Ho letto questo libro di Massimo Gardella: Il male quotidiano.

Oh ragazzi, questo sa scrivere e scrive molto bene. Il libro mi ha subito intrigato, e mi ha accompagnato verso la fine, quando ti chiedi proprio come andrà a finire…

È ambientato tra Pavia, il ponte della Becca, Milano e l’immaginario Zeccheto. L’ispettore Jacobi della polizia di Pavia indaga su un atroce ritrovamento. Pagina dopo pagina verranno a galla anche gli aspetti della sua vita, passata e presente e, forse, futura. Ricordi a volte torbidi e turbinanti, così come il fiume sulle cui rive l’ispettore cerca di risolvere il caso.

(Visto 4 volte, di cui 1 oggi)

Commenti

comments