Sono un migrante, sono un cantate, un panettiere a Damasco, una stella distante , un pianoforte scordato dentro una sagrestia, l’avanguardia di guardia davanti alla retrovia.
Come posso io non celebrarti vita… oh vita… oh vita…

(Visto 10 volte, di cui 1 oggi)

Commenti

comments