Articoli con tag ‘canzoni’

Canto narrativo al Brallo

Scritto il 24 novembre 2018 nella categoria Brallo,musica

Sono entrato in possesso di questo stupendo documento: un disco in vinile, a cura di Luisa Del Giudice, che raccoglie alcuni brani popolari della canzone delle nostre terre. E' stato registrato a Colleri di Brallo nel 1987.
A puntate cercherò di pubblicare alcuni brani e alcune informazioni riguardo l'opera.

Iniziamo col dire che fa parte della collana "Ricerche etnomusicologiche – archivio sonoro", collana discografica realizzata dal Dipartimento di Musica e Spettacolo dell'Università di Bologna e dal Comitato Nazionale Italiano dell'International Council for Traditional Music (UNESCO). Raccoglie materiali sonori delle culture tradizionali con l'intento di presentare ricerche organiche su specifiche situazioni e problemi. Ogni disco è accompagnato da un libretto informativo il più ampio possibile, con trascrizioni musicali. 
"Canto narrativo al Brallo" – La tradizione musicale nell'Appennino Pavese e i suoi protagonisti: il repertorio di canti narrativi della famiglia Tagliani, opera realizzata con il contributo dell'Amministrazione Provinciale di Pavia Assessorato all'Istruzione, Cultura e Formazione Professionale. Registrazioni, edizione e note di Luisa Del Giudice. Trascrizioni musicali: Linda Levin, Los Angeles. Mastering: George Charouas, GTM Producionts, Los Angeles. Febbraio 1990

Commenti

comments

Caino e Abele

Scritto il 27 ottobre 2018 nella categoria musica

Abele l’era bònn, Caino mea taant, a l’era in sö la Bibbia, ma l’era mea un Saant. I eren düü fredèj, ma i eren l’uppòst, diversi del tütt, cumè i pastigli e i süppòst. Abele l’era bell, cumè un atuur francees, Caino l’era brött, che s’cepàva i cineprees. Abele l’era voolt e anca ben piazzàa, Caino l’era göbb e sempru incazzàa.

Sèmm al muund in düü e vöen me sta söi bàll, dumà a vardàll in fàcia me vee vöeja de cupàll. L’è grand e gròss, ma appèna l’è de spàll ghe foo vedé me cume l’è bèla la mia vàll!

Abele cantava le lodi al Signuur cun la vuus meludiusa che el parèva un tenuur, Caino, stunàa el ghe pruvàva per uur, el pàreva un purcèll scüsciàa de un tratùur. Perfino il buon Dio un dè l’ha ciamàa, l’ha stupàa i urècc e pö dopu el g’ha parlaa: Caro Caino, se te voret pregà, sun pròpi cuntèent ma desmètela de cantà, altrimenti i me angeli me perden i piöemm e tücc i pèss i me nèghen in del fiöemm.

Abele l’era in furma e vegetariàn, mangiàva un zìcch de üga e un tuchetènn de pàn e dopu una giurnàda passàda a lavurà el gh’era ammò la forza de cantà e de balà. Caino el cùpava tütt quèll che se muvèva, el majàva cumè un lùff e vacca se’l bevèva e dopu una girnàda passàda ciùcch desfàa, se tràva in söel praa e pö el tacàva a runfà. Per passà un zicch el teemp, i giügàven al balòn, Abele l’era bràvu e quell’oltru un scarpòn, Abele palleggiava che ‘l pareva el Ronaldo, Caino el parèva el fredèll del Braccobaldo. El praa dell’Abele l’era graand cumè el Meazza, nel praa del Caino ghe stava gnaa una tàzza. Nel praa dell’Abele gh’eren tücc i piaant in rìga, nel praa del Caino gh’era là dumà un’urtiga. Nel praa dell’Abele pasculàva el bestiàmm, nel praa del Caino pascullàven i pantegànn.

Una sira el Caino el veed che rüva l’Abele, incazzàa cume el soo mea cussè che ghe s’è ruta la tele. Caino che el g’ha mea la televisiòn el diis che al limite ghe ròla sö un canòn. Abele a bùca vèrta e scandalizzàa el ghe diis: Che vergogna, te seet anca un drugàa! Vergogna de chii, che sèmm che dumà in düü. Quell’oltru ridendo el g’ha respundüü: La Bibbia la diis, che g’ho de fàtt la pèll, però me g’ho un sistèma che l’è ammò püsse bèll: Tiri sö i me stràsc e voo via me, te làssi che a giügà a tennis de par te, te làssi che a giügà a tennis de par te !

Commenti

comments

Come scaricare canzoni mp3 da YouTube

Scritto il 22 febbraio 2017 nella categoria Internet

Volete ascoltare degli mp3 sul computer, sul cellulare, sul tablet o magari nel lettore mp3 e non sapete come scaricarli?

