(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Voghera drift

Avete letto la notizia dei due ragazzi di Rovigo che andavano a 240 in autostrada, 160 in città e poi han fatto inversione a U in superstrada? Dopodichè pubblicavano i filmati delle loro imprese su YouTube, così sono stati beccati e denunciati. Complimenti. Due geni.

Nel nostro piccolo a Voghera abbiamo questi che fanno "drifting" in piazza Duomo con Zucchero come sottofondo musicale. Non sapevo di preciso cosa significasse la parola drift e così ho fatto una ricerca su Wikipedia. Arrivano da Via Cavour e fanno un paio di giri intorno alla collegiata di San Lorenzo, sbandando e derapando sulla strada bagnata. E’ sera ma non è notte, perchè le vetrine dei negozio sono ancora accese (perlomeno le mie).

Commenti

comments

Previous

Maleducazione al telefono

Next

La mia malinconia è tanta e tale…

6 Comments

  1. Dopo un articolo apparso in questi giorni su “La Provincia Pavese” a firma di Emanuele Bottiroli proprio su questo filmato, l’autore ha pensato bene di toglierlo da YouTube, magari per evitare di venire riconosciuto.

  2. Giovanni

    E’ vero è stato rimosso, non si vede nemmeno quello ad inizio pagina. Certo però che Bottiroli le ha sparate belle grosse. Ok chi ha “driftato” per Voghera non sarà un genio, ma il giornalista ha secondo me, esagerato per dare un’enfasi eccessiva. Il problema è che così facendo, non immagino come potrebbe scrivere in caso di fatto estremamente grave.

  3. Si in effetti ti do ragione, il fatto non è in sè così grave, ma a volte i giornalisti hanno la tendenza a lasciarsi prendere dall’enfasi. Per me la notizia non è quella che qualcuno drifti in piazza Duomo, ma che lo stesso si filmi e si metta su YouTube. E’ la tendenza attuale, che io chiamo del “Grande Fratello”, dove l’importante è apparire, a qualunque costo. Giusto o sbagliato che sia.

  4. Emanuele Bottiroli

    Eccomi: chiamato in causa rispondo. Il giornalista ha leggermente enfatizzato la notiza per indurre i registi di simili video a dedicarsi ad altri passatempi o, almeno, a non pensare che pubblicare su YouTube certe cazzate sia un vanto. Io non voglio scrivere di un “drifter” accartocciato e nemmeno di qualche innocente travolto. L’enfasi a volte ci vuole. E io non sono uno che di solito esagera. Il video è sparito e qualche controllo in più potrebbe arrivare… Il clamore mediatico, a volte, può contribuire a sventare sciagure. Speriamo sia questo il caso.
    Nel caso di fatti estremamente gravi, purtroppo, non c’è parola che tenga.

  5. Giovanni

    Bene io sono pienamente in accordo con quello che dici, credo proprio che nessuno abbia piacere nel leggere di “drifter” che si accartocciano o di persone che hanno la sola sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato, certo siam d’accordo sul fatto che sono gesti da non ripetersi.
    Però guardiamo la cosa da un altro lato, dal lato dell’opinione pubblica, dal lato di quella fetta di torta di persone che leggendo l’articolo interpretano in modo errato il tuo messaggio. Ecco, quando l’articolo ha un effetto simile, va rivisto, perchè a quel punto non sta dando informazione, ma sta creando confusione. Una confusione che già c’è e lo dimostra il video su youtube (come altri). Il modo di scrivere sui giornali oggi, sta diventando troppo catastrofico perchè si pensa di indurre le persone a non fare ciò che viene raccontato. Purtroppo come dicevano in una trasmissione recente, il “don’t try this at home” spesso non viene percepito, mentre viene comunicato un senso di pericolosità da parte di possibili “vittime” oltre a contribuire alla creazione di una visione distorta della realtà. E questo non credo sia il messaggio voluto.
    In specifico, l’articolo mi è sembrato un tantino troppo enfatizzato, leggendolo è parso che addirittura da Varzi si sia fatta una folle corsa che si è conclusa in Piazza Duomo a Voghera. Il “non giovane” questo lo prende come oro colato, ed il “giovane” non lo legge nemmeno.
    Ad ogni modo, sia perfettamente chiaro, nulla di personale, solo che a volte si è un pò stufi di leggere certi stili sbagliati che possono essere fortemente controproducenti. Dunque il mio è solo un punto di vista che vale il tempo che trova, complimenti seri, comunque per il lavoro svolto e speriamo che il “drifter” abbia capito.

  6. Emanuele Bottiroli

    Giovanni, grazie per i tuoi commenti e le tue osservazioni: sarò più cauto nell’enfasi. Però è buffo, sai: una volta che anch’io cado in tentazione (per le ragioni di cui al post precedente), tu mi becchi in castagna. Bravo!
    :-)
    e.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén