosa bella

La vita è una somma di tutte le scelte, le situazioni, le decisioni, gli avvenimenti, le sfighe, i comportamenti, le botte di culo, le cose brutte e le cose belle. Tu sei la mia cosa bella.

Commenti

comments

Voghera settecento

Ho letto questo libricino di Gilberto Garbi, VOGHERA SETTECENTO, che tratta del censimento effettuato nel 1769, dopo che Voghera era entrata, con il trattato di Aquisgrana del 1748, nel territorio del Regno di Sardegna.
Un interessantissimo reperto storico, spiegato bene in questo trattato, che fotografa una Voghera di 250 anni fa

Commenti

comments

Page 2 of 151

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén