Warning: Use of undefined constant read_seconds - assumed 'read_seconds' (this will throw an Error in a future version of PHP) in D:\inetpub\webs\fabiotordiit\blog\wp-content\plugins\ST4_most_read.php on line 142
Hard Disney – fabiotordi

(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Hard Disney

Cosa hanno combinato a Disneyland Paris?

Quei burloni che impersonano Minni, Topolino, Pippo, Pluto, ecc. hanno pensato bene, in un attimo di tranquillità, vi mimare atti sessuali, mentre un loro degno compare li stava riprendendo.

Ora il video sta girando su internet col nome di “Orgia dei Topolini” (lo so, adesso andrete tutti a cercarlo, vi dico solo che su YouTube l’hanno rimosso, ma lo troverete lo stesso in giro).

Pare che l’allegra brigata sia stata licenziata in tronco.

Commenti

comments

Previous

Mi hanno scippato la prima serata

Next

Me gustas tu (2002)

4 Comments

  1. XXX

    Eilà, Fabio.
    Mi sono imbattuto sul tuo blog solo da poco, grazie alla segnalazione di Massimo “The Lomb”. Ho letto la tua esperienza in quel di London. Se lo avessi saputo prima, ci saremmo potuti vedere. Anch’io nel periodo agostano mi trovavo in bivacco a Chealse e dintorni. Ti starai chiedendo chi sono! Una persona che ha lavorato con te e che ti ha apprezzato e continua a farlo leggendo la raccolta dei tuoi pensieri. Cheers….

  2. Ma dai! Che bello, pensa te! Ma adesso cosa fai, dove sei? E’ un bel po’ che non ci sentiamo (da quando non lavoriamo più insieme). Lavori sempre nella ditta di tuo padre? Hai cambiato lavoro? Che fai? E l’India? E Atene?

    Ti ho riconosciuto?
    Fatti vivo, magari ci andiamo a bere una birra.

  3. Andrea

    Mi hai riconosciuto! Non hai esitato neanche per un attimo. Non sono riuscito a reperire la tua mail. Fatti vivo a quest’indirizzo , così possiamo dialogare con più intimità.

  4. Andrea

    Ops, non visualizza l’indirizzo. andreaATpupazzoDOTorg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén