Partenza da Brallo alle ore 9 o 30 circa, per poi prendere la SS 45 della Val Trebbia in direzione Genova. E’ una strada molto antica, c’è da tantissimo tempo. Attraversa, tra gli altri, il paese di Montebruno, anticamente chiamato Castrum Montisbruni. Da Genova in avanti tutta autostrada fino a Rapallo. Chiamiamola pausa pranzo, al solito ristorante sotto i portici vicino al duomo. Dopo un rapido passaggio a casa, di nuovo in autostrada in direzione La Spezia e giù fino a Lucca dove anche solo dalla macchina si possono osservare le sue famose mura. In seguito in strada statale fino a Montecatini. Sono passato davanti alla Dubin, la mitica ditta di abbigliamento da Sci. Sapevo che era in zona, ma non dove fosse di preciso. Montecatini è un simpatico paesone, anche se è in collina, è tutto pianeggiante. Nonostante il caldo afoso in giro c’era qualche persona. Sembra come Salice, ma più grande e più viva. c’è pieno di negozi e quindi c’è vita anche di giorno e non solo alle sera. Dopo una visita alla basilica minore di stile moderno, ancora statale fino a Pistoia.


Montecatini Terme

Grazie agli aiuti di Christian vis SMS chiamo e prenoto un B&B, dopo aver parcheggiato in un parcheggio ai margini del centro. Veramente bello, veramente carino. Sia la città che il posto. Era al secondo piano, in una piazzetta molto caratteristica. Appena dietro c’è la Piazza del duomo, dove facevano le prove di una giostra che ci sarebbe stata nei giorni successivi. Come in una giostra medievale il cavaliere doveva colpire con una lancia il braccio di un fantoccio di legno, anche andando al galoppo. Per niente facile.
In giro i negozi erano quelli di tutte le città d’Italia: Benetton, Stefanel, Yamamay, Guess, Intimissimi, Calzedonia, ecc, ma bastava spostarsi nelle viette laterali per scoprire ancora qualcosa di caratteristico.

Commenti

comments