Han Solo nella grafite

Scritto il 3 Febbraio 2017 nella categoria Citazioni

 "Qualche anno fa mi si è ingrigito il pelo, per la prima volta ho tirato il freno, incerto se fossi l’unico scemo o l’ultimo a crederci per davvero.

Mai cresciuto come Peter Pan con la labirintite, da solo, bloccato in studio: Han Solo, nella grafite.

Mi ero chiuso in un bar e mi chiedevo ma che senso ha

Allora perché non sei morto giovane vent’anni fa?

Ricominciare da meno di zero e finalmente sollevare il velo: e raccontarmi veramente, non l’immagine vincente che la gente prova a vendere di sé.
L’altro *Natale* stavo giù in cantina, piangevo sui cartoni del trasloco…che quando hai visto il mondo dalla cima, dopo sei intrappolato al top come un topo.
E per la strada mi chiamano "zio". E’ Philadelphia e io sono Rocky, sarà che al posto di un bambino, Dio mi ha dato due milioni di nipoti.
L’amicizia che è finita come sempre nella vita per le donne, la politica, l’orgoglio e il vile cash
Benvenuti a tutti quelli come me"

Commenti

comments

Scrivi un commento a "Han Solo nella grafite"