(raccolta molto sparsa di pensieri)

fabiotordi

UBI Banca

La burocrazia: mi arriva una busta da UBI BANCA, dove ho chiuso il conto da circa 8/9 anni. C’è un assegno di €12,00. Loro hanno avuto tutti questi anni per spedirlo, io ho un mese e poco più per incassarlo. Vado subito, alla filiale di Voghera di via Matteotti, dove avevo il conto cointestato con mia mamma. Morale: non ho potuto incassare questa grande cifra perché avrei dovuto presentare la successione, visto che mia madre è morta 7 anni fa. E portare anche i miei fratelli, coeredi. Sempre contento di aver chiuso il conto lì.

Ho provato ad incassarlo presso altre banche, ma tutti mi hanno detto che non era possibile, e mi consigliavano di andare direttamente alla UBI, per quella ridicola cifra me lo avrebbero di sicuro pagato (si, come no). Un giorno passo davanti alla filiale UBI di Varzi ed entro. In neanche 5 minuti avevo i miei 12 euro sonanti in mano (si, perchè me li ha pagati in moneta) che ho prontamente investito in un panino. Grazie UBI di Varzi e vaff…. alla UBI di Voghera.

Commenti

comments

Previous

Vipira

Next

Le borse del Panettiere Volante

1 Comment

  1. Andrea

    E’ la dimostrazione che ogni f…king filiale può fare quello che vuole e che le regole che a volte ci propinano dipendono solo ed esclusivamente dai direttori. Non esistono nella realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén