Adria la ze un amore,
che se te la vedi e te la conossi te se slarga el cuore.
Quanta storia in Cattedrale
e po zo fin alla Tomba
a scoltar un madrigale
o a sentir le orasion che rimbomba. La cesa de i do leoni,
el Museo co la roba etrusca,
in qualche anfora
i ga catà ancora la crusca,
el Teatro famoso per soprani e tenori, perché i Adrioti de lirica
i ze tanto intenditori.
I passi lungo el corso
a vardare i negossi
e al mercà del sabo mattina
a comprare el bolito, ma co i ossi. El Canal Bianco gonfio e largo
e i pescadori coi tramaci a slargo. Adria mia,
da ti go lassà el me cuore
e ogni volta che torno el ze un dolore. Perchè penso a quei che ze restà
e a quei che no ghe ze più. Alora me giro in volta,
me scapa na lagrema
e col naso tiro su.

(Visto 14 volte, di cui 1 oggi)

Commenti

comments