La scorsa settimana sono stato a Milano al Made Expo, la fiera dell’edilizia, design e architettura. Da profano, anzi da profanissimo, vi dirò le mie impressioni. La prima cosa che salta agli occhi è che la parola d’ordine è: isolamento. Ci sono i sistemi per isolare il tetto, le pareti, gli infissi, i pavimenti, i cassonetti, i cortili, ecc.

Gli infissi ormai hanno tutti almeno 3 vetri, di diverso spessore e con intercapedini d’aria. Sono inoltre costruiti in modo che non passa uno spiffero neanche accompagnato dalla guida alpina più esperta. I muri esterni sono straisolatissimi: 10, 15, 20 e più centimetri di materiale isolante, con sopra l’intonaco. Ho visto sistemi costruttivi che permettono facilità e rapidità di posa, accompagnati da perfetto isolamento. Questo è fatto coi materiali più disparati: la vecchia lana di vetro è scomparsa, ora ci sono dei polistiroli di vario tipo, oppure sughero oppure truciolato di legno compresso.

Una cosa particolare l’ho scoperta per la realizzazione dei cortili: grazie a degli speciali strumenti si fa molto prima, si risparmia materiale e il cortile rimane isolato dall’umidità e fa defluire l’acqua. Ottimo. Chissà se tutte queste cose poi nella realtà funzionano come promettono. Poi ho visto i coppi fotovoltaici: sono tegole con già inserito un piccolo pannello per la produzione di energia elettrica. In un altro settore ho visto dei laterizi molto strani, erano mattoni di forme particolari che permettevano un circolo dell’aria con funzione, indovinate un po’, di isolante. Un espositore mostrava addirittura un metodo molto strano per le pareti esterne: venivano ricoperte di vegetazione! C’era addirittura il basilico! Altrove ho scoperto che i coppi non vengono più adagiati direttamente sul tetto, ma rialzati in modo da far circolare l’aria. E poi ho visto tanti sistemi di riscaldamento: a parete, a pavimento… addirittura a soffitto!

E poi e poi e poi… e poi tante altre cose, tra cui le ditte che costruiscono le case prefabbricate in legno "chiavi in mano", con addirittura l’impianto elettrico già bell’e pronto. Comodo se uno vuol costruirsi un bungalow in poco tempo. Oppure la presa d’aria che non fa passare i rumori. Oppure… insomma ho visto tante cose, che magari per un esperto del settore sono normalissime, ma per me erano tutte cose nuove, quindi ho imparato qualcosa in più. 

 

Commenti

comments