La lottatrice col velo

Scritto il 24 Dicembre 2016 nella categoria Riflessioni

Turchia, la lottatrice con il velo
che non piace ai conservatori

Kübra Dagli, campionessa di taekwondo, è stata attaccata:
«Piedi nudi, testa coperta, le cosce e i fianchi esposti, sei solo una merce»

articolo del Corriere della Sera

 Il rispetto delle donne parte anche da questo. 

In Italia discutiamo sulla libertà delle donne di vestirsi come vogliono senza dover correre il rischio di essere molestate (fisicamente o psicologicamente), qui si insulta un’atleta per quello che fa.

Mi piacerebbe conoscere l’opinione delle mie amiche.

E mi fa amaramente sorridere che, girando pagina del Corriere, leggo che la Boldrini è andata a manifestare in Calabria per difendere la dignità delle donne.

Sara Credo che in alcuni stati e da alcuni religioni le donne non verranno mai rispettate. Credo che ogni donna abbia il diritto di vestirsi come crede senza timore. Ma forse é utopia. Ammiro chi ha la forza ed il coraggio di essere se stessa nonostante tutto e tutti.
 
Sabrina Una donna deve essere libera di pensare,di agire,di parlare e do vestirsi come vuole. Ma purtroppo questo non è sempre possibile causa gli usi e costumi di certi state e di certo religioni
Miky Hai chieso l’opinione delle tue amiche ma credo che questo post debba far riflettere sopratutto noi maschietti: da secoli, in ogni parte del mondo e nelle forme più svariate, molti di noi provano ad arginare, isolare, ghettizzare le donne… Credo sia la forma più triste e meschina per evidenziare la paura del nostro sesso davanti a tanta tenacia, intelligenza, bellezza e manifesta superiorità femminile…
Valeria Penso che opinioni ,insulti ,complimenti e lodi debbano essere rapportati a chi li esprime …per me uomini,se così si possono chiamare ,che pensano in questo modo non sono degni ne di un monito ne di una riflessione ….quando il livello è troppo basso direi che lo snobismo è l’unica strada da seguire …
Anita Hai chiesto l’opinione delle tue amiche ma credo che questo debba far riflettere soprattutto la categoria uomini. Quelli con la U maiuscola però! Il rispetto per le donne in certi paesi purtroppo non ci sarà mai ed è incredibile e assurdo nel 2016! Ogni donna deve essere libera di vestirsi come crede e per questo non dovrebbe essere né giudicata né rischiare violenze eppure succede. Si parla anche di parità tra uomo e donna e anche qui ancora non ci siamo basta pensare che l’ONU aveva la possibilità di nominare una donna a capo della stessa ma ha scelto un uomo..e avanti così si va solo indietro!
Barbara Io credo sia soprattutto questione di buonsenso.. e finché un velo genererà reazioni sia da una parte (pro) sia dall’altra (contro) … la strada è ancora lunga…
 

Commenti

comments

Scrivi un commento a "La lottatrice col velo"