Se si tratta di audio protetti dal diritto d’autore occorre acquistarli tramite uno dei metodi autorizzati (come il celeberrimo iTunes).

Negli altri casi c’è un semplice e rapido trucco per scaricare la traccia audio dai filmati di YouTube.

Io utilizzo il comodissimo servizio di YouTubeTo. Fate come me e non ve ne pentirete, è comodissimo.

Adesso vi spiego punto per punto cosa dovete fare:

  1. Andate su www.youtube.com e cercate la canzone che vi interessa.
     
  2. Nella barra degli indirizzi dovrebbe esserci scritta una cosa del genere:
    https://www.youtube.com/watch?v=HeE2jvVu4mc
     
  3. Modificate tale scritta (che sarebbe il cosiddetto URL, ma non voglio usare parole strane)
    aggiungendo le due lettere "to" in modo da modificare "youtube" in "youtubeto".
    Quindi la scritta di cui sopra deve diventare https://www.youtubeto.com/watch?v=HeE2jvVu4mc
     
  4. Premendo "Invio" finirete sulla pagina di YouTubeTo che vi chiederà se volete scaricare il file in formato audio mp3 oppure video mp4.
     
  5. Fatto! Facile, vero?

Commenti

comments

Ho fatto un sogno

Scritto il 28 maggio 2010 nella categoria musica

Commenti

comments

La grande onda

Scritto il 6 ottobre 2008 nella categoria musica

Dedicata a Umbe, per quando torneremo a bere birra bianca e saltare i tavolini

A cavallo di quest’onda,
sballottato da sponda a sponda,
inseguendo un’altra volta
la grande onda che ritorna
.
Luce rossa squalo in vista,
nella mischia sono surfista.
Pista!!! fuori dai coglioni,
sulla tavola da leoni.
Tra campioni e campionatori
buonanotte ai suonatori,
iri-iri-ari-oh,
dentro l’acqua seguo il flow.

Mai quest’onda mai mi affonderà,
gli squali non mi avranno mai.
Mai quest’onda mai mi affonderà
Sha la la la la Sha la la la la la,
un’altra volta un’altra onda.
Sha la la la la Sha la la la la la,
quanto resisterai?

Quando il vento poi non tira
resteremo alla deriva,
tra le onde di questa vita,
nelle righe di questa rima.
Diversi destini,
partenze arrivi.
Dov’è che vai, cosa farai?
Ti reggerai o scivolerai!
Sai che qui non c’è più tempo
perchè il sole sta scendendo.
Sulla tavola estate inverno,
questa muta che fa da guanto.
Aspettando un’onda lunga,
passa la cera un’altra volta.
Poi col vento nelle mani,
qui il futuro è già domani.

Noi siamo i giovani, i giovani più giovani,
siamo l’esercito, l’esercito del surf

(era Piotta – La Grande Onda)

Commenti

comments

Gente della notte

Scritto il 30 agosto 2005 nella categoria musica

Parlare in una macchina davanti a un portone
ed alle quattro e mezzo fare colazione
con i cornetti caldi e il caffelatte
e quando sorge il sole dire buonanotte
e leggere il giornale prima di tutti,
sapere in anteprima tutti i fatti belli e brutti,
di notte le parole scorrono più lente
però è molto più facile parlare con la gente,
conoscere le storie, ognuna originale,
sapere che nel mondo nessuno è normale.
Ognuno avrà qualcosa che ti potrà insegnare,
gente molto diversa di ogni colore. (Jovanotti)
E' in un giorno di pioggia che ti ho conosciuta, il vento dell'ovest rideva gentile e in un giorno di pioggia ho imparato ad amarti mi hai preso per mano portandomi via. (M.C.R.)
E sarà un'altra volta...per lei Una nuova canzone...per lei Una storia d'amore...Per lei ...lei che dorme e non sa che ci sei... ...lei che forse non la sentirà...mai !!! (Vasco)

Commenti

comments

Teorema

Scritto il 17 agosto 2005 nella categoria musica

Prendi una donna, dille che l’ami scrivile canzoni d’amore mandale rose, poesie dalle anche spremute di cuore; falla sempre sentire importante, dalle il meglio, del meglio che hai cerca di essere un tenero amante, si sempre presente, risolvile i guai. E sta sicuro che ti lascerà chi è troppo amato amore non dà, e sta sicuro che ti lascerà chi meno ama è il più forte si sa. Prendi una donna, trattala male, lascia che ti aspetti per ore, non farti vivo e quando la chiami fallo come fosse un favore fa sentire che è poco importante, dose bene amore e crudeltà, cerca di essere un tenero amante ma fuor dal letto nessuna pietà. E allora si vedrai che t’amerà chi è meno amato più amore ti dà, e allora si vedrai che t’amerà chi meno ama è il più forte si sa.

Commenti

comments