Oggi vi racconto una storia. Nel dicembre del 1943 un piccolo aereo, il Mosquito MKIX decollato da Tunisi, sta sorvolando la Val Trebbia per scattare delle foto, quando viene intercettato da un aereo da guerra della Luftwaffe e abbattuto. Si schianta alle pendici del monte Lesima. Il pilota riesce a lanciarsi prima dell’impatto, si salva (ma sarà imprigionato). Il navigatore, un ragazzo di 27 anni, non ce la fa e verrà sepolto provvisoriamente nel cimitero di Corbesassi.

Nel novembre del 2014 alcuni componenti del GRAC Piacenza (Gruppo Ricercatori Aerei Caduti) si mettono alla ricerca dei resti di questo velivolo e arrivano a Brallo dove parlano con un certo Tordi Ciriaco, detto Ciro (in realtà trattasi di Siro, mio padre) che dice di ricordarsi l’avvenimento e gli fa il nome di un suo amico e coscritto, Arturo Buscone, che sicuramente li avrebbe aiutati.

La storia completa del ritrovamento la trovate qui:
https://www.gracpiacenza.com/mosquito-mkix-monte-lesima.html

Commenti

comments