Davide Bernasconi, in arte Davide Van de Sfroos (che nella sua lingua, il comasco, sta per "vanno di frodo") è in simpatico cantautore lariano. La sua musica tocca un po’ tutti i generi, dal folk al rock e la sua particolarità è proprio quella di cantare in dialetto comasco. All’inizio suona un po’strano, perchè siamo abituati a sentire canzoni in italiano, in inglese o magari in francese e spagnolo. A volte qualche lingua ancora più strana. Oppure canzoni in napoletano, in romanesco, ma quasi mai in dialetti del nord Italia. Vi ricordate i Pitura Freska?

Lui canta di contrabbandieri, di gente di provincia, di gente di confine. Le sue canzoni sono delle ballate, a volte divertenti, a volte malinconiche (come "E semm partii" sugli emigranti in america), a volte spassose (come il mini cd "Per una poma", cioè "per una mela", con tre canzoni dedicate a Noè, Adamo ed Eva e Caino ed Abele)

Ecco un piccolo assaggio (proprio da "Caino e Abele")

Una sira el Caino el veed che rüva l’Abele
Incazzàa cume el soo mea cussè che ghe s’è ruta la tele
Caino che el g’ha mea la televisiòn
el diis che al limite ghe ròla sö un canòn
Abele a bùca vèrta e scandalizzàa
el ghe diis Che vergogna, te seet anca un drugàa!
Vergogna de chii, che sèmm che dumà in düü

Quell’oltru ridendo el g’ha respundüü

La Bibbia la diis, che g’ho de fàtt la pèll,
però me g’ho un sistèma che l’è ammò püsse bèll,
tiri sö i me stràsc e voo via me
te làssi che a giügà a tennis de par te,
te làssi che a giügà a tennis de par te !

Commenti

comments