Qui fa proprio caldo! E poi è una città in collina e fai tante discese e salite, xtanto il caldo aumenta.
Come previsto è difficile trovare posti dove facciano un buon caffè, anzi è difficile trovare posti dove facciano un caffè… e basta, anche se tantissimo hanno insegne e marchi italiani.
Qui non ci sono autobus, nè filobus. Oltre all’underground il solo mezzo di trasporto è il tram.
Ho visto diverse insegne che vedevo spesso a Londra: Subway, T-Mobile, O2, ovviamente McDonald’s, e…. c’è la Tesco! Mi sento a casa.

Stamane un giro fino a Malà Strana (Parte Piccola), con visita alla piazza di San Nicola e arrampicata fino al Castello di Praga. “Vasto borgo circondato da bastioni, più che arroccata fortezza“, come dice la guida.
Al suo interno la chiesa di San Vito, stile gotico.
Ridiscesi, siamo passati alla chiesa che custodisce il famoso Bambin Gesù di Praga.
Un occasionale incontro con un frate italiano ci ha dato l’opportunità di salire sulla soffitta della chiesa. Ma tu dimmi. Per puro caso quel frate, che stava per mostrare i piani alti ad un manipolo di turisti, ci ha fatto accodare al gruppo, e poi aveva fretta di andare perchè doveva partire per Arenzano

Altro giro sul Ponte Carlo, per vedere le sue famose statue con la luce del giorno. A proposito di statue, qui ne hanno la passione: ce ne sono ovunque, sulle chiese, sui monumenti, sugli edifici importanti…
In giro si vede ancora qualche vecchia Skoda, ma x il resto sono quasi tutte auto nuove.
Pensa che bello se i prezzi dei supermercati fossero stati così bassi anche a Queensway!


San Francisco? No, Praga.

Commenti

comments