Dottore mi aiuti, sono finito nel tunnel di Real Time. Proverò a fare un po’ di terapia raccontando la mia storia.

Da quando c’è stato lo switch-off del segnale tv analogico, mi sono ritrovato un sacco di canali inutili in più sul mio televisore di casa. Al momento non ho fatto tanto caso a Real Time, ci passavo qualche volta facendo zapping, ma non mi soffermavo più di tanto. Una sera ero casualmente su RT mentre scorrevo i vari canali quando ho smesso di pigiare i tasti del telecomando e mi sono appassionato a quel programma. Ancora non lo sapevo,ma stavo cadendo nel baratro della teleassuefazione, nella dipendenza catodica da Real Time. Quel programma era Vendo Casa Disperatamente.

Nei giorni successivi ho scoperto anche "Cucine da incubo USA", "Wedding Planners", "Chirurgia XXL", "Ma come ti vesti?", "Paint Your Life", "Vendo Casa Disperatamente", "Cortesie per gli Ospiti", "Il Boss delle Torte", "Fuori Menu" e tutta un’altra serie di improbabili programmi.

Il mio preferito rimane "Vendo casa disperatamente". Funziona così: una mediatrice immobiliare, Paola Marella, donna elegante dal ciuffo colorato, visita tre immobili che i proprietari faticano a vendere. L’esperta individua un possibile acquirente e gli fa visitare le tre soluzioni. Qui scatta in azione anche Andrea, l’architetto, che, una volta individuata la casa più adattabile al cliente, trasforma l’abitazione in base ai suoi (a volte discutibili) gusti e a quelli del tizio che cerca casa. Dopo pochi giorni, dopo che l’appartamento è stato invaso da muratori, carpentieri, tappezzieri, elettricisti, piastrellisti, falegnami, e chi più ne ha più ne metta, vegono invitiati sial l’acquirente che il venditore (che nel frattempo evidentemente ha soggiornato altrove) a vedere il risultato.

Poi c’è "Cerco Casa Disperatamente" dove dei personaggi, solitamente danarosi, molto danarosi, cercano una casa su misura delle proprie esigenze. Gente che hai dei budget che si aggirano anche  su qualche milione di euro. Si avete letto bene: qualche milione. Ma scusa, per quella cifra lì, non ho bisogno di Paola Marrella, me la faccio costruire come dico io la casa!!

Anche "Ma come ti vesti" è forte. Il wedding planner Enzo Miccio e una tipa di cui non ricordo mai il nome, ma che sembra la mamma della Hunziker (è identica, solo con gli anni in più) prendono un povero malcapitato (o malcapitata) che gli è stato segnalato da qualche amico / familiare per il modo di vestire un po’ innapropriato. Per prima cosa si fanno mostrare i capi provenienti dal guardaroba della "vittima", che vengono regolarmente derisi e buttati quasi tutti nel bidone dei rifiuti. La seconda parte vede i due lookologi che consigliano il tizio nell’acquisto di un nuovo guardaroba, con un budget di millecinquecento euro. Spesso devono comunque intervenire ancora loro perchè il tizio in questione continua a comprare abiti assurdi. Alla fine lo fanno incontrare con gli amici /familiari stronzi che lo hanno sputtanato in televisione, per dimostrare loro il cambio di look.

Ultimamente mi ha preso bene anche "Cucine da incubo USA", dove Gordon Ramsey aiuta il proprietario di un ristorante che non funziona tanto bene a scoprire e risolvere i problemi: magari sono i camerieri, a volte la qualità del cibo, oppure la mancanza di coordinazione, ecc. Beh, detto così non sembra interessante, così come gli altri programmi, ma poi dopo un paio di settimane ti scoprirai a tenere acceso la TV su Real Time a qualsiasi ora del giorno….

Sul sito ho fatto il test  per sapere che personagigo sono e il risultato è:

Sei Paola Marella
La casa di Real Time è il tuo mondo. Ti piace frequentare casa di amici, osservandone con curiosità disposizione e arredamento. Lo studio è il tuo spazio preferito. Sei preciso e determinato, creativo e dinamico.

Commenti

comments