Ho letto questo libro di Lucio Figini: “L’educazione può uccidere”.
Ovviamente non ve lo spoilero però vi dico subito che mi è piaciuto parecchio. Rispetto agli ultimi due che ho letto, mi è piaciuto molto di più de “La bambina del mare” e anche più de “La morte è una convinta democratica“.

Suspense, azione, mistero, nel finale addirittura quasi un po’ splatter (non è vero, però poco ci manca). Il tutto dosato con maestria, nei punti giusti e al momento giusto.

Ambientato tra Sestri Levante, Genova, Zoagli e Torino. Si capisce che il personaggio è un po’ lui stesso (ovviamente catapultato nel racconto). Mi piacciono i libri che ti invogliano a incominciare il capitolo successivo. Leggerò sicuramente il seguito, uscito l’anno scorso

(Visto 45 volte, di cui 1 oggi)

Commenti

comments