(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

Crucifige

Oggi invece sono stufo di tutto questo parlare dei crocifissi nelle aule pubbliche. La corte europea dei diritti dell’uomo ha deciso che occorre toglierli. C’è chi è d’accordo e chi no. Io sono contrario. Non per una qualche battaglia confessionale, ma per difendere la nostra identità.  In primo luogo perchè penso che, con i tanti problemi da risolvere, accanirsi contro i simboli mi sembra superfluo. In second’ordine perchè non trovo giusto eliminare un simbolo così forte di identità culturale. Al di là delle credenze religiose il crocifisso rappresenta la nostra storia, l’Italia è sempre stat intrisa di cultura cattolica. Perchè toglierli? Potrei dire, come fanno molti, che altrove non si sognerebbero neanche di elimiare i propri simboli religiosi in segno di una presunta libertà religiosa. Cosa c’netra la libertà di ognuno di professare la proria religione? Forse un crocifisso la preclude? Non credo proprio. Per eccesso di "politically correct" corriamo il rischio di cadere nel ridicolo. "Vivi e lascia vivere". Proprio per lasciare ad ognuno di noi il diritto di credere o meno, non mi sembra il caso di fare battaglie per eliminare i simboli della cristianità, la trovo una cosa puerile. Il mio vuol essere un discorso laico, a difesa di una cultura millenaria italiana. Mi sembra falso, di facciata e quasi cinico.

Commenti

comments

Previous

Virus mentali

Next

Megastore monomarca

1 Comment

  1. pino

    Eliminando dalle scuole simboli ed idee sulle quali qualcuno può non essere d’accordo, si finirà per eliminare qualsiasi cosa: la filosofia, le teorie scientifiche, i poeti e gli scrittori.

    E poi è davvero politically correct difendere a oltranza i diritti delle minoranze e non quelli della maggior parte delle persone di buon senso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén