Padre Pio – seconda parte

Scritto il 9 Marzo 2015 nella categoria viaggi

Sono le dieci. Con calma ho visitato tutta la chiesa, la vecchia chiesetta a lato (dove aveva iniziato a celebrare il santo, “sostituita” poi da quella grande per accogliere il numero di fedeli che già in vita attirava. C’è poi un percorso che scende nella cripta dove era custodito il corpo di San Pio fino a qualche anno fa. Il percorso passa poi nelle celle dove anche il frate ha vissuto e pregato, e prosegue fino al piano superiore, il tutto disseminato di oggetti appartenutigli. E’ fin quasi esagerata questa esposizione di oggetti: c’è addirittura un sacchettino con dei cerotti usati! Ho fatto tutto il giro da solo, anche se oggi è domenica non c’è nessuno. Fuori piove. Visito brevemente il presepe e mi inerpico sulla collina a fianco, vicino all’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, dove c’è la Via Crucis. Quando arrivo in cima la pioggia aumenta notevolmente d’intensità e anche se la giacca e cappellino mi riparano, i jeans e le scarpe s’inzuppano. Diluvia. Scendo e mi infilo in un bar a fare colazione. Sono un pulcino bagnato. Praticamente mi manca da visitare la chiesa di San Pio, progettata da Renzo Piano. Ho tutta la giornata, farò le cose con calma e ne approfitterò per leggere e scrivere.

 
Non piove più, visito la chiesa. E’ veramente grande, moderna, forse troppo. C’è una bella vetrata con disegni, ma oltre a quella solo marmi e panche in legno chiaro, tutte uguali, in infinite file. Noto che sono senza inginocchiatoio. Adesso sono giù, nella chiesa inferiore, dove c’è il corpo di Padre Pio. sono contento e soddisfatto del fatto che, venendoci, ho come accompagnato qui la Rita, ci tiene. So che sono solo spoglie mortali, però… come dire, è la meta del mio pellegrinaggio e mi fa stare bene. adesso me ne sto un po’ qui. Intanto mi asciugo. Qui sotto è più carino, ha più l’aspetto di una chiesa che di una sala conferenze come di sopra. Mosaici, intarsi. La modernità essenzialista mal di addice a mio parere ad un posto di culto, ma la mia è solo un’opinione, evidentemente.
 
No, però il selfie con la salma no, vi prego! Di cattivo gusto!
 
La vita di Padre Pio mi ricorda un po’ quella di San Francesco: grandi persone, grandi santi, gran carisma, non usato però per mettersi in mostra e sentirsi importanti, ma rispettando sempre le scelte della Chiesa.
 
 
Ore 13:16. Sono di ritorno verso Foggia. C’è da dire che qui a San Giovanni Rotondo hanno due difetti: quando piove le strade e i marciapiedi si allagano e a pranzo, in centro, ognuno mangia a casa sua.
Ho deciso, anche dietro suggerimento della mia guida, di visitare il centro storico. Solo che, quando ero a metà strada, ha iniziato di nuovo a venire giù a secchi e non c’era verso di non avere i piedi a mollo. Allucinante: 5 / 10 cm di acqua, anche passando in mezzo alla strada! Allora mi sono rotto: ho chiesto dove potevo acquistare il biglietto del ritorno (al Bar Villa). Lì niente panini, allora sono stato in altri 4 bar, ma la risposta era “no”, oppure “se vuoi facciamo aperitivi”. Ho chiesto ad un ragazzo se ci fosse una pizzeria o un bar dove facessero panini e mi ha risposto schifato: “No, a quest’ora no”. Ma scusa, voi a che ora mangiate, solo di sera? Boh
Siccome aveva smesso di diluviare me ne sono tornato “da Padre Pio” per far passare il tempo e asciugarmi un po’ camminando. E comunque avevo ragione io: Frate Francesco Forgione era originario di Pietrelcina, provincia di Benevento, e quindi in Campania!
 
 
19:52. Arrivato a Foggia pioveva. Strano. Faccio un giro in centro. Negozi chiusi: ovvio, è presto. Quello che è singolare è che non c’è proprio nessuno in giro, ma nessuno! A parte venditori ambulanti e  zingari, quelli sono in giro 24h no stop.
Ti dico che alle 3 ho fatto a piedi dalla cattedrale a Piazza Umberto Giordano e non ho incontrato nessuno. Pieno centro. I pochi che passavano mi guardavano un po’ con timore, come si farebbe se incontrassi uno alle 3… di notte!
A questo punto me ne sono andato al bar della stazione a leggere bevendo un cappuccio. Padre Pio mi ha proprio fatto scontare il pellegrinaggio.
Continua a piovere, imperterrito. Beh, fa parte del sacrificio, no? In ogni caso niente guasta la mia soddisfazione. Primo perché a me piace fare ciò che dico di fare, e secondo perché a questa cosa ci tenevo. Vorrei già tornare qui. C’è stato un momento in cui mi sono detto: “l’ho fatto, sono venuto fin qui, ci sono!
A metà pomeriggio vinco l’abbiocco pesantissimo che rischia di farmi addormentare al bar e mi sparo un altro giro. Qualche negozio aperto c’è, ma pochi: è domenica.
Gironzolo, la città è anche carina, ma visto il meteo mi infilo nei negozi aperti. Verso le 7 inizio a cercare una pizzeria. Ho voglia di pizza, caspita, e soprattutto di sedermi al caldo e all’asciutto. Dopo un bel po’ di ricerche ne trovo una, ma dicono che prima delle 8 non fanno la pizza. Ne trovo altre 3, nei dintorni della stazione, ma con lo stesso risultato. In una addirittura sono entrato e, dopo qualche minuto, sono uscito senza neanche che se ne accorgessero. Mi arrendo: vado al cinese, ma ho l’amara sorpresa, rimbalzato anche lì, aprono alle 8.
Ora sono tornato alla prima pizzeria e mentre scrivo mi sono pappato una bella pizza, mi viene già sonno.
 
 
Ore 6. Me ne sono tornato al bar della stazione in attesa del treno. Alle 21 chiude e alle 22 arriva il mio treno. Mi viene subito l’abbioccone. Stavolta lo scompartimento è pieno e praticamente ad ogni stazione c’è gente che sale o scende, si vede che è il treno del lunedì mattina. Riesco a dormire un po’, ma pochissimo, non sono abituato. Poi a Piacenza mi sveglio definitivamente e mi preparo. Per fortuna: mi viene un colpo di sonno e mi risveglio che il treno sta per ripartire da Voghera! Panico! Prendo su lo zainetto, la giacca e mi catapulto letteralmente giù dal treno. È andata bene: ho dimenticato solo la sciarpa, pazienza. Ora me ne vado nel letto fino a ora di pranzo!
 

Commenti

comments

Un commento all'articolo 'Padre Pio – seconda parte'

  1. 9 Marzo 2015 alle 19:39
    yvonne buscone

Scrivi un commento a "Padre Pio - seconda parte"