Ragazzi nel 1992 eravamo in quarta. La quarta A ragionieri. Eravamo quasi "grandi". Molti di noi avevano la patente in quanto avevano un anno in più. Quante volte mi hanno dato dei passaggi fino in stazione: Marco, Fabrizio, ecc. Intendiamoci, io qui uso i nomi di battesimo che non usavo praticamente quasi mai, ma lo faccio più che altro per un certo rispetto per la privacy dei miei compagni. Dovrei dire ex-compagni, ma per me saranno compagni per sempre. Se penso alla scuola io penso al Baratta.

Quell’anno mi mancava il mio abituale compagno di banco, Fabio, pertanto non sapevo con chi sistemarmi. Siccome tutti erano già accoppiati, mi sono ritrovato Andrea. Penso che a conti fatti era la peggior soluzione possibile. Non aveva mai niente: niente libri, niente quaderni, penne, astucci, fogli… nulla di nulla. Usavamo in due quello che portavo solo io.
Fortunatamente non era quasi mai in classe, perso com’era a gironzolare per la scuola. Andrea era un personaggio strano. Egoista, egocentrico, pieno di sè, divertente, spigliato, spiritoso e belloccio. Era l’idolo delle primine. Piaceva anche a quelle un po’ più grandicelle, ma molte non lo avrebbero mai ammesso. Per 5 anni ha tirato a campare. Non era per niente stupido, ma non studiava una mazza, e alla fine faceva i salti mortali per non essere bocciato. E ci riusciva regolarmente. Questo lo ha probabilmente portato a deliri di onnipotenza (non ci voleva molto) e si è comportato nello stesso modo durante l’esame di maturità, uno show che gli è costato la bocciatura. Ci ho litigato mille volte in quei 5 anni. Però in fondo avevo una certa ammirazione per lui, per il suo essere così disinvolto come io non ero affatto. Era fondamentalmente un pirla, con tutte le accezioni che ha questo termine, ma magari col tempo è migliorato, non lo vedo da qualche anno. Di solito a trent’anni si matura un po’. Grazie a lui siamo riusciti ad andare in gita in quinta, non finirò mai di ringraziarlo per questo.

In quarta invece andammo in Toscana. Probabilmente non ci voleva accompagnare nessuno, non mi ricordo di preciso, fatto sta che alla fine ci portò la Aprea. Era una prof molto giovane, originaria di Napoli, che da noi faceva la supplente della Maione (economia e diritto – solo in una scuola pazza come quella italiana possono mettere lo stesso docente a insegnare due materie diverse come economia e diritto…). Ma prima vi racconto un’altra cosa: io e Andrea eravamo all’ultimo banco in fila centrale, il più bello della classe, in quanto i prof  ti vedono pochissimo. Inoltre davanti a me avevo due energumeni abbastanza ben piazzati che mi oscuravano completamente alla visuale dei professori. Stefano e Marco. Il primo era un ragazzone allegro e simpatico, più alto della media. Ci ritrovavamo spesso al mattino alla fermata del bus alla stazione dei treni. Io abito li vicino e ne approfittavo per raggiungere il Baratta coi mezzi, visto che per i primi 4 anni non si era mai visto un controllore ! Nell’attesa si rideva e si scherzava con Stefano e i suoi amici. Adesso lo vedo ogni tanto, visto che lavora a Voghera e abita nella zona. Quando lo incontro in giro e sono con qualcuno dico "quello lì era un mio compagno di classe" e quasi nessuno ci crede: "Sembra molto più vecchio di te". Non prendertela Stefano, mi capita spesso, e non solo con te. I casi sono due: o sembro effettivamente più giovane (grazie, grazie… mi autoincenso), oppure ho compagnie molto bugiarde…
Marco era considerato un altro belloccio della classe, anzi anche della scuola. Lui negava e magari nega tuttora, ma in fondo era così. Era fenomenale per il suo modo di fare: come gesticolava, come si muoveva e soprattutto per le mitiche frasi che usava. Niente di particolarmente originale, era il modo in cui le diceva che ti faceva piegare. Sentite questa: un suo classico modo di dire era "Signoriiiiiiiiiii" e una volta la professoressa Coda, di Inglese, gli voleva far tradurre una lettera commerciale che iniziava con "Dear Sirs". Lui attacca e fa: "Signorii"…. e giù tutti a ridere. Si lo so, detta così non fa per niente ridere, ma se i miei compagni se la ricordano sono sicuro che in questo momento stanno sorridendo. Anche Marco lo vedo ogni tanto, anzi mi ha anche rifilato venduto un telefono…


[…continua domani]

Commenti

comments