(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Notte di marzo

E’ da poco passata mezzanotte di questo giorno di Marzo. Nei giorni scorsi sembrava essere arrivata di brutto la primavera, ma il tempo pazzerello da copione ci ha fatto lo scherzetto e abbiamo tirato fuori ancora i piumini dall’armadio. Un anno fa ero in dirittura d’arrivo per la laurea in economia. Giorni fa un’amica mi ha detto, parlando di studi universitari: "tu hai già data, e forse fin troppo"… boh, senza false modestie che non mi sono congeniali (perlomeno in questi discorsi notturni tra me e me)… a me non sembra. Cioè io ho sempre fatto quello che mi sentivo di fare, non mi sembra di aver fatto mai l’impresa eccezionale (quella di cui parla J Ax degli Articolo31 in questa canzone.. qualcosa di "unico e di grande"). Boh… Elisa mi dice che sono più forte di quello che penso di essere, può darsi.. Io non dico che non ho fatto nulla nella mia vita, tuttaltro, a me sembra di aver fatto un sacco di cose, tantissimissime. E altrettanto tantissimissime vorrei farne ancora, anzi mooooooooooooooooooooolte di pù (ma mooooooolte). E’ che… beh forse è proprio questo il punto. Per quella strana convenzione sociale, quel abituale modo di pensare, le "imprese eccezionali" sono, appunto, eccezionali e quindi soggette ad eccezione. Io non la penso così: ci sono tante cose che si possono fare semplicemente utilizzando un modo di pensare diverso dal solito. "Think different", ci dice quel genio di Steve Jobs. E perchè lui è un genio? Proprio per quello, perchè lui riesce a vedere le cose anche dove non ci sono, ad utilizzare le cose in modo diverso. Il lettore mp3 è già stato inventato? E lui inventa l’iPod, un concetto differente di ascolatare gli mp3. Il telefonino l’ha inventato guglielmomarconiitalianopremionobelnelmillenovecentonove? E lui lo reinventa con l’iPhone, che non è un telefonino, è un concettonuovo. Io non pretendo e non sono certo un genio, ma mi piace moltissimo questo approccio alla vita che mi circonda: think different. Vuoi fare una cosa? Falla. Non è fattibile attraverso i canali tradizionali? Inventati un "hack". Sapete cos’è un hack? E’ un "trucco", o meglio è un metodo per un diverso utilizzo delle cose. E’ da quel termine che deriva la parola "hacker". Gli hackers sono persone che utilizzano strumenti (solitamente o prevalentemente  informatici) in modi per i quali non erano stati pensati. Un po’ come faceva mecgaiver nei telefilm. E a me piace vivere così: mi viene un’idea? Vedo se riesco a realizzarla, sfruttando quel po’ di fantasia che Madre Natura mi ha regalato per trovare soluzioni alternative. Se riesco bene, altrimenti non mi cruccio: sto benissimo già come sto.

E due anni fa? Beh nel 2007 ero preoccupato per cosa fare nella stagione estiva, visto che avevo deciso di non ripetere l’esperienza all’estero del 2006 (per nmila motivi). nel 2006 mi preparavo ad andare in Inghilterra (contavo di non andare a Londra dove invece poi sono finito), nel 2005… boh? forse pensavo agli esami dell’università. And so on… E nel quipresente 2009? Beh ragazzi, innanzitutto diciamo che sono una persona felice. Si felice, in fin dei conti ho tutto ciò che una persona potrebbe desiderare. Ho l’ottimismo (Giannniiiiiiii l’ottimismo volaaaa). Ho la salute. Ho la mia famiglia. Ho i miei amici. E ora ho anche Elisa. Cazzo ragazzi (e scusate il turpiloquio, ma quando devo sottolineare una cosa mi viene quasi spontaneo) ora ho proprio tutto.

Con questo non dico che mi sento appagato. O che non ho obiettivi da raggiungere. Tuttaltro. Io mi sento sempre stimolato, sempre col desiderio di raggiungere qualcosa. E oggi ancor di più. Ho altri obiettivi sempre nuovi da raggiungere. Alcuni importanti ed altri meno. E quelli meno importanti, anche se magari più appariscenti… come al solito… se li raggiungo bene, altrimenti… fa lo stesso. Ma è troppo divertente avere degli stimoli e delle idee sempre nuove… e poi mi piace pensare differente

Commenti

comments

Previous

Codice fiscale

Next

Tristezza

1 Comment

  1. kpanic

    ciao fa`, pero` se dici think different aderisci ad un motto finto, diciamo che pensi con la tua testa vah ;) un abrazo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén